Suture sottocuticolari versus graffette per la chiusura della pelle dopo chirurgia gastrointestinale a cielo aperto


Le graffette sono state ampiamente utilizzate per la chiusura della pelle dopo chirurgia gastrointestinale in aperto.
I vantaggi potenziali delle suture sottocuticolari rispetto alle graffette non sono stati valutati.

È stato condotto uno studio per valutare le differenze nella frequenza delle complicazioni alla ferita, inclusa infezione superficiale al sito di incisione chirurgica e formazione di cicatrici ipertrofiche, in base all’uso di suture sottocuticolari o graffette.

Lo studio multicentrico, in aperto, randomizzato e controllato è stato condotto in 24 Centri nel periodo 2009-2012.

I pazienti eleggibili avevano un’età uguale o superiore a 20 anni, un’adeguata funzione d’organo e dovevano essere sottoposti a un intervento elettivo di chirurgia gastrointestinale superiore o inferiore.

Questi pazienti sono stati assegnati in maniera casuale prima dell’intervento a graffette o suture sottocuticolari per la chiusura cutanea.

La randomizzazione è stata stratificata per Centro, sesso e tipo di chirurgia ( gastrointestinale superiore o inferiore ).

L’endpoint primario era l’incidenza di complicazioni alla ferita entro 30 giorni dall’intervento chirurgico.

Le analisi sono state effettuate per intention-to-treat.

Sono stati arruolati 1080 pazienti, che sono stati randomizzati in un rapporto 1 a 1: 562 a suture sottocuticolari e 518 a graffette.

In totale, 1072 erano eleggibili per l’endpoint primario e 1058 per l’endpoint secondario.

Dei 558 pazienti assegnati a suture sottocuticolari, 382 sono stati sottoposti a chirurgia gastrointestinale del tratto superiore e 176 a chirurgia gastrointestinale del tratto inferiore.

Complicazioni alla ferita si sono manifestate in 47 dei 558 pazienti ( 8.4% ).

Dei 514 pazienti assegnati a graffette, 413 sono stati sottoposti a chirurgia gastrointestinale del tratto superiore e 101 a chirurgia gastrointestinale del tratto inferiore.

Complicazioni alla ferita si sono manifestate in 59 dei 514 pazienti ( 11.5% ).

In generale, il tasso di complicazioni alla ferita non ha mostrato differenze significative tra gruppo suture sottocuticolari e gruppo graffette ( odds ratio, OR=0.709; p=0.12 ).

In conclusione, l’efficacia delle suture sottocuticolari non si è dimostrata migliore rispetto alla procedura standard per la chiusura della pelle nel ridurre l’incidenza di complicazioni alla ferita dopo intervento chirurgico gastrointestinale a cielo aperto. ( Xagena2013 )

Tsujinaka T et al, Lancet 2013; 382: 1105-1112

Gastro2013 Chiru2013



Indietro

Altri articoli

I sopravvissuti a trapianto di sangue o di midollo ( BMT ) sono a maggior rischio di successive neoplasie maligne...


Le firme genomiche che contribuiscono all'elevato carico mutazionale del tumore ( TMB-H ) indipendentemente dal deficit di riparazione del mismatch...


Rispetto ad altri anticoagulanti orali diretti, Apixaban è risultato associato a tassi più bassi di sanguinamento gastrointestinale ma tassi simili...


Sunitinib ( Sutent ), un inibitore multitarget della tirosin-chinasi ( TKI ), è approvato per il tumore stromale gastrointestinale (...


Tra gli anticoagulanti orali diretti ( DOAC ) per la fibrillazione atriale, Apixaban ( Eliquis ) può comportare un minor...


Ayvakyt, il cui principio attivo è Avapritinib, è un medicinale antitumorale usato per il trattamento del tumore stromale del tratto...


L'obiettivo di una ricerca è stato quello di studiare l'incidenza di cancro gastrico attribuito a metaplasia intestinale gastrica, e convalidare...


Qinlock, il cui principio attivo è Ripretinib, è un medicinale antitumorale usato per il trattamento del tumore stromale gastrointestinale (...


Mutazioni primarie o secondarie in KIT o nel recettore alfa del fattore di crescita derivato dalle piastrine ( PDGFRA )...


I tassi di sanguinamento gastrointestinale per anticoagulanti orali diretti ( DOAC ) e Warfarin ( Coumadin ) sono stati ampiamente...