Esomeprazolo non produce benefici nel asma poco controllata


Il reflusso gastroesofageo è comune tra i pazienti asmatici ma spesso causa nessun sintomo o sintomi lievi.
Non è noto se il trattamento del reflusso gastroesofageo con inibitori della pompa protonica in pazienti con asma poco controllata e assenza di sintomi di reflusso possa migliorare in maniera sostanziale il controllo dell’asma.

Sono stati coinvolti in uno studio in doppio cieco 412 soggetti con asma non-controllata in modo adeguato nonostante il trattamento inalatorio con corticosteroidi e con segni minimi o assenti di reflusso gastroesofageo.
Questi soggetti sono stati assegnati in maniera casuale a ricevere 40 mg di Esomeprazolo ( Nexium ) due volte al giorno o placebo.

I partecipanti sono stati seguiti per 24 settimane, e sottoposti a spirometria ogni 4 settimane.
La presenza di reflusso gastroesofageo è stata valutata grazie a monitoraggio ambulatoriale del pH.

L’esito primario era il tasso di episodi di asma poco controllati valutati in base ai diari dei pazienti.

Episodi di asma poco controllata si sono verificati con frequenza simile nel gruppo placebo e in quello Esomeprazolo ( 2.3 e 2.5 eventi per persona/anno rispettivamente; P=0.66 ).

Non si sono verificati effetti del trattamento relativamente ai singoli componenti degli episodi di asma poco controllata o agli esiti secondari ( funzione polmonare, reattività delle vie aeree, controllo dell’asma, gravità dei sintomi, risveglio notturno e qualità di vita ).

La presenza di reflusso gastroesofageo, documentata con il monitoraggio del pH nel 40% dei partecipanti allo studio che presentavano sintomi minimi o assenti, non ha identificato un sottogruppo di pazienti cha hanno beneficiato del trattamento con inibitori della pompa protonica.

Gli eventi avversi gravi sono stati meno numerosi nel gruppo Esomeprazolo che nel gruppo placebo ( 11 vs 17 ).

In conclusione, nonostante un’alta prevalenza di reflusso gastroesofageo asintomatico tra i pazienti con asma poco controllata, il trattamento con inibitori della pompa protonica non ha migliorato il controllo dell’asma.
Il reflusso gastroesofageo non sembra dunque essere la causa dell’asma controllata in modo non soddisfacente. ( Xagena2009 )

Mastronarde JG et al, N Engl J Med 2009; 360: 1487-1499


Pneumo2009 Farma2009 Gastro2009


Indietro

Altri articoli

Mancano dati di alta qualità per quanto riguarda l'efficacia del trattamento acido-soppressivo per il dolore toracico inspiegabile. Lo scopo di...


L’Autorità per il controllo dei farmaci inglesi MHRA ( Medicines and Healthcare products Regulatory Agency ) ha modificato le raccomandazioni...


I cambiamenti associati alla malattia da reflusso gastroesofageo ( MRGE ) nell’istologia dell’esofago sono stati riportati principalmente dopo la terapia...


La malattia da reflusso gastroesofageo ( MRGE ) è una condizione cronica che di solito richiede la terapia di mantenimento...


Il Clopidogrel ( Plavix ) è attivato dal citocromo P450 2C19 ( CYP2C19 ) che anche metabolizza gli inibitori della...


Un tema dibattuto riguarda il trattamento dei pazienti con sintomi tipici della malattia da reflusso gastroesofageo ( MRGE ), senza...


Ricercatori del Drug Safety Research Unit a Southampton in Gran Bretagna hanno compiuto un’analisi del profilo di sicurezza dell’inibitore della...


Il reflusso laringofaringeo è generalmente trattato con inibitori della pompa protonica. Ricercatori del Ludwig Maximilians University Munich, in Germania, hanno...


Uno studio randomizzato, in crossover, ha valutato l’effetto dell’Esomeprazolo ( Nexium ) e di un altro inibitore della pompa protonica,...