Complicazioni materne ed esito di gravidanza in donne con valvola cardiaca prostetica meccanica trattate con Enoxaparina


Un gruppo di Ricercatori di Auckland, in Nuova Zelanda, ha portato a termine una verifica retrospettiva per determinare gli esiti materni e fetali in donne con valvole cardiache meccaniche gestite con dosi terapeutiche ( 1 mg/kg due volte al giorno ) di Enoxaparina ( Clexane ) durante la gravidanza.

Sono state identificate donne con valvola cardiaca meccanica trattate con Enoxaparina in qualunque stadio della gravidanza ( 1997-2008 ) e donne con prescrizione di Enoxaparina per qualunque indicazione nel corso della gravidanza.

Le principali misure di esito includevano complicazioni tromboemboliche ed emorragiche.

Gli esiti di gravidanza o fetali includevano aborto, bambini nati morti, morte infantile e bambini nati vivi, bambini piccoli per età gestazionale, embriopatia da Warfarin e perdita fetale legata a Warfarin.

In totale 31 donne sono state coinvolte in 47 gravidanze.

In 34 gravidanze ( 72.3% ), il trattamento anticoagulante ha previsto soprattutto Enoxaparina e in 13 ( 27.7% ) soprattutto Warfarin ( Coumadin ), con Enoxaparina somministrata nel primo trimestre e/o nel periodo peri-parto.

Si sono manifestate 7 ( 14.9% ) complicanze trombotiche 5 delle quali ( 10.6% ) sono risultate associate al trattamento con Enoxaparina.

In ciascun caso, la mancanza di compliance o livelli sub-terapeutici di anti-Xa hanno contribuito al risultato.

Complicazioni emorragiche antenatali e postparto si sono verificate in 8 ( 17% ) e 15 ( 32% ) gravidanze, rispettivamente.

Delle 35 gravidanze che hanno superato le 20 settimane di gestazione, il 96% ( 22/23 ) delle donne trattate prevalentemente con Enoxaparina ha mostrato sopravvivenza del neonato rispetto al 75% ( 9/12 ) delle donne trattate prevalentemente con Warfarin.

Si sono verificati 4 decessi peri-natali, 3 dei quali attribuibili al Warfarin.

In conclusione, la compliance con dosi terapeutiche di Enoxaparina e Acido Acetilsalicilico ( Aspirina ) durante la gravidanza in donne con valvole cardiache meccaniche è risultata associata a un basso rischio di trombosi della valvola e a buoni esiti fetali, ma è necessario uno stretto controllo. ( Xagena2009 )

McLintock C et al, BJOG. 2009; 116(12): 1585-92
Gyne2009 Cardio2009 Farma2009


Indietro

Altri articoli

Lo studio ENSURE-AF ( EdoxabaN versus warfarin in subjectS UndeRgoing cardiovErsion of Atrial Fibrillation ) sulla anticoagulazione per cardioversione elettrica...


Edoxaban ( Lixiana ), un inibitore orale del fattore Xa, è non-inferiore per la prevenzione di ictus e embolia sistemica...



Il trattamento combinato di Lenalidomide ( Revlimid ) e Desametasone ( Decadron ) è efficace nel trattamento del mieloma multiplo,...


Il trattamento dell’embolia polmonare con Eparina a basso peso molecolare e antagonisti della vitamina K, come Warfarin, non rappresenta l’ideale.È...


Nell’intervento coronarico percutaneo ( PCI ) primario per infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST ( STEMI ) viene in...


Lo studio ADOPT ( Apixaban Dosing to Optimize Protection from Thrombosis ) valutata l'efficacia e la sicurezza di Apixaban, somministrato...


L’efficacia e la sicurezza della profilassi prolungata per il tromboembolismo venoso nei pazienti dopo la dimissione dall’ospedale restano incerte.È stato...


Nei pazienti con mieloma, la Talidomide ( Thalomid ) migliora in modo significativo gli esiti, ma aumenta il rischio di...


I risultati dello studio ATOLL hanno evidenziato che l’Eparina a basso peso molecolare, Enoxaparina ( Clexane, ) è più efficace...