Neoplasie maligne del tratto gastrointestinale dopo trapianto di sangue o midollo


I sopravvissuti a trapianto di sangue o di midollo ( BMT ) sono a maggior rischio di successive neoplasie maligne ( SMN ).
I tumori del sistema gastrointestinale ( GI ) sono di particolare interesse perché il loro comportamento clinico è spesso aggressivo, richiedendo una diagnosi precoce e l’aumento della consapevolezza delle popolazioni ad alto rischio.

È stato descritto il rischio di successive neoplasie maligne nel tratto gastrointestinale dopo trapianto di midollo osseo in uno studio di coorte su 6.710 individui rimasti in vita almeno 2 anni dopo il trapianto di midollo osseo eseguito tra il 1974 e il 2014 presso City of Hope, Università del Minnesota o Università dell'Alabama a Birmingham.
La fine del follow-up è stata nel marzo 2020.

L’esito principale era lo sviluppo di successive neoplasie maligne nel tratto gastrointestinale dopo trapianto di midollo osseo; successive neoplasie maligne auto-riferiti dai partecipanti nel tratto gastrointestinale confermate con referti patologici, cartelle cliniche o entrambi.
Per i pazienti deceduti sono stati utilizzati i registri dei decessi.

I rapporti di incidenza standardizzati hanno determinato l'eccesso di rischio di successive neoplasie maligne nel tratto gastrointestinale rispetto a quello della popolazione generale.
La coorte di 6.710 individui ha incluso 3.444 ( 51.3% ) destinatari di trapianto di midollo osseo autologo e 3.266 ( 48.7% ) destinatari di trapianto di midollo osseo allogenico.
In totale 3.917 individui ( 58.4% ) erano maschi e l'età media al trapianto di midollo osseo era di 46 anni.

Dopo 62.479 anni-persona di follow-up, 148 pazienti hanno sviluppato successive neoplasie maligne nel tratto gastrointestinale.
I rapporti di incidenza standardizzati per lo sviluppo di successive neoplasie maligne specifiche variavano da 2.1 per il tumore colorettale ( P minore di 0.001 ) a 7.8 per il tumore esofageo ( P minore di 0.001 ).

L'esposizione alla Citarabina per il condizionamento ( hazard ratio di sottodistribuzione SHR, 3.1 ) è stata associata al successivo tumore del colon-retto.
Rispetto ai pazienti che hanno subito trapianto di midollo osseo autologo, quelli che hanno ricevuto un trapianto di midollo osseo allogenico con malattia cronica del trapianto contro l'ospite hanno avuto un maggior rischio di tumore esofageo ( SHR, 9.9 ).

Il condizionamento con Etoposide ( SHR, 2.0 ) e l'esposizione pre-trapianto di midollo osseo alle antracicline ( SHR, 5.4 ) sono stati associati a un aumentato rischio di cancro al fegato rispetto a nessuna esposizione ai rispettivi agenti.

I risultati di questo studio di coorte sono rilevanti per oncologi e non-oncologi che si prendono cura del crescente numero di sopravvissuti al trapianto.

La conoscenza dei sottogruppi di sopravvissuti al trapianto di midollo osseo ad alto rischio per tipi specifici di successive neoplasie maligne nel tratto gastrointestinale può influenzare le raccomandazioni relative ai fattori di rischio modificabili, così come lo screening individualizzato. ( Xagena2023 )

McDonald A et al, JAMA Oncol 2023; 9: 376-385

Emo2023 Onco2023 Gastro2023



Indietro

Altri articoli

Le firme genomiche che contribuiscono all'elevato carico mutazionale del tumore ( TMB-H ) indipendentemente dal deficit di riparazione del mismatch...


Rispetto ad altri anticoagulanti orali diretti, Apixaban è risultato associato a tassi più bassi di sanguinamento gastrointestinale ma tassi simili...


Sunitinib ( Sutent ), un inibitore multitarget della tirosin-chinasi ( TKI ), è approvato per il tumore stromale gastrointestinale (...


Tra gli anticoagulanti orali diretti ( DOAC ) per la fibrillazione atriale, Apixaban ( Eliquis ) può comportare un minor...


Ayvakyt, il cui principio attivo è Avapritinib, è un medicinale antitumorale usato per il trattamento del tumore stromale del tratto...


L'obiettivo di una ricerca è stato quello di studiare l'incidenza di cancro gastrico attribuito a metaplasia intestinale gastrica, e convalidare...


Qinlock, il cui principio attivo è Ripretinib, è un medicinale antitumorale usato per il trattamento del tumore stromale gastrointestinale (...


Mutazioni primarie o secondarie in KIT o nel recettore alfa del fattore di crescita derivato dalle piastrine ( PDGFRA )...


I tassi di sanguinamento gastrointestinale per anticoagulanti orali diretti ( DOAC ) e Warfarin ( Coumadin ) sono stati ampiamente...