Sopravvivenza globale con Brentuximab Vedotin nel linfoma di Hodgkin in stadio III o IV


Il follow-up a 5 anni in uno studio che ha coinvolto pazienti con linfoma di Hodgkin classico in stadio III o IV non-trattato in precedenza ha mostrato vantaggi in termini di sopravvivenza libera da progressione a lungo termine con la terapia di prima linea con Brentuximab vedotin ( Adcetris ), un coniugato anticorpo-farmaco diretto contro CD30, più Doxorubicina, Vinblastina e Dacarbazina ( A+AVD ), rispetto a Doxorubicina, Bleomicina, Vinblastina e Dacarbazina ( ABVD ).

Un'analisi ad interim pianificata ha indicato un potenziale beneficio per quanto riguarda la sopravvivenza globale; sono ora disponibili i dati di una mediana di 6 anni di follow-up.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere fino a 6 cicli di A+AVD o ABVD.

L'endpoint primario, la sopravvivenza libera da progressione modificata ( mPFS ), è stato riportato in precedenza.
L'endpoint secondario chiave era la sopravvivenza globale ( OS ) nella popolazione intention-to-treat ( ITT ).
È stata valutata anche la sicurezza.

In totale 664 pazienti sono stati assegnati a ricevere A+AVD e 670 a ricevere ABVD.

A un follow-up mediano di 73.0 mesi, 39 pazienti nel gruppo A+AVD e 64 nel gruppo ABVD erano deceduti ( hazard ratio, HR=0.59; P=0.009 ).
Le stime di sopravvivenza globale ( OS ) a 6 anni sono state del 93.9% nel gruppo A+AVD e dell'89.4% nel gruppo ABVD.

La sopravvivenza libera da progressione è stata più lunga con A+AVD che con ABVD ( hazard ratio per la progressione della malattia o la morte, HR=0.68 ). Meno pazienti nel gruppo A+AVD rispetto al gruppo ABVD hanno ricevuto una terapia successiva, incluso il trapianto, e sono stati segnalati meno secondi tumori con A+AVD ( in 23 rispetto a 32 pazienti ).

La profilassi primaria con fattore stimolante le colonie dei granulociti ( G-CSF ) è stata raccomandata dopo che è stata osservata un'aumentata incidenza di neutropenia febbrile con A+AVD.
Più pazienti hanno manifestato neuropatia periferica con A+AVD che con ABVD, ma la maggior parte dei pazienti nei due gruppi ha avuto risoluzione o miglioramento dell'evento entro l'ultimo follow-up.

In conclusione, i pazienti che hanno ricevuto Brentuximab vedotin + AVD per il trattamento del linfoma di Hodgkin in stadio III o IV hanno avuto un vantaggio in termini di sopravvivenza rispetto a quelli che hanno ricevuto ABVD. ( Xagena2022 )

Ansell SM et al, N Engl J Med 2022; 387: 310-320

Emo2022 Onco2022 Farma2022



Indietro

Altri articoli

Il trattamento con il coniugato anticorpo-farmaco ( ADC ) Brentuximab vedotin ( Adcetris ) in combinazione con il regime AVD,...


Nei pazienti in età pediatrica affetti da linfoma di Hodgkin ad alto rischio, il trattamento con il coniugato anticorpo-farmaco (...


KEYNOTE-204 ha dimostrato un vantaggio di sopravvivenza libera da progressione di Pembrolizumab ( Keytruda ) rispetto a Brentuximab vedotin...


Brentuximab vedotin ( Adcetris ) più Doxorubicina, Vinblastina e Dacarbazina ( A+AVD ) hanno dimostrato una significativa riduzione del rischio...


È necessario migliorare la curabilità e limitare gli effetti avversi a lungo termine per il linfoma di Hodgkin in stadio...


KEYNOTE-204 ha dimostrato un vantaggio di sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) di Pembrolizumab ( Keytruda ) rispetto a...


Recenti risultati di studi clinici hanno suggerito l'efficacia e la tollerabilità per la combinazione di Nivolumab ( Opdivo ) con...


Il blocco di PD-1 tramite Pembrolizumab ( Keytruda ) in monoterapia ha mostrato attività antitumorale e tossicità nei pazienti con...


Tre quarti dei pazienti con linfoma di Hodgkin recidivato / refrattario sono rimasti in vita senza progressione della malattia 3...