Vaxzevria / Vaccino COVID-19 AstraZeneca: controindicazione negli individui con pregressa sindrome da perdita capillare


Nei primi giorni successivi alla vaccinazione con Vaxzevria ( Vaccino COVID-19 AstraZeneca ), sono stati segnalati casi molto rari di sindrome da perdita capillare ( CLS ).
In alcuni casi era presente una storia clinica di sindrome da perdita capillare.
È stato riportato un caso con esito fatale.

Vaxzevria è attualmente controindicato nei soggetti che in precedenza hanno presentato episodi di sindrome da perdita capillare.

La sindrome da perdita capillare è caratterizzata da episodi acuti di edema che colpiscono principalmente gli arti, ipotensione, emoconcentrazione e ipoalbuminemia.
I pazienti con un episodio acuto di sindrome da perdita capillare in seguito alla vaccinazione necessitano di rapida diagnosi e trattamento. Di solito è necessaria una terapia intensiva di supporto.

Vaxzevria è indicato per l'immunizzazione attiva nella prevenzione di COVID-19, malattia causata dal virus SARS-CoV-2, in soggetti di età pari o superiore a 18 anni.
Casi di sindrome da perdita capillare sono stati riportati molto raramente in seguito alla vaccinazione con Vaxzevria, con un tasso di segnalazione stimato di un caso su più di 5 milioni di dosi somministrate. In alcuni dei casi era riportata una storia pregressa di sindrome da perdita capillare.
La sindrome da perdita capillare è un disturbo raro caratterizzato da una risposta infiammatoria disfunzionale, alterata risposta endoteliale e stravaso di fluido dallo spazio vascolare allo spazio interstiziale che porta a shock, emoconcentrazione, ipoalbuminemia e a una potenziale conseguente insufficienza d’organo. I pazienti possono presentare un rapido gonfiore delle braccia e delle gambe, un improvviso incremento ponderale e sensazione di mancamento a causa della bassa pressione arteriosa.

Sono riportati in letteratura alcuni casi di sindrome da perdita capillare sistemica scatenati dall'infezione da COVID-19.
La sindrome da perdita capillare si verifica raramente nella popolazione generale, con meno di 500 casi descritti in letteratura in tutto il mondo ( National Organisation for Rare Disorders ), tuttavia, è probabile che le stime siano inferiori alla reale frequenza dell’evento. ( Xagena2021 )

Fonte: EMA - AIFA, 2021

Inf2021 Vac2021 Med2021 Emo2021 Farma2021


Indietro

Altri articoli

La menopausa è spesso accompagnata da una serie di sintomi che può sminuire la qualità di vita di una donna....


Secondo uno studio trasversale, le prestazioni cognitive delle donne erano sensibili alla gravità dei sintomi della menopausa, in particolare depressione...


Secondo uno studio di coorte, l'esposizione precoce ai lassativi è stata associata al successivo sviluppo di malattie allergiche, tra cui...


I casi di cardite dopo la somministrazione del vaccino BNT162b2 ( Comirnaty; Pfizer - BioNTech ) si stanno accumulando in...


La Commissione Tecnico-Scientifica ( Cts ) di AIFA, su richiesta del Ministero della Salute, ha espresso il proprio parere...


La Commissione Europea ( CE ) ha concesso l'autorizzazione all'immissione in commercio condizionata per Lumykras (Sotorasib), un inibitore di KRAS...


L'occlusione dell'appendice atriale sinistra ( LAA ) fornisce un'alternativa all'anticoagulazione orale per la riduzione del rischio tromboembolico nei pazienti con...


Klisyri è un unguento usato negli adulti per trattare la cheratosi attinica lieve su viso e cuoio capelluto. La cheratosi attinica...


Dallo studio TEMPO è emerso che 2 settimane di trattamento con Metoprololo ( Seloken ) hanno migliorato i gradienti del...


Le persone con diabete di tipo 2 e malattia renale cronica hanno un alto carico di ipertensione, ma l'entità e...