Effetti del trattamento con anticorpi anti-IL6R: modulazione della risposta infiammatoria sistemica dopo arresto cardiaco extraospedaliero - Studio IMICA


I pazienti con arresto cardiaco extraospedaliero che rimangono in coma dopo la rianimazione iniziale sono ad alto rischio di morbilità e mortalità attribuibile alla conseguente sindrome post-arresto cardiaco.
L'infiammazione sistemica costituisce una componente importante della sindrome post-arresto cardiaco e i livelli di IL-6 ( interleuchina-6 ) sono associati alla gravità della sindrome post-arresto cardiaco.

L'antagonista del recettore IL-6 ( IL6R ) Tocilizumab ( RoActemra ) potrebbe potenzialmente smorzare l'infiammazione nella sindrome post-arresto cardiaco.

L'obiettivo dello studio IMICA era determinare l'efficacia di Tocilizumab nel ridurre l'infiammazione sistemica dopo arresto cardiaco extraospedaliero di una presunta causa cardiaca, e quindi potenzialmente mitigare il danno d'organo.

Sono stati assegnati in modo casuale 80 pazienti in coma con arresto cardiaco extraospedaliero in uno studio in doppio cieco controllato con placebo a una singola infusione di Tocilizumab o placebo in aggiunta allo standard di cura, inclusa la gestione mirata della temperatura.
I campioni di sangue sono stati prelevati in sequenza durante le prime 72 ore.

L'endpoint primario era la riduzione della risposta della proteina C-reattiva ( PCR ) dal basale fino a 72 ore nei pazienti trattati con Tocilizumab, valutata mediante analisi a modello misto per l'interazione trattamento-tempo.

Gli end point secondari principali erano i marcatori dell'infiammazione: leucociti; i marcatori di danno miocardico: banda miocardica della creatina chinasi, troponina T e frammento N-terminale del pro-peptide natriuretico di tipo B ( NT-proBNP ); e il marcatore di danno cerebrale: enolasi neurone-specifica. Gli endpoint secondari sono stati analizzati mediante analisi a modello misto.

L'endpoint primario di riduzione della risposta della proteina C-reattiva da parte di Tocilizumab è stato raggiunto poiché c'è stata una significativa interazione trattamento-tempo ( P minore di 0.0001 ), e un profondo effetto sui livelli di proteina C-reattiva.

L'infiammazione sistemica è stata ridotta dal trattamento con Tocilizumab perché sia ​​i livelli di proteina C-reattiva che i leucociti si erano notevolmente ridotti; Tocilizumab versus placebo a 24 ore: -84% e -34%, rispettivamente ( entrambi P minore di 0.001 ).

Anche il danno miocardico è stato ridotto, documentato da riduzioni della banda miocardica della creatinchinasi e della troponina T; Tocilizumab rispetto al placebo a 12 ore: -36% e -38%, rispettivamente, entrambi P minore di 0.01.

Il frammento N-terminale del pro-peptide natriuretico di tipo B è stato ridotto in modo simile dal trattamento attivo; Tocilizumab versus placebo a 48 ore: -65% ( P minore di 0.001 ).
Non ci sono state differenze nella sopravvivenza o nell'esito neurologico.

Il trattamento con Tocilizumab ha determinato una significativa riduzione dell'infiammazione sistemica e del danno miocardico nei pazienti in coma rianimati da arresto cardiaco extraospedaliero. ( Xagena2021 )

Meyer MAS et al, Circulation 2021; 143: 1841-1851

Cardio2021 Farma2021


Indietro

Altri articoli

La menopausa è spesso accompagnata da una serie di sintomi che può sminuire la qualità di vita di una donna....


Secondo uno studio trasversale, le prestazioni cognitive delle donne erano sensibili alla gravità dei sintomi della menopausa, in particolare depressione...


Secondo uno studio di coorte, l'esposizione precoce ai lassativi è stata associata al successivo sviluppo di malattie allergiche, tra cui...


La Commissione Tecnico-Scientifica ( Cts ) di AIFA, su richiesta del Ministero della Salute, ha espresso il proprio parere...


La Commissione Europea ( CE ) ha concesso l'autorizzazione all'immissione in commercio condizionata per Lumykras (Sotorasib), un inibitore di KRAS...


L'occlusione dell'appendice atriale sinistra ( LAA ) fornisce un'alternativa all'anticoagulazione orale per la riduzione del rischio tromboembolico nei pazienti con...


Klisyri è un unguento usato negli adulti per trattare la cheratosi attinica lieve su viso e cuoio capelluto. La cheratosi attinica...


Dallo studio TEMPO è emerso che 2 settimane di trattamento con Metoprololo ( Seloken ) hanno migliorato i gradienti del...


Le persone con diabete di tipo 2 e malattia renale cronica hanno un alto carico di ipertensione, ma l'entità e...


L'obiettivo di uno studio è stato quello di valutare l'efficacia, la tollerabilità, gli effetti avversi, le recidive, e i risultati...