Meta-analisi: Warfarin non-protettivo nella fibrillazione atriale con malattia renale allo stadio terminale


Da una meta-analisi è emerso che i pazienti con fibrillazione atriale con malattia renale allo stadio terminale ( ESRD ) che assumono Warfarin ( Coumadin ) possono andare incontro a un danno.

I pazienti che assumono l'anticoagulante non hanno mostrato un rischio significativamente più basso di ictus ischemico, sanguinamento maggiore o mortalità complessiva rispetto a quelli non-trattati con anticoagulanti.

La meta-analisi ha preso in esame studi pubblicati fino al 2019.

Ma l'impiego di Warfarin è risultato associato a un rischio significativamente più elevato di ictus emorragico rispetto a nessun anticoagulante ( hazard ratio, HR 1.49, IC 95% 1.03-1.94 ) nell'arco di un intervallo medio di 2.6 anni.

Le evidenze disponibili sull'uso del Warfarin per la prevenzione dell'ictus ischemico nei pazienti con fibrillazione atriale nel contesto di malattia renale all'ultimo stadio sono osservative e contrastanti, e i dati provenienti da studi clinici randomizzati non sono disponibili ad oggi.
I dati disponibili hanno mostrato che l'uso di Warfarin non è associato a qualche beneficio nella prevenzione dell'ictus ischemico.

La meta-analisi ha incluso 15 studi osservazionali per un totale di 47.480 pazienti con fibrillazione atriale con nefropatia all'ultmo stadio.
Di questi pazienti, il 22.0% stava assumendo Warfarin.

I partecipanti allo studio con nefropatia in fase terminale sono stati inclusi se la velocità di filtrazione glomerulare era inferiore a 15 ml/min o se erano in dialisi.

Sebbene questi risultati presentano elementi confondenti in assenza di randomizzazione, e sebbene abbiano dimostrato un certo grado di eterogeneità, hanno mostrato che il Warfarin potrebbe non essere efficace per la prevenzione dell'ictus ischemico nei pazienti con fibrillazione atriale e malattia renale in fase terminale, e invece potrebbe causare danni sostanziali. ( Xagena2020 )

Fonte: JAMA Network Open, 2020

Nefro2020 Cardio2020 Farma2020


Indietro

Altri articoli

Gli anticoagulanti orali diretti ( DOAC ) sono preferiti rispetto al Warfarin ( Coumadin ) per la prevenzione dell'ictus nella...


Rispetto alla popolazione generale, i pazienti con malattia renale cronica avanzata hanno un carico di fibrillazione atriale di 10 volte...


Le lineeguida mettono in guardia contro l'uso di anticoagulanti orali non-antagonisti della vitamina K in pazienti con peso corporeo estremamente...


Poiché gli studi sugli anticoagulanti orali diretti nei pazienti con tromboembolismo venoso e fibrillazione atriale non-valvolare hanno avuto una rappresentazione...


Sono stati valutati l'uso e gli esiti della terapia antipiastrinica in pazienti sottoposti a intervento coronarico percutaneo ( PCI )...


Gli anticoagulanti orali diretti ( DOAC ) stanno superando il Warfarin ( Coumadin ) come anticoagulanti di scelta per la...


L'uso di terapia ponte a base di Eparina a basso peso molecolare durante l'interruzione dell’assunzione di Warfarin ( Coumadin )...


Uno studio osservazionale, effettuato in Norvegia, ha mostrato che l'anticoagulante orale Warfarin ( Coumadin ) può proteggere le persone di...


Lo studio ENSURE-AF ( EdoxabaN versus warfarin in subjectS UndeRgoing cardiovErsion of Atrial Fibrillation ) sulla anticoagulazione per cardioversione elettrica...