Nab-Sirolimus per i pazienti con tumori maligni delle cellule epitelioidi perivascolari


Il tumore maligno delle cellule epitelioidi perivascolari ( PEComa ) è un raro sarcoma aggressivo, senza trattamento approvato.

Lo studio di registrazione di fase II, a braccio singolo, AMPECT, il primo prospettico in questa malattia, ha studiato la sicurezza e l'efficacia dell'inibitore del bersaglio della Rapamicina nei mammiferi ( mTOR ) nab-Sirolimus ( Fyarro ).

I pazienti con PEComa maligno sono stati trattati con nab-Sirolimus 100 mg/m2 per via endovenosa una volta a settimana per 2 settimane in cicli di 3 settimane.

L'endpoint primario era il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) valutato da una revisione radiologica indipendente.
Gli endpoint secondari chiave includevano la durata della risposta, la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e la sicurezza.
Un endpoint esplorativo chiave è stata l'analisi dei biomarcatori tumorali.

In tutto sono stati trattati 34 pazienti valutabili per la sicurezza e 31 per l'efficacia.

Il tasso di risposta globale è stato del 39% ( 12 su 31 ) con una risposta completa e 11 parziali, il 52% dei pazienti ( 16 su 31 ) aveva una malattia stabile, mentre il 10% ( 3 su 31 ) malattia progressiva.

Le risposte sono state di rapida insorgenza ( 67% entro la settimana 6 ) e durature.
La durata mediana della risposta non è stata raggiunta dopo un follow-up mediano per la risposta di 2.5 anni, con 7 pazienti su 12 responder con il trattamento in corso.

In tutto 25 pazienti su 31 avevano un profilo di mutazione tumorale: 8 pazienti su 9 ( 89% ) con una mutazione TSC2 hanno ottenuto una risposta confermata rispetto a 2 su 16 ( 13% ) senza mutazione TSC2 ( P minore di 0.001 ).

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 10.6 mesi e la sopravvivenza globale mediana è stata di 40.8 mesi.

La maggior parte degli eventi avversi correlati al trattamento è stata di grado 1 o 2 e sono stati eventi gestibili per il trattamento a lungo termine.
Non si sono verificati eventi di grado maggiore o uguale a 4 correlati al trattamento.

Nab-Sirolimus è attivo nei pazienti con PEComa maligno. Il tasso di risposta, la durata della risposta, il tasso di controllo della malattia e il profilo di sicurezza supportano il fatto che nab-Sirolimus rappresenti una nuova importante opzione di trattamento per questa malattia. ( Xagena2021 )

Wagner AJ et al, J Clin Oncol 2021: 39: 3660-3670

MalRar2021 Med2021 Onco2021 Farma2021


Indietro

Altri articoli

Il fenomeno di Kasabach-Merritt ( KMP ) nell'emangioendotelioma kaposiforme ( KHE ) è caratterizzato da trombocitopenia pericolosa per la vita...


La miosite da corpi inclusi è la miosite più frequente nei pazienti di età superiore a 50 anni. Gli immunosoppressori...


L'uso di strutture in Acido Polilattico riassorbibili è limitata nella pratica clinica quotidiana per motivi di sicurezza e la mancanza...


Gli stent a rilascio di farmaco di nuova generazione con struttura metallica ultrasottile con polimero biodegradabile potrebbero facilitare la guarigione...



I pazienti con lupus eritematoso sistemico presentano una disfunzione delle cellule T che è stata attribuita all'attivazione del target della...


MiStent è uno stent a rilascio di farmaco con un rivestimento polimerico completamente assorbibile che contiene e incorpora una forma...


La maggior parte dei pazienti con complesso della sclerosi tuberosa ( TSC ), una malattia autosomica dominante causata dall'attivazione costitutiva...


Si è cercato di espandere i limitati dati a lungo termine sul trattamento con Sirolimus in pazienti con nefrite lupica....