Antagonisti PAR-1: Vorapaxar riduce gli eventi ischemici nei pazienti con storia di infarto miocardico


Uno studio randomizzato ha mostrato che l’antagonista PAR-1, Vorapaxar ( Zontivity ), riduce gli eventi ischemici nei pazienti con malattia aterosclerotica stabile, ma aumenta il sanguinamento.

Il tasso di morte cardiovascolare, infarto miocardico, o ictus è stato del 9.3% con Vorapaxar e del 10.5% con placebo ( hazard ratio, HR=0.87 ).

L'anticoagulante ha aumentato il tasso di emorragia moderata o grave ( 4.2% versus 2.5% ) e il tasso di emorragia intracranica ( 1% versus 0.5% ).

Combinando i risultati di efficacia e di sicurezza è stato ottenuto un risultato neutro per l'esito clinico netto ( HR=0.97, p=0.40 ).

I dati hanno rivelato un sottogruppo di pazienti che hanno ottenuto un beneficio netto: quelli senza una storia di ictus o attacco ischemico transitorio ( TIA ) e un peso corporeo normale ( almeno 59.87 Kg ).
Inoltre, la maggiore riduzione degli eventi clinici si è verificata in pazienti con storia di infarto miocardico.

Lo studio TRA 2ºP-TIMI 50 ha coinvolto 26.449 pazienti con una storia di infarto miocardico, ictus ischemico o arteriopatia periferica, che sono stati randomizzati a Vorapaxar 2.5 mg al giorno oppure a placebo in 1.032 Centri in 32 Paesi.

Due terzi dei pazienti sono stati qualificati sulla base di un precedente infarto miocardico; il 18% aveva avuto un ictus, e il 14% aveva una malattia arteriosa periferica.
La maggior parte dei pazienti ( 94% ) stava assumendo Acido Acetilsalicilico ( Aspirina ), e la maggior parte di coloro che avevano avuto un infarto miocardico stava assumendo anche una tienopiridina.

Dopo una mediana di due anni di follow-up, il Data and Safety Monitoring Board ha raccomandato che i pazienti con una storia di ictus interrompessero Vorapaxar a causa di un aumentato rischio di emorragia intracranica.
Lo studio è proseguito con il resto dei pazienti per un follow-up mediano di 30 mesi.

A tre anni, l'endpoint primario, un composito di morte cardiovascolare, infarto miocardico, o ictus, è stato significativamente ridotto nei pazienti che assumevano Vorapaxar nella coorte complessiva e tra quelli senza una storia di ictus, ma non tra coloro che avevano avuto un ictus ( 15.2% versus 16.4%; HR=0.90 ).

Il vantaggio di Vorapaxar sull'endpoint primario è stato maggiore tra i pazienti con una storia di infarto miocardico ( HR=0.80 ).

Anche un composito costituito dall'endpoint primario più ischemia ricorrente che richiedesse una rivascolarizzazione coronarica urgente, un importante endpoint secondario, è stato ridotto nel gruppo Vorapaxar ( 11.2% versus 12.4%; H= 0.88 ).

L'unico componente individuale dell'endpoint primario che ha mostrato una differenza tra Vorapaxar e il gruppo placebo è stato l’infarto miocardico ( 5.2% con Vorapaxar rispetto a 6.1% con placebo, P=0.001 ).

L'aumento del rischio di emorragia intracranica che ha accompagnato il trattamento con Vorapaxar è stato amplificato nei pazienti con storia di ictus ( 2.4% versus 0.9%, P inferiore a 0.001 ), anche se la differenza è rimasta significativa anche nei pazienti con infarto miocardico e malattia arteriosa periferica ( 0.6% rispetto a 0.4%, P=0.049 ).

L'esito clinico netto non ha favorito Vorapaxar oppure placebo, sia nella coorte generale che nei pazienti senza una storia di ictus. ( Xagena2012 )

Fonte: The New England Journal of Medicine, 2012

Cardio2012 Neuro2012 Farma2012


Indietro

Altri articoli

Vorapaxar, un antagonista del recettore 1 attivato dalla proteasi, è approvato per la prevenzione secondaria di eventi cardiovascolari, ma è...


Vorapaxar ( Zontivity ) riduce la morte cardiovascolare, l’infarto del miocardio, o l’ictus nei pazienti con precedente infarto miocardico, aumentando...


I nuovi dati dello studio TRA 2P-TIMI 50 hanno mostrato che la terapia a lungo termine con Vorapaxar ( Zontivity...


L'obiettivo di uno studio è stato quello di caratterizzare una popolazione gestita medicalmente in una coorte con sindrome coronarica...


Un Comitato consultivo della FDA ( Food and Drug Administration ) ha votato 10 a 1 a favore della approvazione...


Una sottoanalisi ha mostrato che nei pazienti con una storia recente di ictus ischemico, l’aggiunta dell’antiaggregante sperimentale Vorapaxar alla...


Vorapaxar è un nuovo antagonista di PAR-1 ( recettore attivato da proteasi di tipo 1 ), il recettore primario per...


Vorapaxar inibisce l’attivazione piastrinica antagonizzando l’attivazione mediata da trombina del recettore PAR-1 ( recettore attivato da proteasi ) sulle piastrine...


Merck ha annunciato l’intenzione di presentare domanda per l'approvazione di Vorapaxar in una indicazione più ristretta di quanto originariamente previsto,...