Studio L-MIND: esiti a lungo termine di Tafasitamab più Lenalidomide nei pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B recidivato o refrattario


Tafasitamab, un anticorpo monoclonale anti-CD19, Fc-modificato, umanizzato, combinato con il farmaco immunomodulatore Lenalidomide ( Revlimid ), è risultato clinicamente attivo con un buon profilo di tollerabilità nello studio di fase II in aperto, a braccio singolo, L-MIND, nei pazienti non-idonei al trapianto autologo di cellule staminali ( ASCT ) con linfoma diffuso a grandi cellule B ( DLBCL ) recidivante / refrattario ( R/R ).

Per valutare i risultati a lungo termine, è stata riportata una analisi aggiornata con un follow-up maggiore o uguale a 35 mesi.

I pazienti di età superiore a 18 anni, erano stati trattati con 1-3 precedenti terapie sistemiche ( incluso 1 o più regimi mirati a CD20 ) e performance status ECOG 0-2.
I pazienti hanno ricevuto cicli di 28 giorni di Tafasitamab ( 12 mg/kg per via endovenosa ), una volta a settimana durante i cicli 1-3, poi ogni 2 settimane durante i cicli 4-12.
Lenalidomide ( 25 mg per via orale ) è stata somministrata nei giorni 1-21 dei cicli 1-12.
Dopo il ciclo 12, i pazienti liberi da progressione hanno ricevuto Tafasitamab ogni 2 settimane fino a progressione della malattia.

L'endpoint primario era il miglior tasso di risposta obiettiva ( ORR ).

Dopo un follow-up maggiore o uguale a 35 mesi ( cut-off dei dati: 30 ottobre 2020 ), il tasso di risposta obiettiva è stato del 57.5% ( n=46/80 ), inclusa una risposta completa nel 40.0% dei pazienti ( n= 32/80 ) e una risposta parziale nel 17.5% dei pazienti ( n=14/80 ).

La durata mediana della risposta ( DoR ) è stata di 43.9 mesi ( IC 95%: 26.1-non-raggiunto [ NR ] ); la sopravvivenza globale ( OS ) mediana è stata di 33.5 mesi ( 18.3-NR ); e la sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 11.6 mesi ( 6.3-45.7 ).

Non ci sono state tossicità inaspettate. Le analisi dei sottogruppi hanno rivelato risultati di efficacia a lungo termine coerenti nella maggior parte dei sottogruppi di pazienti.

Questo follow-up esteso dello studio L-MIND ha confermato la lunga durata della risposta, una sopravvivenza globale significativa e un profilo di sicurezza ben definito di Tafasitamab più Lenalidomide seguito da Tafasitamab in monoterapia nei pazienti non-idonei al trapianto autologo di cellule staminali con linfoma diffuso a grandi cellule B recidivante / refrattario. ( Xagena2021 )

Johannes Duell et al, Haematologica 2021; Online ahead of print

Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro

Altri articoli

La menopausa è spesso accompagnata da una serie di sintomi che può sminuire la qualità di vita di una donna....


Secondo uno studio trasversale, le prestazioni cognitive delle donne erano sensibili alla gravità dei sintomi della menopausa, in particolare depressione...


Secondo uno studio di coorte, l'esposizione precoce ai lassativi è stata associata al successivo sviluppo di malattie allergiche, tra cui...


I casi di cardite dopo la somministrazione del vaccino BNT162b2 ( Comirnaty; Pfizer - BioNTech ) si stanno accumulando in...


La Commissione Tecnico-Scientifica ( Cts ) di AIFA, su richiesta del Ministero della Salute, ha espresso il proprio parere...


La Commissione Europea ( CE ) ha concesso l'autorizzazione all'immissione in commercio condizionata per Lumykras (Sotorasib), un inibitore di KRAS...


L'occlusione dell'appendice atriale sinistra ( LAA ) fornisce un'alternativa all'anticoagulazione orale per la riduzione del rischio tromboembolico nei pazienti con...


Klisyri è un unguento usato negli adulti per trattare la cheratosi attinica lieve su viso e cuoio capelluto. La cheratosi attinica...


Dallo studio TEMPO è emerso che 2 settimane di trattamento con Metoprololo ( Seloken ) hanno migliorato i gradienti del...


Le persone con diabete di tipo 2 e malattia renale cronica hanno un alto carico di ipertensione, ma l'entità e...