Due differenti opzioni di durata della terapia adiuvante con dose intermedia di Interferone alfa-2b in pazienti con melanoma ad alto rischio


La terapia adiuvante con alta dose di Interferone alfa-2b ( Intron A ) migliora la sopravvivenza libera da recidiva nei pazienti con melanoma ad alto rischio, benché i benefici nella sopravvivenza generale siano incerti.
Dati gli effetti tossici dei regimi ad alta dose, sono stati studiati regimi a dosi intermedie.

È stato valutato se la terapia adiuvante con dosi intermedie di Interferone alfa-2b per 1 o 2 anni possa migliorare gli esiti nei pazienti con melanoma cutaneo resecato di stadio IIB-IIC o III.

Lo studio randomizzato, in aperto, di fase 3, a gruppi paralleli è stato condotto tra il 1996 e il 2004.

In totale, 855 pazienti sono stati assegnati in maniera casuale in 35 Centri nei Paesi nordici a 3 gruppi: solo osservazione ( gruppo A ); 4 settimane di induzione ( Interferone alfa-2b 10 milioni di unità a dose fissa per via sottocutanea per 5 giorni a settimana ) seguite da 12 mesi di terapia di mantenimento ( Interferone alfa-2b 10 milioni di unità con dose fissa per via sottocutanea 3 giorni a settimana; gruppo B ) o 1 mese di induzione e 24 mesi di mantenimento ( gruppo C ).

I pazienti sono stati stratificati per Paese e stadio del tumore; i pazienti con malattia di stadio III sono stati ulteriormente stratificati per la presenza di linfonodi metastatici alla diagnosi primaria versus alla recidiva, metastasi linfonodali palpabili versus non-palpabili e numero di linfonodi metastatici.

L’endpoint primario era la sopravvivenza generale nei due gruppi a base di Interferone alfa-2b combinati.

Le analisi sono state per intention-to-treat.

Nello studio, 284 pazienti sono stati assegnati al gruppo A, 285 al gruppo B e 286 al gruppo C; tutti i pazienti sono stati analizzati.

Il tempo di follow-up mediano è stato di 72.4 mesi.

Non sono stati registrati miglioramenti significativi nella sopravvivenza generale nei pazienti trattati con Interferone alfa-2b rispetto alla osservazione: la sopravvivenza generale mediana è stata di 56.1 mesi nel gruppo A, 72.1 mesi nel gruppo B e 64.3 mesi nel gruppo C ( p=0.600 ).

Gli hazard ratio ( HR ) per la sopravvivenza generale sono stati pari a 0.91 ( p=0.642 ) per i gruppi B e C combinati versus osservazione; 0.91 ( p=0.652 ) per il gruppo B versus osservazione e 0.91 ( p=0.858 ) per il gruppo C versus osservazione.

La sopravvivenza mediana libera da recidiva è stata di 23.2 mesi nel gruppo A, 37.8 mesi nel gruppo B e 28.6 mesi nel gruppo C ( p=0.034 ).

L’hazard ratio per sopravvivenza libera da recidiva è stato pari a 0.80 ( p=0.030 ) per i gruppi B e C combinati versus osservazione, 0.77 ( p=0.034 ) per il gruppo B versus osservazione, e 0.83 ( p=0.178 ) per il gruppo C versus osservazione.

I più comuni eventi avversi di grado 3 e 4 sono stati fatigue ( 5 nel gruppo A [ 1.8% ], 28 nel gruppo B [ 9.8% ] e 32 nel gruppo C [ 11.2% ] ), mialgia ( 3 [ 1.1% ], 15 [ 5.3% ], 14 [ 4.9% ], rispettivamente ), e trombocitopenia ( 15 [ 5.3% ], 23 [ 8.1% ] e 8 [ 2.8% ], rispettivamente ).

In conclusione, la terapia adiuvante con dose intermedia di Interferone alfa-2b non ha migliorato significativamente la sopravvivenza generale.
La terapia con Interferone alfa-2b con 1 anno di terapia di mantenimento ha migliorato significativamente la sopravvivenza libera da recidiva, ma non è stato registrato un effetto significativo per la terapia di mantenimento a 2 anni.
Sono in corso ulteriori ricerche per definire il sottogruppo di pazienti che può trarre beneficio dalla terapia adiuvante con Interferone alfa-2b. ( Xagena2011 )

Hansson J et al, Lancet Oncol 2011; 12: 144-152

Onco2011 Dermo2011 Farma2011


Indietro

Altri articoli

Gli studi di fase III nel setting adiuvante hanno riportato benefici significativi sia nella sopravvivenza libera da recidiva ( RFS...


I risultati degli studi PROUD-PV e CONTINUATION-PV hanno mostrato che il Ropeginterferone alfa-2b ( Besremi ) sembra essere più efficace...


Gli studi PROUD-PV e CONTINUATION-PV hanno confrontato il nuovo Interferone monopegilato Ropeginterferone alfa-2b ( Besremi ) con Idrossiurea, la terapia...


Risposte obiettive sono riportate dal 34-37% dei pazienti con melanoma avanzato naive a inibitori PD-1. Il preesistente infiltrato di cellule T...


EURAMOS-1, uno studio internazionale randomizzato e controllato, ha studiato la terapia di mantenimento con Interferone pegilato alfa-2b ( IFN-alfa-2b )...


La Collagenasi di Clostridium histolyticum è l'unico trattamento che la FDA ( Food and Drug Administration ) ha approvato per...


I tassi di risposta virologica sostenuta con Peginterferone - Ribavirina sono bassi nei pazienti con infezione da virus della epatite...


Le opzioni terapeutiche per i pazienti in cui è fallito un nuovo trattamento per l'epatite C sono limitati. EPIC(3) ha...


Il successo della terapia con Interferone pegilato ( PegIFN ) e Ribavirina ( RBV ) per l'epatite cronica C è...


Uno studio ha testato l’ipotesi che la combinazione di Tremelimumab e Interferone alfa-2b ( IntronA ) agendo attraverso meccanismi diversi...