Ondate di calore, incidenza di gastroenterite infettiva e recidiva di malattia infiammatoria intestinale


Uno studio, retrospettivo ed osservazionale, ha valutato l'effetto delle ondate di calore sulle riacutizzazioni di malattia infiammatoria intestinale e gastroenterite infettiva.

Sono stati raccolti i dati provenienti da 738 pazienti con malattia infiammatoria intestinale e 786 con gastroenterite infettiva ricoverati presso l’Ospedale universitario di Zurigo, negli anni 2001-2005, così come da 506 soggetti affetti da altre infiammazioni intestinali croniche non-infettive, che sono stati utilizzati come controlli.
I dati climatici sono stati ottenuti dall’Ufficio federale svizzero di meteorologia e climatologia.

La presenza di una ondata di calore ha aumentato il rischio di riacutizzazioni di malattia infiammatoria intestinale del 4.6% ( P=0.0035 ) e di riacutizzazioni di gastroenterite infettiva del 4.7% ( P=0.0020 ) per ogni giorno aggiuntivo entro un periodo con ondate di calore.
Nel gruppo di controllo non vi è stato alcun effetto significativo ( P=0.53 ).

Il monitoraggio di forme alternative per l'effetto delle ondate di calore ha indicato che per la gastroenterite infettiva l'effetto è più forte dopo 7 giorni ( aumento del rischio per giorno: 7.2%, P minore di 0.0001 ), mentre per la malattia infiammatoria intestinale non è stata necessaria tale trasformazione.

Altre formulazioni con effetti additivi, le interazioni tra ondate di calore e periodo dell'anno e gli aggiustamenti aggiuntivi per temperatura media giornaliera non hanno mostrato alcun miglioramento nell’adattamento del modello.

In conclusione, in questo studio osservazionale, retrospettivo, controllato, è stato riscontrato un notevole aumento dei ricoveri ospedalieri a causa della riacutizzazione di malattia infiammatoria intestinale e gastroenterite infettiva durante i periodi con ondate di calore.
Considerando che l'effetto sulla gastroenterite infettiva è più forte con un ritardo di 7 giorni, l'effetto sulla riacutizzazione di malattia infiammatoria intestinale è immediato, indicando meccanismi diversi. ( Xagena2013 )

Manser CN et al, Am J Gastroenterol 2013; 108: 1480-1485

Gastro2013 Inf2013



Indietro

Altri articoli

I sopravvissuti a trapianto di sangue o di midollo ( BMT ) sono a maggior rischio di successive neoplasie maligne...


Le firme genomiche che contribuiscono all'elevato carico mutazionale del tumore ( TMB-H ) indipendentemente dal deficit di riparazione del mismatch...


Rispetto ad altri anticoagulanti orali diretti, Apixaban è risultato associato a tassi più bassi di sanguinamento gastrointestinale ma tassi simili...


Sunitinib ( Sutent ), un inibitore multitarget della tirosin-chinasi ( TKI ), è approvato per il tumore stromale gastrointestinale (...


Tra gli anticoagulanti orali diretti ( DOAC ) per la fibrillazione atriale, Apixaban ( Eliquis ) può comportare un minor...


Ayvakyt, il cui principio attivo è Avapritinib, è un medicinale antitumorale usato per il trattamento del tumore stromale del tratto...


L'obiettivo di una ricerca è stato quello di studiare l'incidenza di cancro gastrico attribuito a metaplasia intestinale gastrica, e convalidare...


Qinlock, il cui principio attivo è Ripretinib, è un medicinale antitumorale usato per il trattamento del tumore stromale gastrointestinale (...


Mutazioni primarie o secondarie in KIT o nel recettore alfa del fattore di crescita derivato dalle piastrine ( PDGFRA )...


I tassi di sanguinamento gastrointestinale per anticoagulanti orali diretti ( DOAC ) e Warfarin ( Coumadin ) sono stati ampiamente...