Effetto di Denosumab aggiunto a 2 diversi regimi di nab-Paclitaxel come terapia neoadiuvante nei pazienti con tumore mammario primitivo: studio GeparX


Denosumab ( Xgeva ) adiuvante potrebbe migliorare la sopravvivenza libera da malattia ( PFS ) nel tumore mammario primario positivo ai recettori ormonali ( HR+ ).
Il programma ottimale di nab-Paclitaxel ( Abraxane ) neoadiuvante in termini di efficacia e sicurezza non è ben definito.

Si è determinato se l'aggiunta di Denosumab alla chemioterapia neoadiuvante ( NACT ) contenente antracicline / taxani aumenti il tasso di risposta patologica completa ( pCR ) e quale schema di nab-Paclitaxel sia più efficace nell'impostazione NACT.

GeparX era uno studio clinico multicentrico, prospettico, in aperto, di fase 2b, condotto dai gruppi di studio GBG e AGO-B in 38 Centri tedeschi tra il 2017 e il 2019.
Il set di dati di analisi è stato chiuso nel 2020.
I pazienti avevano tumore alla mammella primario unilaterale o bilaterale, stadio cT2-cT4a-d o cT1c, con malattia clinicamente linfonodo-positiva o patologicamente linfonodo-positiva o HR-negativa, o indice di proliferazione Ki-67 maggiore del 20% o tumore mammario positivo a ERBB2 ( ex HER2 ).

I pazienti sono stati randomizzati a ricevere o meno Denosumab 120 mg per via sottocutanea ogni 4 settimane per 6 cicli, e nab-Paclitaxel, 125 mg/m2 alla settimana per 12 settimane o nei giorni 1 e 8 ogni 3 settimane per 4 cicli ( 8 dosi ), seguito da 4 cicli di Epirubicina / Ciclofosfamide, 90/600 mg/m2 ( ogni 2 settimane o ogni 3 settimane ).
Carboplatino è stato somministrato nel tumore mammario triplo negativo ( TNBC ) e Trastuzumab biosimilare ABP980 più Pertuzumab ( Perjeta ) è stato somministrato nel tumore alla mammella ERBB2-positivo ( sottostudio ERBB2-positivo ).

L'esito primario era rappresentato dai tassi di risposta patologica completa tra i bracci per ciascuna randomizzazione.

In totale 780 pazienti di sesso femminile ( n=779 ) e di sesso maschile ( n=1 ) ( età mediana 49.0 anni ) sono stati randomizzati ai 4 gruppi di trattamento.
Il tasso di risposta patologica completa ( ypT0 ypN0 ) è stato del 41.0% con Denosumab rispetto al 42.8% ( P=0.58 ) senza Denosumab, indipendentemente dal sottotipo di carcinoma mammario.

nab-Paclitaxel settimanale ha determinato un tasso di risposta patologica completa significativamente maggiore del 44.9% rispetto al 39.0% ( P=0.06 ) con nab-Paclitaxel nei giorni 1 e 8 ogni 3 settimane.

I tassi di risposta patologica completa per le somministrazioni di nab-Paclitaxel nei sottogruppi sono risultati significativamente differenti solo per il tumore alla mammella triplo negativo ( 60.4% vs 50.0%; P=0.06 ).

Gli effetti tossici di grado da 3 a 4 non sono variati con o senza Denosumab. Gli effetti tossici non-ematologici di grado da 3 a 4 sono stati maggiori con nab-Paclitaxel settimanale ( 33.7% vs 24.1%; P=0.004 ).

In questo studio clinico randomizzato, Denosumab aggiunto a chemioterapia neoadiuvante a base di antracicline / taxani non ha migliorato i tassi di risposta patologica completa.
Il nab-Paclitaxel a un dosaggio di 125 mg/m2 alla settimana ha aumentato significativamente il tasso di risposta patologica completa rispetto al programma nei giorni 1 e 8 ogni 3 settimane, in generale e nel tumore mammario triplo negativo, ma ha generato una tossicità maggiore. ( Xagena2022 )

Blohmer JU et al, JAMA Oncol 2022; 8: 1010-1018

Gyne2022 Onco2022 Farma2022



Indietro

Altri articoli

Sono state studiate diverse strategie neoadiuvanti di de-escalation per ridurre l'uso della chemioterapia nel tumore mammario in fase iniziale HER2-positivo,...


I regimi di trattamento antitumorale in genere causano spiacevoli effetti collaterali. È stato studiato il beneficio del cambiamento di terapia...


La chemioterapia di induzione aggiunta alla chemioradioterapia concomitante migliora significativamente la sopravvivenza per i pazienti con carcinoma nasofaringeo locoregionale avanzato,...


Nello studio globale di fase 3 RAINBOW, Ramucirumab ( Cyramza ) più Paclitaxel ha migliorato significativamente la sopravvivenza globale (...


Lo studio ATEMPT è stato progettato per determinare se il trattamento con Trastuzumab emtansine ( T-DM1; Kadcyla ) causi una...


I dispositivi contenenti Paclitaxel ( PTXD ) riducono significativamente il reintervento nei pazienti con malattia dell'arteria periferica femoropoplitea sintomatica. Una...


I tumori al seno con mutazione BRCA1 o BRCA2 sono sensibili agli inibitori PARP ( poli-ADP-ribosio polimerasi ) e agli...


I limiti del regime Paclitaxel-Doxorubicina-Cisplatino (TAP) nel trattamento del tumore dell'endometrio includono la tollerabilità e una programmazione difficoltosa. Il Gynecologic...


È stato effettuato il primo studio randomizzato sui tumori stromali e dei cordoni sessuali ed è stato stabilito il trattamento...