Tempo al beneficio clinico di Dapagliflozin e significato del precedente ricovero per insufficienza cardiaca nei pazienti con insufficienza cardiaca e frazione di eiezione ridotta


Dapagliflozin ( Forxiga ) ha dimostrato di ridurre il rischio di morte cardiovascolare o peggioramento dell'insufficienza cardiaca ( HF ) nei pazienti con scompenso cardiaco cronico e frazione di eiezione ridotta ( HFrEF ).
Tuttavia, l'inerzia clinica spesso è alla base dell'inizio differito di terapie efficaci.

Sono stati esaminati i tempi di insorgenza del beneficio clinico con Dapagliflozin e l'entità in funzione della vicinanza al precedente ricovero per insufficienza cardiaca in una analisi secondaria di uno studio multinazionale completato.
Lo studio DAPA-HF ( Dapagliflozin and Prevention of Adverse-Outcomes in Heart Failure ) è stato uno studio clinico randomizzato in doppio cieco controllato con placebo su Dapagliflozin in pazienti con HFrEF cronica ( n=4.744 ).

Tra il 2017 e il 2018, lo studio ha arruolato pazienti in classe NYHA da II a IV e con frazione di eiezione ventricolare sinistra pari o inferiore al 40%; il tempo medio di follow-up è stato di 18.2 mesi.

Gli hazard ratio ( HR ) sono stati calcolati per l'esito primario di efficacia con Dapagliflozin versus placebo in base al tempo dopo la randomizzazione.
L'efficacia e la sicurezza di Dapagliflozin sono state valutate in base alla tempistica del più recente ricovero per insufficienza cardiaca prima dell'arruolamento nello studio.

L’esito primario era un composito di morte cardiovascolare o peggioramento dell'insufficienza cardiaca.

Sono stati inclusi in totale 4.744 pazienti ( 1.109 donne, 23.4%; età media 66.3 anni ).

La riduzione dell'esito primario con Dapagliflozin è stata rapidamente evidente, con un beneficio statisticamente significativo, sostenuto, entro 28 giorni dopo la randomizzazione ( HR a 28 giorni, 0.51; P=0.03 ).

In totale 2.251 pazienti ( 47.4% ) erano stati precedentemente ricoverati per insufficienza cardiaca e 1.301 ( 27.4% ) erano stati ricoverati entro i 12 mesi precedenti l'arruolamento.

Tra i pazienti trattati con placebo, c'era un gradiente graduale di rischio per l'esito primario in base alla tempistica del più recente ricovero per insufficienza cardiaca, con tassi di Kaplan-Meier a 2 anni del 21.1%, 25.3% e 33.8% ( P aggiustato=0.003) per i pazienti senza mai un precedente ricovero per insufficienza cardiaca, con un ricovero più di 12 mesi prima e 12 o meno mesi prima, rispettivamente.

In questi sottogruppi, Dapagliflozin ha ridotto il rischio relativo dell'esito primario, rispettivamente, del 16% ( HR, 0.84 ), 27% ( HR, 0.73 ) e 36 % ( HR, 0.64 ) ( P=0.07 per trend ).

Di conseguenza, i pazienti con un ricovero per insufficienza cardiaca più recente hanno mostrato maggiori riduzioni del rischio assoluto con Dapagliflozin a 2 anni: 2.1%, 4.1% e 9.9%, rispettivamente ( P=0.05 per trend ).

Il trattamento con Dapagliflozin è risultato associato a una rapida riduzione del rischio di morte cardiovascolare o peggioramento dell'insufficienza cardiaca, con un beneficio statisticamente significativo sostenuto che è emerso molto presto dopo la randomizzazione.
I pazienti con un ricovero per scompenso cardiaco più recente erano a rischio particolarmente elevato e hanno avuto una maggiore riduzione del rischio relativo e assoluto con Dapagliflozin. ( Xagena2021 )

Berg DD et al, JAMA Cardiol 2021; 6: 499-507

Cardio2021 Farma2021


Indietro

Altri articoli

La menopausa è spesso accompagnata da una serie di sintomi che può sminuire la qualità di vita di una donna....


Secondo uno studio trasversale, le prestazioni cognitive delle donne erano sensibili alla gravità dei sintomi della menopausa, in particolare depressione...


Secondo uno studio di coorte, l'esposizione precoce ai lassativi è stata associata al successivo sviluppo di malattie allergiche, tra cui...


La Commissione Tecnico-Scientifica ( Cts ) di AIFA, su richiesta del Ministero della Salute, ha espresso il proprio parere...


La Commissione Europea ( CE ) ha concesso l'autorizzazione all'immissione in commercio condizionata per Lumykras (Sotorasib), un inibitore di KRAS...


L'occlusione dell'appendice atriale sinistra ( LAA ) fornisce un'alternativa all'anticoagulazione orale per la riduzione del rischio tromboembolico nei pazienti con...


Klisyri è un unguento usato negli adulti per trattare la cheratosi attinica lieve su viso e cuoio capelluto. La cheratosi attinica...


Dallo studio TEMPO è emerso che 2 settimane di trattamento con Metoprololo ( Seloken ) hanno migliorato i gradienti del...


Le persone con diabete di tipo 2 e malattia renale cronica hanno un alto carico di ipertensione, ma l'entità e...


L'obiettivo di uno studio è stato quello di valutare l'efficacia, la tollerabilità, gli effetti avversi, le recidive, e i risultati...