Klisyri nel trattamento della cheratosi attinica lieve su viso e cuoio capelluto


Klisyri è un unguento usato negli adulti per trattare la cheratosi attinica lieve su viso e cuoio capelluto. La cheratosi attinica è un’anomala escrescenza precancerosa della cute, che si sviluppa a seguito di un’eccessiva esposizione ai raggi solari.
Klisyri contiene il principio attivo Tirbanibulina. È disponibile in bustine da 250 mg, contenenti ciascuna 2.5 mg di Tirbanibulina.

Uno strato sottile di Klisyri viene applicato sull’area interessata del viso o del cuoio capelluto una volta al giorno per cinque giorni consecutivi. Klisyri non deve essere applicato su ferite aperte o cute danneggiata.
La risposta del paziente al trattamento deve essere valutata circa 8 settimane dopo l’inizio del trattamento. Se al momento della valutazione la cheratosi attinica non è guarita completamente, è necessario prendere in considerazione altre opzioni di trattamento.

Il principio attivo di Klisyri, Tirbanibulina, agisce impedendo alle cellule contenute nell’escrescenza della cute di dividersi e creare nuove cellule. Agisce legandosi a una proteina detta tubulina, che è un componente importante dello scheletro strutturale delle cellule ( microtubuli ). Questo legame blocca la crescita dei microtubuli, impedendo in particolare la divisione delle cellule a crescita rapida e provocandone la morte.
La Tirbanibulina blocca anche alcuni enzimi denominati tirosin-chinasi, che possono essere coinvolti nella divisione cellulare.

Due studi principali, ciascuno condotto su 351 pazienti affetti da cheratosi attinica sul viso e sul cuoio capelluto, hanno dimostrato l’efficacia di Klisyri nell’eliminare la cheratosi attinica dalle aree cutanee interessate. I pazienti hanno applicato Klisyri o placebo sulle aree interessate per 5 giorni e sono stati valutati circa 8 settimane ( 57 giorni ) dopo l’inizio del trattamento.
Nel primo studio, la cheratosi attinica è stata eliminata completamente nel 44 % dei pazienti trattati con Klisyri rispetto al 5 % di quelli trattati con placebo. Analogamente, nel secondo studio, la cheratosi attinica è stata eliminata completamente nel 54% dei pazienti trattati con Klisyri rispetto al 13% di quelli che hanno ricevuto placebo.

Gli effetti indesiderati più comuni di Klisyri ( che possono riguardare più di 1 persona su 10 ) sono reazioni cutanee locali, tra cui eritema ( arrossamento cutaneo ), esfoliazione / desquamazione, formazione di croste, gonfiore e formazione di piaghe e ulcere.
Altri effetti indesiderati di Klisyri ( che possono riguardare fino a 1 persona su 10 ) sono vesciche, prurito e dolore nella sede di applicazione.

In conclusione, due studi hanno dimostrato che Klisyri è efficace nell’eliminare la cheratosi attinica dalla cute interessata dei pazienti. Gli effetti indesiderati sono stati considerati da lievi a moderati e sono stati reversibili. Pertanto, l’Agenzia europea per i medicinali, EMA, ha deciso che i benefici di Klisyri sono superiori ai rischi. ( Xagena2021 )

Fonte: EMA, 2021

Dermo2021 Farma2021


Indietro

Altri articoli

Kerendia è un medicinale indicato per il trattamento della malattia renale cronica negli adulti affetti da diabete mellito di tipo...


È stata valutata la prevalenza di lesioni cerebrali ischemiche rilevate mediante risonanza magnetica e la loro associazione con la funzione...


L'Agenzia europea dei medicinali ( EMA ) ha approvato Kerendia ( Finerenone ), un antagonista non-steroideo del recettore dei mineralocorticoidi...


Dati osservazionali suggeriscono che l'ablazione con catetere può essere sicura ed efficace per il trattamento dei pazienti giovani e anziani...


Il Comitato per i medicinali per uso umano ( CHMP ), Comitato scientifico dell'Agenzia europea per i medicinali ( EMA...


Il funzionamento diurno è compromesso nelle persone con disturbo di insonnia. Gli antagonisti del doppio recettore dell'orexina attualmente disponibili hanno...



Il vaccino COVID-19 di Pfizer-BioNTech ( Comirnaty ) ha ridotto il rischio di infezione con la variante Omicron di SARS-CoV-2...


Da uno studio è emerso che i pazienti con carcinoma uroteliale che hanno manifestato un evento avverso immuno-correlato dopo il...


La Commissione Europea ( CE ) ha concesso l'autorizzazione all'immissione in commercio condizionata per l'anticorpo bispecifico che coinvolge le cellule...