Analisi della qualità di vita di Pembrolizumab versus Brentuximab vedotin per linfoma di Hodgkin classico recidivante / refrattario


KEYNOTE-204 ha dimostrato un vantaggio di sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) di Pembrolizumab ( Keytruda ) rispetto a Brentuximab vedotin ( Adcetris ) in pazienti che avevano linfoma di Hodgkin classico recidivante o refrattario ( R/R cHL ) o che non erano idonei al trapianto di cellule staminali autologhe ( ASCT ).

La qualità di vita correlata alla salute ( HRQoL ), misurata in base agli esiti riportati dai pazienti ( PRO ) da KEYNOTE-204, è riferita da pazienti che hanno ricevuto 1 o più dosi del trattamento in studio e hanno completato 1 o più valutazioni PRO.

Il questionario EORTC QoL Core 30 ( QLQ-C30 ) e EuroQoL EQ-5D sono stati somministrati al basale, ogni 6 settimane fino alla settimana 24 e successivamente ogni 12 settimane.

Gli endpoint predefiniti includevano le variazioni della media dei minimi quadrati ( LSM ) dal basale alla settimana 24 e il tempo al vero deterioramento ( TTD; declino di 10 punti o più dal basale ).
I confronti sono stati valutati utilizzando valori P a due code non-controllati per la molteplicità.

Un'elevata compliance al basale ( superiore al 90% ) e alla settimana 24 ( superiore all’80% ) è stata dimostrata in tutti i gruppi di trattamento ( set di analisi PRO: Pembrolizumab, n=146; Brentuximab vedotin, n=150 ).

Il punteggio EORTC QLQ-C30 sullo stato di salute globale ( GHS ) / qualità di vita ( QoL ) è migliorato dal basale alla settimana 24 con Pembrolizumab e peggiorato con Brentuximab vedotin, e ha dimostrato differenze significative della media dei minimi quadrati a 24 settimane ( GHS/QoL: 8.60; P=0.0004 ).

Sono stati osservati miglioramenti significativi in ciascun dominio QLQ-C30 ad eccezione del funzionamento emotivo e cognitivo.

Rispetto a Brentuximab vedotin, Pembrolizumab ha prolungato il tempo al vero deterioramento per GHS/QoL ( hazard ratio, HR=0.40, P=0.003 ) e ciascun dominio QLQ-C30 ad eccezione del funzionamento cognitivo.

In conclusione, nello studio KEYNOTE-204 Pembrolizumab ha dimostrato miglioramenti complessivi nei PRO delle misure HRQoL rispetto a Brentuximab vedotin.
Questi dati e i risultati di efficacia riportati in precedenza supportano Pembrolizumab come opzione di trattamento preferita per i pazienti con linfoma di Hodgkin classico recidivante / refrattario che non sono idonei o hanno una ricaduta dopo trapianto ASCT. ( Xagena2022 )

Zinzani PL et al, Blood Adv 2022; 6: 590-599

Emo2022 Onco2022 Farma2022


Indietro

Altri articoli

La prognosi dei pazienti con linfoma di Hodgkin sfavorevole allo stadio iniziale rimane insoddisfacente. Sono state valutate l'efficacia e la...


Dopo il trapianto autologo di cellule staminali emopoietiche ( HSCT ), il consolidamento con Brentuximab vedotin ( Adcetris ) nei...


I pazienti con linfoma primario a grandi cellule B del mediastino recidivante / refrattario ( R/R PMBL ) hanno risposte...


Brentuximab vedotin ( Adcetris ) in combinazione con Doxorubicina, Vinblastina e Dacarbazina ( regime AVD ) è approvato nella terapia...


Nello studio registrativo ECHELON-1, Brentuximab vedotin ( BV; Adcetris ), Doxorubicina, Vinblastina e Dacarbazina ( regime A + AVD )...


Brentuximab vedotin ( BV; Adcetris ) in combinazione con Doxorubicina, Vinblastina e Dacarbazina ( AVD ) è sempre più utilizzato...


Bambini, adolescenti e giovani adulti con linfoma di Hodgkin classico ( cHL ) recidivato / refrattario ( R/R ) senza...


Il trattamento con il coniugato anticorpo-farmaco ( ADC ) Brentuximab vedotin ( Adcetris ) in combinazione con il regime AVD,...


Nei pazienti in età pediatrica affetti da linfoma di Hodgkin ad alto rischio, il trattamento con il coniugato anticorpo-farmaco (...


KEYNOTE-204 ha dimostrato un vantaggio di sopravvivenza libera da progressione di Pembrolizumab ( Keytruda ) rispetto a Brentuximab vedotin...