Il trattamento di prima linea a base di Brentuximab Vedotin e chemioterapia ha migliorato la sopravvivenza a 6 anni nel linfoma di Hodgkin


Brentuximab vedotin ( Adcetris ) più Doxorubicina, Vinblastina e Dacarbazina ( A+AVD ) hanno dimostrato una significativa riduzione del rischio di morte rispetto a Doxorubicina, Bleomicina, Vinblastina e Dacarbazina ( ABVD ), con un profilo di sicurezza gestibile coerente con i risultati precedenti nei pazienti con linfoma di Hodgkin classico in stadio III/IV non-trattato in precedenza, secondo i dati di follow-up a 6 anni dello studio di fase 3 ECHELON-1.

A un follow-up mediano di 73 mesi, i tassi di sopravvivenza globale ( OS ) stimati a 6 anni erano del 93.9% ( IC 95%, 91.6%-95.5% ) con il regime A+AVD contro 89.4% ( IC 95%, 86.6%- 91.7% ) con il regime ABVD ( HR=0,59; IC 95%, 0.40-0.88; P = 0.009 ).
La sopravvivenza globale mediana non è stata raggiunta in nessuno dei due bracci.

Nello studio ECHELON-1, 1.334 pazienti sono stati randomizzati in un rapporto 1:1 a ricevere fino a 6 cicli di A+AVD ( n = 664 ) o ABVD ( n = 670 ) per via endovenosa nei giorni 1 e 15 ogni 28 giorni.

La sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) modificata secondo il Comitato di revisione indipendente è servita come endpoint primario dello studio ed è stata raggiunta, con analisi di follow-up a 5 anni a sostegno del beneficio della sopravvienza PFS a lungo termine con A+AVD di prima linea versus ABVD nei pazienti con linfoma di Hodgkin classico in stadio III/IV, indipendente dallo stato della tomografia a emissione di positroni ( PET ) provvisoria.
La sopravvivenza globale era l'endpoint secondario chiave ed era un'analisi guidata da eventi, prespecificata e controllata alfa nella popolazione intention-to-treat ( ITT ).

Le valutazioni di follow-up a lungo termine includevano la sopravvivenza PFS per sperimentatore, l'uso successivo del trattamento e gli esiti di sicurezza inclusi i secondi tumori maligni, gli esiti della gravidanza tra le pazienti e i loro partner e i tassi di risoluzione e miglioramento della neuropatia periferica.

La maggior parte dei partecipanti era di sesso maschile ( n = 776; 58% ), e l'età mediana era di 36 anni ( range, 26-52 ).
L'86% dei pazienti aveva un'età inferiore ai 60 anni ( n = 1148; 86% ), presentava alla diagnosi la malattia di Ann Arbor in stadio IV ( n = 846; 64% ), un punteggio prognostico internazionale di 2 o 3 ( n = 712; 53% ) e stato PET2 negativo ( n = 1166; 87% ).

Con un cut-off a 1 giugno 2021, si sono verificati 39 e 64 eventi di sopravvivenza globale rispettivamente nei bracci A+AVD e ABVD.

Ulteriori risultati hanno rivelato un beneficio di sopravvivenza globale coerente per A+AVD rispetto a ABVD nei sottogruppi prespecificati.
Inoltre, il beneficio di sopravvivenza globale è stato confermato in un'analisi multivariata quando si è contemporaneamente aggiustato per i fattori demografici e di malattia di base ( HR, 0.53; IC 95%, 0.34-0.83 ).
In particolare, l'età, la razza non-bianca, lo stato delle prestazioni ECOG e lo stato PET2 hanno mostrato una maggiore associazione con la sopravvivenza globale.

Le stime di sopravvivenza PFS a 6 anni sono state pari a 82.3% ( IC 95%, 79.1%-85.0% ) con A+AVD versus 74.5% ( IC 95%, 70.8-77.7% ) con ABVD, rispettivamente ( HR, 0.68; IC 95%, 0.53-0.86; P = 0.002 ).
Un totale di 112 e 159 eventi di sopravvivenza PFS si sono verificati rispettivamente nei bracci A+AVD e ABVD.

Non sono stati identificati nuovi segnali di sicurezza, e A+AVD aveva un profilo di sicurezza a lungo termine paragonabile a quello di ABVD.

Meno pazienti sono deceduti per linfoma di Hodgkin e complicazioni correlate alla malattia o al trattamento con A+AVD ( n = 39; 5.9% ) rispetto a ABVD ( n = 64; 9.7% ).
Altri motivi di morte sono stati: sconosciuti ( n = 1 ), incidente o suicidio ( n = 3 ), insufficienza cardiaca ( n = 1 ) ed emorragia intracranica ( n = 1 ) nel braccio A+AVD; e sconosciuti ( n = 5 ), COVID-19 ( n = 1 ), insufficienza cardiaca ( n = 1 ) e infezione del tratto respiratorio inferiore ( n = 1 ) nel braccio ABVD.

Nel braccio A+AVD, 19 pazienti deceduti avevano una precedente progressione della malattia e 18 hanno ricevuto una successiva terapia.
Nel braccio ABVD, 28 pazienti deceduti avevano una precedente progressione della malattia e 25 hanno ricevuto una successiva terapia ( Brentuximab vedotin, n = 13 ).

In particolare, l'esigenza di almeno una terapia successiva era meno comune con A+AVD ( n = 135; 20% ) che con ABVD ( n = 157; 24% ).
Il tipo di successiva terapia nei bracci A+AVD e ABVD, rispettivamente, comprendeva Brentuximab vedotin o regimi chemioterapici ( n = 78, 12%; n = 108, 16% ), radiazioni ( n = 54, 8%; n = 54, 8% ), chemioterapia e radiazioni ( n = 1, inferiore a 1%; n = 4, inferiore a 1% ), chemioterapia ad alte dosi e trapianto ( n = 44.7%; n = 59.9% ), trapianto allogenico ( n = 4, inferiore a 1%; n = 12.2% ), immunoterapia ( n = 18.3%; n = 24.4% ) o altro ( n = 0, 0% ; n = 1, inferiore a 1% ).

Inoltre, sono state riportate meno seconde neoplasie maligne nel braccio A+AVD ( n = 23; neoplasie ematologiche, n = 9; tumori solidi, n = 14 ) rispetto al braccio ABVD ( n = 32; neoplasie ematologiche, n = 17; tumori solidi, n = 14 ), rispecchiando i risultati precedenti.
Due pazienti in ciascun braccio con un secondo tumore maligno sono stati sottoposti a trapianto e 3 pazienti nel braccio ABVD avevano ricevuto in precedenza radioterapia.

Inoltre, i dati sulla gravidanza e sulla neuropatia periferica erano coerenti con i risultati precedenti.
Più pazienti di sesso femminile nei bracci A+AVD versus ABVD, rispettivamente, hanno riportato gravidanze ( n = 49 vs n = 28 ) e nati vivi ( n = 56 vs n = 23 ).

Tra i partner di pazienti maschi, sono state riportate 33 gravidanze e 40 nati vivi nel braccio A+AVD contro 33 gravidanze e 36 nati vivi nel braccio ABVD.
Non sono stati riportati nati morti in nessuno dei due bracci.

L'incidenza a 2 anni di neuropatia periferica è stata del 67% con A+AVD contro il 43% con ABVD. Tuttavia, la neuropatia periferica emergente dal trattamento ha continuato a risolversi o a migliorare in entrambi i bracci, con l'86% e l'87% dei casi rispettivamente nei bracci A+AVD e ABVD, che si sono completamente risolti o sono migliorati all'ultimo follow-up.
Il tempo mediano alla risoluzione è stato rispettivamente di 16 e 10 settimane.
La neuropatia periferica in corso all'ultimo follow-up nei bracci A+AVD e ABVD, rispettivamente, era rappresentata da eventi di grado 1 ( n = 71, 11%; n = 39, 6% ), 2 ( n = 38, 6%; n = 16, 2% ), 3 ( n = 15, 2%; n = 4, inferiore a 1% ) e 4 ( n = 1, inferiore a 1%; n = 0, 0% ).

In conclusione, il regime a base di Brentuximab vedotin A+AVD ha migliorato la sopravvivenza globale rispetto al regime ABVD.
Il vantaggio di sopravvivenza globale con A+AVD è stato associato a un minor numero di secondi tumori maligni rispetto ad ABVD. ( Xagena2022 )

Fonte: American Society of Clinical Oncology ( ASCO ) Annual Meeting, 2022

Emo2022 Onco2022 Farma2022


Indietro

Altri articoli

La prognosi dei pazienti con linfoma di Hodgkin sfavorevole allo stadio iniziale rimane insoddisfacente. Sono state valutate l'efficacia e la...


Dopo il trapianto autologo di cellule staminali emopoietiche ( HSCT ), il consolidamento con Brentuximab vedotin ( Adcetris ) nei...


I pazienti con linfoma primario a grandi cellule B del mediastino recidivante / refrattario ( R/R PMBL ) hanno risposte...


Brentuximab vedotin ( Adcetris ) in combinazione con Doxorubicina, Vinblastina e Dacarbazina ( regime AVD ) è approvato nella terapia...


Bambini, adolescenti e giovani adulti con linfoma di Hodgkin classico ( cHL ) recidivato / refrattario ( R/R ) senza...


Il trattamento con il coniugato anticorpo-farmaco ( ADC ) Brentuximab vedotin ( Adcetris ) in combinazione con il regime AVD,...


Nei pazienti in età pediatrica affetti da linfoma di Hodgkin ad alto rischio, il trattamento con il coniugato anticorpo-farmaco (...


KEYNOTE-204 ha dimostrato un vantaggio di sopravvivenza libera da progressione di Pembrolizumab ( Keytruda ) rispetto a Brentuximab vedotin...


Il follow-up a 5 anni in uno studio che ha coinvolto pazienti con linfoma di Hodgkin classico in stadio III...