Sicurezza di due diverse dosi di Simvastatina più Rifaximina nella cirrosi scompensata: studio LIVERHOPE-SAFETY


Le statine hanno effetti benefici sulla circolazione intraepatica e riducono l'ipertensione portale e la Rifaximina ( Normix ) modula il microbioma intestinale e potrebbe impedire la traslocazione batterica nei pazienti con cirrosi.
Pertanto, questa combinazione di farmaci potrebbe essere di beneficio terapeutico nei pazienti con cirrosi scompensata.

Tuttavia, vi è preoccupazione per quanto riguarda la sicurezza delle statine nei pazienti con cirrosi scompensata.
È stata valutata la sicurezza di due diverse dosi di Simvastatina in associazione con Rifaximina in pazienti con cirrosi scompensata.

È stato condotto uno studio di fase 2 in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo, in pazienti con cirrosi scompensata e insufficienza epatica da moderata a grave da nove ospedali universitari in sei paesi europei ( Italia, Francia, Olanda, Germania, Regno Unito e Spagna ).

Erano eleggibili i pazienti di età superiore a 18 anni con malattia di classe Child-Pugh B o C, che sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Simvastatina 40 mg/die più Rifaximina 1.200 mg/die, Simvastatina 20 mg/die più Rifaximina 1.200 mg/die oppure placebo di entrambi i farmaci per 12 settimane.
La randomizzazione è stata stratificata in base alla classe Child-Pugh ( B vs C ).

L'endpoint primario era lo sviluppo di tossicità epatica o muscolare, come definito dai cambiamenti nelle aminotransferasi epatiche ( aspartato aminotransferasi [ AST ] e alanina aminotransferasi [ ALT ] ), fosfasi alcalina e creatin-chinasi.

Il periodo di reclutamento dello studio è stato tra il 2017 e il 2018. 50 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a Simvastatina 40 mg/die più Rifaximina 1.200 mg/die ( n=18 ), Simvastatina 20 mg/die più Rifaximina 1.200 mg/die ( n=16 ) o placebo di entrambi i farmaci ( n=16 ).
Sono stati esclusi 6 pazienti, 2 per ciascun gruppo.
Pertanto, l'intero set di analisi ha compreso 44 pazienti ( 16 nel gruppo Simvastatina 40 mg/die più Rifaximina 1.200 mg/die, 14 nel gruppo Simvastatina 20 mg/die più Rifaximina 1.200 mg/die e 14 nel gruppo placebo ).

Dopo un'analisi di sicurezza compiuta quando i primi 10 pazienti hanno completato il trattamento, la terapia è stata interrotta prematuramente nel gruppo 40 mg/die di Simvastatina più Rifaximina a causa delle raccomandazioni del Comitato di monitoraggio della sicurezza dei dati.

I pazienti nel gruppo Simvastatina 40 mg/die più Rifaximina hanno mostrato un aumento significativo di AST e ALT rispetto al gruppo placebo ( differenze medie tra i gruppi alla fine del trattamento per AST 130 UI/l, P=0.0009, e per ALT 61 UI/l, P=0.0025 ).

Non sono state osservate differenze significative a 12 settimane in AST e ALT tra il gruppo Simvastatina 20 mg/die più Rifaximina e il gruppo placebo ( per AST −14 UI/l, P=0.728, e per ALT −8 UI/l, P=0.698 ] ).

Non sono state riscontrate differenze significative nella fosfatasi alcalina tra i gruppi Simvastatina 40 mg/die più Rifaximina o Simvastatina 20 mg/die più Rifaximina rispetto al placebo.

I pazienti nel gruppo con Simvastatina 40 mg/die più Rifaximina hanno mostrato un aumento della creatinchinasi alla fine del trattamento rispetto ai pazienti del gruppo placebo ( 1.009 UI/l, P=0.014 ).

Non sono stati osservati cambiamenti significativi nella creatin-chinasi nel gruppo 20 mg/die di Simvastatina più Rifaximina ( 4.2 UI/l, P=0.992 ).

3 pazienti ( 19% ) nel gruppo 40 mg/die di Simvastatina hanno sviluppato tossicità epatica e muscolare coerente con rabdomiolisi.

Il numero di pazienti che hanno interrotto il trattamento a causa di eventi avversi è stato significativamente più alto nel gruppo 40 mg/die di Simvastatina più Rifaximina ( 9 su 16 pazienti, 56% ) rispetto agli altri due gruppi ( 2 su 14, 14%, per entrambi i gruppi, P=0.017 ).

Non sono state segnalate gravi reazioni avverse impreviste durante lo studio.

Il trattamento con Simvastatina 40 mg/die più Rifaximina nei pazienti con cirrosi scompensata è stato associato a un aumento significativo degli eventi avversi che hanno richiesto l'interruzione del trattamento, in particolare la rabdomiolisi, rispetto a Simvastatina 20 mg/die più Rifaximina.
La raccomandazione è di utilizzare Simvastatina 20 mg/die negli studi sul ruolo delle statine nei pazienti con cirrosi scompensata. ( Xagena2020 )

Pose E et al, Lancet Gastroenterology & Hepatology 2020; 5: 31-41

Gastro2020 Farma2020


Indietro

Altri articoli

Gli approcci di medicina di precisione mirati ai pazienti sulla base del sottotipo di malattia hanno trasformato gli approcci terapeutici...


Nello studio di fase 2 di MS-STAT 24 mesi, è stato dimostrato che la Simvastatina ad alto dosaggio riduce significativamente...


La terapia intensiva per il colesterolo LDL con Ezetimibe / Simvastatina ( Vytorin ) nello studio IMPROVE-IT ( IMProved Reduction...


Le recenti sperimentazioni hanno mostrato una riduzione del rischio di eventi cardiaci avversi maggiori ( MACE ) con la terapia...


Non era stato ancora dimostrato che ridurre i livelli di colesterolo LDL al di sotto degli obiettivi stabiliti dalle lineeguida...


Aggiungendo il farmaco Ezetimibe al trattamento con Simvastatina si ottiene una riduzione del rischio di futuri eventi cardiovascolari, tra cui...


Il beneficio delle statine nei pazienti con emorragia subaracnoidea aneurismatica acuta non è chiaro. Si è voluto verificare se la...


La Simvastatina KRKA è un farmaco generico a base di Simvastatina, un ipocolesterolemizzante. La Simvastatina KRKA trova indicazione nel trattamento della...


Cholib è un medicinale impiegato per migliorare i livelli di grassi nel sangue. Contiene due principi attivi, Fenofibrato e Simvastatina,...