Interferone-alfa-2b peghilato in pazienti giovani con neurofibromi plessiformi


L’Interferone ha proprietà antiproliferative e antiangiogeniche.

Uno studio ha valutato l’efficacia preliminare e ha determinato la dose raccomandata per la fase II dell’Interferone-alfa-2b peghilato ( PegIntron ) in pazienti con neurofibroma plessiforme non-resecabile progressivo o sintomatico.

Il PegInterferone-alfa-2b è stato somministrato a cadenza settimanale in coorti di 3-6 pazienti durante la fase di ricerca della dose, e continuato fino a 2 anni.

In totale, 12 pazienti sono stati trattati alla dose raccomandata per la fase II per ulteriori valutazioni di tossicità e attività.

Nello studio sono stati arruolati 30 pazienti ( età mediana 9.3 anni, intervallo 1.9-34.7 anni ).

Non è stata osservata tossicità dose limitante nei pazienti trattati con 3 microg/kg durante le prime 4 settimane.

Tutti e 5 i pazienti trattati con la dose di 4.5 microg/kg hanno abbandonato lo studio o hanno richiesto riduzioni della dose per tossicità comportamentale o fatigue.

Nel tempo è emersa una tossicità dose limitante simile con il dosaggio di 3 microg/kg.

È stata osservata una tossicità dose-limitante ( mioclono ) in 12 pazienti arruolati alla dose di 1.0 microg/kg.

Undici dei 16 pazienti con dolore hanno mostrato miglioramento e 13 dei 14 con una massa palpabile hanno mostrato diminuzione nelle dimensioni della massa.

Cinque dei 17 pazienti ( 29% ) sottoposti ad analisi volumetrica hanno mostrato una riduzione di volume del 15-22% e 3 di 4 pazienti con progressione documentata per via radiografica prima dell’arruolamento hanno mostrato stabilizzazione o diminuzione.

La dose raccomandata per la fase II di Interferone-alfa-2b pegilato per pazienti pediatrici con neurofibroma plessiforme è di 1 microg/kg/settimana.

Possono manifestarsi miglioramento clinico o radiografico e blocco della crescita.

Lo studio ha dimostrato che il trattamento con Interferone-alfa-2b pegilato in pazienti con neurofibroma plessiforme non-resecabile, progressivo, sintomatico o pericoloso per la vita porta a una riduzione radiografica o a una stabilizzazione delle dimensioni del neurofibroma. ( Xagena2011 )

Jakacki RI et al, Neurology 2011; 76: 265-272


Farma2011 Neuro2011


Indietro

Altri articoli

Gli studi di fase III nel setting adiuvante hanno riportato benefici significativi sia nella sopravvivenza libera da recidiva ( RFS...


I risultati degli studi PROUD-PV e CONTINUATION-PV hanno mostrato che il Ropeginterferone alfa-2b ( Besremi ) sembra essere più efficace...


Gli studi PROUD-PV e CONTINUATION-PV hanno confrontato il nuovo Interferone monopegilato Ropeginterferone alfa-2b ( Besremi ) con Idrossiurea, la terapia...


Risposte obiettive sono riportate dal 34-37% dei pazienti con melanoma avanzato naive a inibitori PD-1. Il preesistente infiltrato di cellule T...


EURAMOS-1, uno studio internazionale randomizzato e controllato, ha studiato la terapia di mantenimento con Interferone pegilato alfa-2b ( IFN-alfa-2b )...


La Collagenasi di Clostridium histolyticum è l'unico trattamento che la FDA ( Food and Drug Administration ) ha approvato per...


I tassi di risposta virologica sostenuta con Peginterferone - Ribavirina sono bassi nei pazienti con infezione da virus della epatite...


Le opzioni terapeutiche per i pazienti in cui è fallito un nuovo trattamento per l'epatite C sono limitati. EPIC(3) ha...


Uno studio ha testato l’ipotesi che la combinazione di Tremelimumab e Interferone alfa-2b ( IntronA ) agendo attraverso meccanismi diversi...


Uno studio ha esaminato l'efficacia e gli effetti negativi della terapia con Interferone pegilato ( Peg-IFN; PegIntron ) più Ribavirina...