La gravità della metaplasia intestinale gastrica predice il rischio di cancro gastrico


L'obiettivo di una ricerca è stato quello di studiare l'incidenza di cancro gastrico attribuito a metaplasia intestinale gastrica, e convalidare lo stato OLGIM ( Operative Link on Gastric Intestinal Metaplasia ) per la sorveglianza endoscopica mirata in Regioni con incidenza bassa-intermedia di tumore allo stomaco.

Uno studio prospettico, longitudinale e multicentrico è stato condotto a Singapore. I partecipanti allo studio erano 2980 pazienti sottoposti a gastroscopia di screening con campionamento standardizzato della mucosa gastrica, nel periodo 2004-2010, con endoscopia di sorveglianza programmata all'anno 3 e 5.
I partecipanti sono stati anche confrontati con il registro NRDO ( National Registry of Diseases Office ) per mancata diagnosi di neoplasia gastrica precoce.

Ci sono stati 21 partecipanti con diagnosi di neoplasia gastrica precoce.
La metaplasia intestinale era un fattore di rischio significativo per la neoplasia gastrica precoce ( hazard ratio aggiustato, aHR=5.36; IC 95%  da 1.51 a 19.0; p minore di 0.01 ).

I tassi di incidenza della neoplasia gastrica precoce, aggiustati per l'età, per i pazienti con e senza metaplasia intestinale sono stati pari a 133.9 e 12.5 per 100 000 anni persona.

I partecipanti con stadio OLGIM III-IV erano a maggior rischio ( aHR=20.7; IC 95%  da 5.04 a 85.6; p inferiore a 0.01 ).

Più della metà delle neoplasie gastriche precoci ( n=4/7 ) attribuiti allo stadio OLGIM III–IV basale si è sviluppato entro 2 anni ( intervallo: 12.7–44.8 mesi ).

Il fattore TFF3 sierico ha permesso di distinguere ( AUC-ROC 0.749 ) i pazienti con OLGIM III–IV con negatività per Helicobacter pylori.

I partecipanti con stadio OLGIM II erano anche a rischio significativo di neoplasia gastrica precoce ( aHR=7.34; IC 95%  da 1.60 a 33.7; p=0.02 ).

Una significativa storia di fumo ha mostrato di aumentare ulteriormente il rischio di neoplasia gastrica precoce tra i pazienti con stadio OLGIM II-IV.

In conclusione, i pazienti ad alto rischio ( stadio OLGIM III-IV ) dovrebbero sottoporsi a sorveglianza endoscopica ogni 2 anni, mentre i pazienti a rischio intermedio ( stadio OLGIM II ) ogni 5 anni. ( Xagena2022 )

Lee JWJ et al, Gut 2022;71:854-863

Gastro2022 Onco2022



Indietro

Altri articoli

I sopravvissuti a trapianto di sangue o di midollo ( BMT ) sono a maggior rischio di successive neoplasie maligne...


Le firme genomiche che contribuiscono all'elevato carico mutazionale del tumore ( TMB-H ) indipendentemente dal deficit di riparazione del mismatch...


Rispetto ad altri anticoagulanti orali diretti, Apixaban è risultato associato a tassi più bassi di sanguinamento gastrointestinale ma tassi simili...


Sunitinib ( Sutent ), un inibitore multitarget della tirosin-chinasi ( TKI ), è approvato per il tumore stromale gastrointestinale (...


Tra gli anticoagulanti orali diretti ( DOAC ) per la fibrillazione atriale, Apixaban ( Eliquis ) può comportare un minor...


Ayvakyt, il cui principio attivo è Avapritinib, è un medicinale antitumorale usato per il trattamento del tumore stromale del tratto...


Qinlock, il cui principio attivo è Ripretinib, è un medicinale antitumorale usato per il trattamento del tumore stromale gastrointestinale (...


Mutazioni primarie o secondarie in KIT o nel recettore alfa del fattore di crescita derivato dalle piastrine ( PDGFRA )...


I tassi di sanguinamento gastrointestinale per anticoagulanti orali diretti ( DOAC ) e Warfarin ( Coumadin ) sono stati ampiamente...