Vorapaxar nei pazienti con malattia arteriosa periferica


Vorapaxar è un nuovo antagonista di PAR-1 ( recettore attivato da proteasi di tipo 1 ), il recettore primario per la trombina sulle piastrine umane presente anche sull'endotelio vascolare e sulla muscolatura liscia.
I pazienti con malattia periferica sono a rischio di eventi aterotrombotici sistemici, nonché di ischemia acuta e cronica e con necessità di rivascolarizzazione periferica.

Lo studio TRA2°P-TIMI 50 ( Trial to Assess the Effects of SCH 530348 in Preventing Heart Attack and Stroke in Patients With Atherosclerosis ) è uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo di Vorapaxar in 26.449 pazienti con malattia vascolare aterosclerotica stabile ( infarto miocardico, ictus o malattia arteriosa periferica ).

I pazienti con arteriopatia periferica provata ( n=3.787 ) avevano una storia di claudicazione e un indice caviglia-braccio minore di 0.85 o precedente rivascolarizzazione per ischemia.

L'endpoint primario di efficacia era rappresentato da morte cardiovascolare, infarto miocardico, o ictus; il principale endpoint di sicurezza era il sanguinamento secondo i criteri GUSTO ( Global Utilization of Streptokinase and t-PA for Occluded Coronary Arteries ).

Nella coorte di malattia arteriosa periferica, l'endpoint primario non è risultato differente in modo significativo da Vorapaxar ( 11.3% vs 11.9%; hazard ratio, HR=0.94; P=0.53 ).

Tuttavia, i tassi di ospedalizzazione per ischemia acuta degli arti ( 2.3% vs 3.9%, HR=0.58; P=0.006 ) e di rivascolarizzazione periferica ( 18.4% vs 22.2%, HR=0.84; P=0.017 ) sono risultati significativamente più bassi nei pazienti randomizzati ad assumere Vorapaxar.

Il sanguinamento si è verificato più frequentemente con Vorapaxar rispetto al placebo ( 7.4% vs 4.5%, HR=1.62; P=0.001 ).

In conclusione, Vorapaxar non ha ridotto il rischio di morte cardiovascolare, infarto miocardico, o ictus nei pazienti con malattia arteriosa periferica; tuttavia, Vorapaxar ha ridotto significativamente l’ischemia acuta e la rivascolarizzazione periferica.
Gli effetti benefici dell’antagonismo a PAR-1 sugli eventi vascolari degli arti sono stati accompagnati da un aumento del rischio di sanguinamento. ( Xagena2013 )

Bonaca MP et al, Circulation 2013; 127: 1522-1529

Cardio2013 Neuro2013 Farma2013


Indietro

Altri articoli

Vorapaxar, un antagonista del recettore 1 attivato dalla proteasi, è approvato per la prevenzione secondaria di eventi cardiovascolari, ma è...


Vorapaxar ( Zontivity ) riduce la morte cardiovascolare, l’infarto del miocardio, o l’ictus nei pazienti con precedente infarto miocardico, aumentando...


I nuovi dati dello studio TRA 2P-TIMI 50 hanno mostrato che la terapia a lungo termine con Vorapaxar ( Zontivity...


L'obiettivo di uno studio è stato quello di caratterizzare una popolazione gestita medicalmente in una coorte con sindrome coronarica...


Un Comitato consultivo della FDA ( Food and Drug Administration ) ha votato 10 a 1 a favore della approvazione...


Una sottoanalisi ha mostrato che nei pazienti con una storia recente di ictus ischemico, l’aggiunta dell’antiaggregante sperimentale Vorapaxar alla...


Vorapaxar inibisce l’attivazione piastrinica antagonizzando l’attivazione mediata da trombina del recettore PAR-1 ( recettore attivato da proteasi ) sulle piastrine...


Merck ha annunciato l’intenzione di presentare domanda per l'approvazione di Vorapaxar in una indicazione più ristretta di quanto originariamente previsto,...


Uno studio randomizzato ha mostrato che l’antagonista PAR-1, Vorapaxar ( Zontivity ), riduce gli eventi ischemici nei pazienti con...