Simile evoluzione di quasispecie del virus della epatite B nei pazienti con risposta incompleta a Adefovir trattati con combinazione di Tenofovir e Emtricitabina oppure Tenofovir in monoterapia


Le mutazioni di resistenza a Adefovir ( ADV ) inducono una resistenza crociata di basso livello a Tenofovir in vitro. Sono state confrontate cinetica virale, mutazioni di resistenza ad analoghi nucleosidici e nucleotidici, evoluzione delle quasispecie ( QS ) durante la terapia con Tenofovir disoproxil fumarato ( TDF; Viread ) o Emtricitabina + TDF ( FTC/TDF; Truvada ) in pazienti selezionati con risposte incomplete ad Adefovir.

I pazienti con epatite cronica B e risposta incompleta ad Adefovir sono stati randomizzati in uno studio in doppio cieco di confronto tra TDF vs FTC/TDF.
Una analisi estesa della evoluzione delle quasispecie è stata eseguita in 17 pazienti durante 48 settimane di trattamento.

Alla settimana 24, il 48% dei pazienti ( 9 su 17 ) ha raggiunto lo stato di HBV DNA non-rilevabile ( meno di 69 UI/ml ), senza alcuna differenza tra i gruppi di trattamento.

Mutazioni di resistenza a Adefovir e/o Lamivudina ( LAM ) sono state rilevate in tutti i 17 pazienti al basale e in 5 pazienti su 6 analizzabili alla settimana 48.

Sono stati analizzati in totale 1.224 cloni di trascrittasi inversa. L'analisi clonale non ha rilevato alcuna differenza significativa al basale nella complessità o diversità delle quasispecie tra i gruppi di trattamento.
C'è stata una tendenza in entrambi i gruppi di trattamento verso un aumento della complessità delle quasispecie alla settimana 12, seguita da una diminuzione della complessità e della diversità alla settimana 48.

L’analisi dei singoli pazienti non ha mostrato alcuna coerente selezione / accumulo di specifici pattern di resistenza virale durante il trattamento, ma alla settimana 48, in 4 pazienti persistevano mutazioni a rtA181.

In conclusione, Tenofovir disoproxil fumarato o l’associazione Emtricitabina e Tenofovir disoproxil fumarato hanno dimostrato una forte soppressione virale nei pazienti con risposta incompleta ad Adefovir e nessuna significativa pressione selettiva su ceppi resistenti a Adefovir o Lamivudina pre-esistenti.
La monoterapia con TDF e la terapia di combinazione FTC/TDF hanno avuto un impatto simile sulla evoluzione delle quasispecie. ( Xagena2013 )

Lavocat F et al, J Hepatol 2013; 59: 4: 684-695

Inf2013 Gastro2013 Farma2013


Indietro

Altri articoli

Bictegravir è un potente inibitore del trasferimento del filamento dell'integrasi ( INSTI ) con un'elevata barriera genetica alla resistenza. Bictegravir,...



Efficaci regimi di due farmaci possono ridurre l'esposizione al farmaco a lungo termine e la tossicità della terapia antiretrovirale HIV-1...


Il trattamento attuale per le persone con infezione da HIV con insufficienza renale in emodialisi richiede spesso regimi complessi con...


La profilassi pre-esposizione ( PrEP ) con Emtricitabina e Tenofovir disoproxil fumarato ( Truvada ) è altamente protettiva contro l'infezione...



L'Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA ( Food and Drug Administration ) ha aprpovato Biktarvy ( Bictegravir, Emtricitabina e Tenofovir...


Symtuza è un medicinale antivirale utilizzato nel trattamento del virus dell’immunodeficienza umana di tipo 1 ( HIV-1 ) negli adulti...


Gli inibitori dello strand transfer dell’integrasi ( INSTI ) sono componenti raccomandati della terapia iniziale antiretrovirale con due inibitori nucleosidici...


Gli inibitori dello strand transfer dell’integrasi ( INSTI ) co-somministrati con due inibitori nucleosidici o nucleotidici della trascrittasi inversa (...