Ayvakyt a base di Avapritinib nel trattamento del tumore stromale del tratto gastrointestinale con mutazione PDGFRA D842V e nella mastocitosi sistemica avanzata


Ayvakyt, il cui principio attivo è Avapritinib, è un medicinale antitumorale usato per il trattamento del tumore stromale del tratto gastrointestinale ( GIST ), un cancro dello stomaco e dell’intestino, che non può essere rimosso chirurgicamente e che si è esteso ad altre parti del corpo.
Ayvakyt trova impiego quando le cellule tumorali presentano una mutazione D842V, un’alterazione genetica del recettore alfa del fattore di crescita derivato dalle piastrine ( PDGFRA ).
Ayvakyt trova anche impiego negli adulti affetti da mastocitosi sistemica avanzata, ossia una delle seguenti patologie di un tipo di globuli bianchi noti come mastociti: mastocitosi sistemica aggressiva, mastocitosi sistemica associata a una neoplasia ematologica o leucemia mastocitaria. È usato dopo che il paziente è stato sottoposto ad almeno un trattamento sistemico.

Queste malattie sono rare e Ayvakyt è stato qualificato come medicinale orfano ( medicinale utilizzato nelle malattie rare ) il 17 luglio 2017 ( GIST ) e il 26 ottobre 2018 ( mastocitosi ).

Ayvakyt è disponibile sotto forma di compresse da assumere per bocca. Ayvakyt deve essere assunto a stomaco vuoto.
La dose raccomandata è di 300 mg una volta al giorno per il GIST e di 200 mg una volta al giorno per la mastocitosi sistemica avanzata.
Può essere necessario ridurre la dose se il paziente assume altri medicinali denominati inibitori del CYP3A che potrebbero interferire con il modo in cui Ayvakyt è metabolizzato nell’organismo.
Il trattamento può essere sospeso, interrotto o la dose ridotta se il paziente manifesta determinati effetti indesiderati.

Ayvakyt appartiene a un gruppo di medicinali denominati inibitori dei recettori tirosin-chinasici. Agisce bloccando l’attività dei recettori denominati PDGFRA sulla superficie del GIST o dei mastociti. Questi recettori contribuiscono a controllare la crescita cellulare e possono essere anomali ( mutati ) nei GIST e nei mastociti, provocando una moltiplicazione incontrollata delle cellule. Bloccando l’azione del recettore anomalo, è atteso che il medicinale contribuisca a rallentare la crescita di queste cellule.

Studi

GIST - Ayvakyt si è rivelato benefico in uno studio principale condotto su 38 pazienti affetti da GIST, in cui le cellule tumorali presentavano la mutazione PDGFRA D842V. Nello studio, nel quale Ayvakyt non è stato confrontato con altri medicinali, la malattia ha risposto alla terapia nel 95% dei pazienti ( 36 su 38 ) e il periodo intercorso prima che il cancro peggiorasse nei pazienti trattati è stato in media di 22 mesi.

Mastocitosi sistemica avanzata - Per la mastocitosi sistemica avanzata, Ayvakyt ha mostrato benefici in uno studio principale in corso: su 47 pazienti affetti da mastocitosi sistemica avanzata che avevano ricevuto una precedente terapia sistemica, 28 ( 60% ) hanno risposto al trattamento con Ayvakyt. Sebbene i pazienti siano stati seguiti per un periodo limitato, si prevede che la risposta durerà in media almeno 12 mesi.

Reazioni avverse

Nei pazienti affetti da GIST, gli effetti indesiderati più comuni di Ayvakyt ( che possono riguardare più di 20 persone su 100 ) sono nausea, stanchezza, anemia, edema periorbitale, della faccia o periferico ( tumefazione di occhi, viso, caviglie o piedi ), iperbilirubinemia ( elevati livelli di bilirubina nel sangue che indicano problemi al fegato ), diarrea, vomito, lacrimazione aumentata ( occhi acquosi ), appetito ridotto e compromissione della memoria ( dimenticanza ).

Gli effetti indesiderati gravi più comuni di Ayvakyt nei pazienti con GIST ( che possono riguardare fino a 6 persone su 100 ) sono anemia e versamento pleurico ( liquido intorno ai polmoni ).

Nei pazienti affetti da mastocitosi sistemica avanzata, gli effetti indesiderati più comuni ( che riguardano più di 20 persone su 100 ) sono edema periorbitale e periferico, trombocitopenia ( bassa conta piastrinica ) e anemia.

Gli effetti indesiderati gravi più comuni ( che possono riguardare fino a 2 persone su 100 ) sono ematoma subdurale ( accumulo di sangue tra il cranio e la superficie del cervello ), anemia e sanguinamento.

L’Agenzia europea per i medicinali, EMA, ha deciso che i benefici di Ayvakyt sono superiori ai rischi.
Ayvakyt ha dato benefici a un’elevata percentuale di pazienti affetti da GIST caratterizzato da mutazione PDGFRA D842V per un periodo di tempo significativo.
Risultati simili non erano stati riscontrati in precedenza e sono migliori di quelli riportati in letteratura per altri medicinali dello stesso tipo in questa popolazione di pazienti, che non dispongono di molte opzioni di trattamento.
Sebbene Ayvakyt abbia prodotto effetti indesiderati sostanziali, questi erano per lo più simili a quelli di altri medicinali dello stesso tipo e considerati gestibili.
Per la mastocitosi sistemica avanzata, in cui le opzioni di trattamento altrettanto sono limitate, i benefici erano promettenti e clinicamente significativi, mentre il profilo di sicurezza generale appare coerente con quello osservato per il tumore stromale del tratto gastrointestinale. ( Xagena2022 )

Fonte: EMA, 2022

Onco2022 Gastro2022 MalRar2022 Med2022 Farma2022



Indietro

Altri articoli

I sopravvissuti a trapianto di sangue o di midollo ( BMT ) sono a maggior rischio di successive neoplasie maligne...


Le firme genomiche che contribuiscono all'elevato carico mutazionale del tumore ( TMB-H ) indipendentemente dal deficit di riparazione del mismatch...


Rispetto ad altri anticoagulanti orali diretti, Apixaban è risultato associato a tassi più bassi di sanguinamento gastrointestinale ma tassi simili...


Sunitinib ( Sutent ), un inibitore multitarget della tirosin-chinasi ( TKI ), è approvato per il tumore stromale gastrointestinale (...


Tra gli anticoagulanti orali diretti ( DOAC ) per la fibrillazione atriale, Apixaban ( Eliquis ) può comportare un minor...


L'obiettivo di una ricerca è stato quello di studiare l'incidenza di cancro gastrico attribuito a metaplasia intestinale gastrica, e convalidare...


Qinlock, il cui principio attivo è Ripretinib, è un medicinale antitumorale usato per il trattamento del tumore stromale gastrointestinale (...


Mutazioni primarie o secondarie in KIT o nel recettore alfa del fattore di crescita derivato dalle piastrine ( PDGFRA )...


I tassi di sanguinamento gastrointestinale per anticoagulanti orali diretti ( DOAC ) e Warfarin ( Coumadin ) sono stati ampiamente...