Brentuximab vedotin in combinazione con la chemioterapia nei pazienti con linfoma di Hodgkin in stadio precoce di nuova diagnosi e rischio sfavorevole


È necessario migliorare la curabilità e limitare gli effetti avversi a lungo termine per il linfoma di Hodgkin in stadio precoce ( ES ) di nuova diagnosi a rischio sfavorevole.

In uno studio multicentrico con quattro coorti sequenziali, i pazienti hanno ricevuto 4 cicli di Brentuximab vedotin ( BV; Adcetris ) e Doxorubicina, Vinblastina e Dacarbazina ( AVD ).
Se la tomografia a emissione di positroni ( PET )-4 era negativa, i pazienti erano sottoposti a radioterapia di 30 Gy del sito coinvolto nella coorte 1, radioterapia di 20 Gy del sito coinvolto nella coorte 2, radioterapia di consolidamento del volume di 30 Gy nella coorte 3 e nessuna radioterapia nella coorte 4.

I pazienti eleggibili avevano malattia a rischio sfavorevole in stadio precoce. La malattia bulky definita dai criteri Memorial Sloan Kettering ( più di 7 cm di diametro massimo trasversale o coronale alla tomografia computerizzata ) non era richiesta per le coorti 1 e 2, ma lo era per le coorti 3 e 4.

L'endpoint primario era valutare la sicurezza per la coorte 1 e valutare il tasso di risposta completa mediante PET per le coorti 2-4.

Dei 117 pazienti arruolati, 116 hanno completato la chemioterapia, con un'età media di 32 anni: 50% uomini, 98% in stadio II, 86% con malattia bulky definita dal Memorial Sloan Kettering, 27% con massa tumorale tradizionale ( superiore a 10 cm ), 52% con elevata velocità di eritrosedimentazione, 21% con coinvolgimento extralinfonodale e 56% con più di 2 siti linfonodali coinvolti.

Il tasso di risposta completa ( ORR ) nelle coorti 1-4 è stato rispettivamente del 93%, 100%, 93% e 97%.

Con un follow-up mediano di 3.8 anni, la sopravvivenza libera da progressione a 2 anni e la sopravvivenza globale sono state rispettivamente del 94% e del 99%.

Nelle coorti 1-4, la sopravvivenza libera da progressione a 2 anni è stata rispettivamente del 93%, 97%, 90% e 97%.

Gli eventi avversi hanno incluso neutropenia ( 44% ), neutropenia febbrile ( 8% ) e neuropatia periferica ( 54% ), che era ampiamente reversibile.

Brentuximab vedotin + AVD per 4 cicli è un programma di trattamento altamente attivo e ben tollerato per il linfoma di Hodgkin a rischio sfavorevole in stadio precoce, inclusa la malattia bulky.
L'efficacia di Brentuximab vedotin + AVD supporta la riduzione o l'eliminazione sicura delle radiazioni consolidanti tra i pazienti PET-4-negativi. ( Xagena2021 )

Kumar A et al, J Clin Oncol 2021; 39: 2257-2265

Emo2021 Onco2021 Farma2021



Indietro

Altri articoli

La prognosi dei pazienti con linfoma di Hodgkin sfavorevole allo stadio iniziale rimane insoddisfacente. Sono state valutate l'efficacia e la...


Dopo il trapianto autologo di cellule staminali emopoietiche ( HSCT ), il consolidamento con Brentuximab vedotin ( Adcetris ) nei...


I pazienti con linfoma primario a grandi cellule B del mediastino recidivante / refrattario ( R/R PMBL ) hanno risposte...


Brentuximab vedotin ( Adcetris ) in combinazione con Doxorubicina, Vinblastina e Dacarbazina ( regime AVD ) è approvato nella terapia...


Nello studio registrativo ECHELON-1, Brentuximab vedotin ( BV; Adcetris ), Doxorubicina, Vinblastina e Dacarbazina ( regime A + AVD )...


Brentuximab vedotin ( BV; Adcetris ) in combinazione con Doxorubicina, Vinblastina e Dacarbazina ( AVD ) è sempre più utilizzato...


Bambini, adolescenti e giovani adulti con linfoma di Hodgkin classico ( cHL ) recidivato / refrattario ( R/R ) senza...


Il trattamento con il coniugato anticorpo-farmaco ( ADC ) Brentuximab vedotin ( Adcetris ) in combinazione con il regime AVD,...


Nei pazienti in età pediatrica affetti da linfoma di Hodgkin ad alto rischio, il trattamento con il coniugato anticorpo-farmaco (...


KEYNOTE-204 ha dimostrato un vantaggio di sopravvivenza libera da progressione di Pembrolizumab ( Keytruda ) rispetto a Brentuximab vedotin...