Pembrolizumab e Interferone alfa-2b pegilato nel melanoma avanzato


Risposte obiettive sono riportate dal 34-37% dei pazienti con melanoma avanzato naive a inibitori PD-1.
Il preesistente infiltrato di cellule T CD8+ e la firma del gene interferone sono correlate con la risposta al blocco PD-1.

E' stato riportato uno studio di fase Ib/II di combinazione con Pembrolizumab / Interferone pegilato ( IFN-PEG; IntronA ) nel melanoma avanzato naive a PD-1.

L'Interferone pegilato ( 1, 2 e 3 microg/kg per settimana ) è stato aumentato utilizzando un disegno di intervallo di probabilità di tossicità modificato in 3 coorti di 4 pazienti ciascuna, mentre Pembrolizumab ( Keytruda ) è stato dosato a 2 mg/kg ogni 3 settimane nella parte di fase Ib.
Sono stati arruolati 31 pazienti nella parte di fase II.

Gli obiettivi primari erano la sicurezza e l'incidenza di tossicità dose-limitanti. Gli obiettivi secondari includevano il tasso di risposta obiettiva, la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e la sopravvivenza globale.

Sono stati arruolati 43 pazienti con melanoma in stadio IV nelle parti di fase Ib e II dello studio e sono stati inclusi nell'analisi.

Alla data limite dei dati la durata mediana del follow-up era di 25 mesi. Tutti e 43 i pazienti hanno manifestato almeno un evento avverso; eventi avversi correlati al trattamento di grado 3/4 si sono verificati in 21 pazienti su 43 ( 48.8% ).
Risposte obiettive sono state osservate a tutti e tre i livelli di dose tra 43 pazienti valutabili.

Il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) è stato del 60.5%, con il 46.5% dei pazienti che hanno mostrato una risposta in corso.

La sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) mediana è stata di 11.0 mesi in tutti i pazienti e non è stata raggiunta nei pazienti responder, mentre la sopravvivenza globale mediana non è stata raggiunta in tutti i pazienti.
Il tasso di PFS a 2 anni è stato del 46%.

In conclusione, Pembrolizumab / PEG-Interferone ha dimostrato un profilo di tossicità accettabile con prove promettenti di efficacia clinica nel melanoma metastatico naive a PD-1.
Questi risultati supportano ulteriori studi sulla combinazione di Pembrolizumab / PEG-Interferone in questa malattia. ( Xagena2018 )

Davar D et al, J Clin Oncol 2018; 36: 3450-3458

Onco2018 Dermo2018 Farma2018


Indietro

Altri articoli

Gli studi di fase III nel setting adiuvante hanno riportato benefici significativi sia nella sopravvivenza libera da recidiva ( RFS...


I risultati degli studi PROUD-PV e CONTINUATION-PV hanno mostrato che il Ropeginterferone alfa-2b ( Besremi ) sembra essere più efficace...


Gli studi PROUD-PV e CONTINUATION-PV hanno confrontato il nuovo Interferone monopegilato Ropeginterferone alfa-2b ( Besremi ) con Idrossiurea, la terapia...


EURAMOS-1, uno studio internazionale randomizzato e controllato, ha studiato la terapia di mantenimento con Interferone pegilato alfa-2b ( IFN-alfa-2b )...


La Collagenasi di Clostridium histolyticum è l'unico trattamento che la FDA ( Food and Drug Administration ) ha approvato per...


I tassi di risposta virologica sostenuta con Peginterferone - Ribavirina sono bassi nei pazienti con infezione da virus della epatite...


Le opzioni terapeutiche per i pazienti in cui è fallito un nuovo trattamento per l'epatite C sono limitati. EPIC(3) ha...


Il successo della terapia con Interferone pegilato ( PegIFN ) e Ribavirina ( RBV ) per l'epatite cronica C è...


Uno studio ha testato l’ipotesi che la combinazione di Tremelimumab e Interferone alfa-2b ( IntronA ) agendo attraverso meccanismi diversi...