Effetti sulla pressione arteriosa di Canagliflozin ed esiti clinici nel diabete di tipo 2 e nella malattia renale cronica: studio CREDENCE


Le persone con diabete di tipo 2 e malattia renale cronica hanno un alto carico di ipertensione, ma l'entità e la consistenza dell'abbassamento della pressione arteriosa con Canagliflozin ( Invokana ) in questa popolazione sono incerte.
Non è noto nemmeno se gli effetti di Canagliflozin sugli esiti renali e cardiovascolari varino in base alla pressione arteriosa basale o alla terapia per abbassare la pressione arteriosa.

Lo studio CREDENCE ( Canagliflozin and Renal Events in Diabetes with Established Nephropathy Clinical Evaluation ) ha randomizzato persone con diabete mellito di tipo 2 e malattia renale cronica a Canagliflozin oppure a placebo.

In un'analisi post hoc, è stato studiato l'effetto di Canagliflozin sulla pressione sistolica in sottogruppi definiti dalla pressione sistolica al basale, numero di classi di farmaci che abbassano la pressione arteriosa e storia di apparente ipertensione resistente al trattamento ( BP maggiore o uguale a 130/80 mm Hg durante il trattamento con 3 o più classi di farmaci che abbassano la pressione sanguigna, incluso un diuretico ).
Si è anche valutato se gli effetti sugli esiti clinici differissero tra questi sottogruppi.

Lo studio ha incluso 4.401 partecipanti, di cui 3.361 ( 76.4% ) avevano una pressione sistolica al basale maggiore o uguale a 130 mm Hg e 1.371 ( 31.2% ) avevano ipertensione resistente.

Entro la settimana 3, Canagliflozin ha ridotto la pressione arteriosa sistolica di 3.50 mm Hg, un effetto mantenuto per tutta la durata dello studio, con riduzioni simili nei sottogruppi di terapia antiipertensiva e ipotensiva ( tutte le interazioni P maggiore o uguale a 0.05 ).

Canagliflozin ha anche ridotto la necessità di iniziare ad assumere altri agenti che abbassano la pressione arteriosa durante lo studio ( hazard ratio, HR=0.68 ).

L'effetto di Canagliflozin sull'insufficienza renale, sul raddoppio della creatinina sierica o sulla morte causata da malattie renali o cardiovascolari ( HR=0.70 ) è stato coerente tra i sottogruppi di terapia per pressione arteriosa e di abbassamenti pressori ( tutte le interazioni P maggiore o uguale a 0.35 ), così come lo sono stati gli effetti su altri esiti chiave a livello renale, cardiovascolare e di sicurezza.

Nelle persone con diabete di tipo 2 e nefropatia cronica, Canagliflozin ha ridotto la pressione sistolica in tutti i sottogruppi definiti dalla pressione arteriosa, e ha ridotto la necessità di ulteriori agenti per il controllo della pressione arteriosa.
Questi risultati supportano l'uso di Canagliflozin per la protezione degli organi terminali e come terapia aggiuntiva per abbassare la pressione arteriosa nelle persone con malattia renale cronica. ( Xagena2021 )

Ye N et al, Circulation 2021; 143: 1735-1749

Cardio2021 Nefro2021 Farma2021


Indietro

Altri articoli

La Commissione Tecnico-Scientifica ( Cts ) di AIFA, su richiesta del Ministero della Salute, ha espresso il proprio parere...


La Commissione Europea ( CE ) ha concesso l'autorizzazione all'immissione in commercio condizionata per Lumykras (Sotorasib), un inibitore di KRAS...


L'occlusione dell'appendice atriale sinistra ( LAA ) fornisce un'alternativa all'anticoagulazione orale per la riduzione del rischio tromboembolico nei pazienti con...


Klisyri è un unguento usato negli adulti per trattare la cheratosi attinica lieve su viso e cuoio capelluto. La cheratosi attinica...


Dallo studio TEMPO è emerso che 2 settimane di trattamento con Metoprololo ( Seloken ) hanno migliorato i gradienti del...


L'obiettivo di uno studio è stato quello di valutare l'efficacia, la tollerabilità, gli effetti avversi, le recidive, e i risultati...


È stato esaminato Cemiplimab ( Libtayo ), un inibitore PD-1, nel trattamento di prima linea del tumore polmonare non-a-piccole cellule...


I pazienti con arresto cardiaco extraospedaliero che rimangono in coma dopo la rianimazione iniziale sono ad alto rischio di morbilità...


L'acne vulgaris è il disturbo dermatologico più comune a livello mondiale, causando una significativa morbilità fisica e psicologica. La terapia...