Tumore stromale gastrointestinale operabile: la terapia adiuvante con Imatinib per 3 anni è risultata migliore rispetto a 1 anno


Il trattamento adiuvante con Imatinib ( Glivec, Gleevec ) somministrato per 12 mesi dopo la chirurgia ha migliorato la sopravvivenza libera da ricorrenza nei pazienti con tumori stromali gastrointestinali ( GIST ) operabili, rispetto al placebo.

È stato condotto uno studio per valutare il ruolo della durata della somministrazione di Imatinib come trattamento adiuvante in pazienti con un alto rischio stimato di ricorrenza di GIST dopo la chirurgia.

Pazienti sottoposti a rimozione chirurgica di GIST positivo per KIT nel periodo 2004-2008 sono stati arruolati nello studio randomizzato, in aperto e di fase 3 condotto in 24 ospedali in Finlandia, Germania, Norvegia e Svezia.

Il rischio di ricorrenza di GIST è stato stimato utilizzando i criteri del National Institutes of Health Consensus, modificati.

Ai pazienti è stato somministrato Imatinib, alla dose di 400 mg al giorno per via orale per 12 o 36 mesi, con inizio del trattamento entro 12 settimane dall’intervento chirurgico.

L’endpoint primario era la sopravvivenza libera da ricorrenza; gli endpoint secondari includevano sopravvivenza generale e sicurezza del trattamento.

In ciascun gruppo sono stati arruolati 200 pazienti.

Il follow-up mediano dopo la randomizzazione è stato di 54 mesi a dicembre 2010.

La diagnosi di GIST è stata confermata in 382 dei 397 pazienti ( 96% ) nella popolazione per intention-to-treat nel corso di una revisione patologica centrale.

Mutazioni in KIT o PDGFRA sono state individuate in 333 dei 366 tumori ( 91% ) disponibili per il test.

I pazienti assegnati a trattamento di 36 mesi con Imatinib hanno mostrato una sopravvivenza libera da recidiva maggiore rispetto a quelli assegnati al trattamento per 12 mesi ( hazard ratio [ HR ], 0.46; P inferiore a 0.001; sopravvivenza libera da recidiva a 5 anni, 65.6% vs 47.9%, rispettivamente ) e una maggiore sopravvivenza generale ( HR=0.45; P = 0.02; sopravvivenza a 5 anni, 92.0% vs 81.7% ).

Imatinib è risultato generalmente ben tollerato, ma il 12.6% e il 25.8% dei pazienti assegnati al trattamento di 12 e 36 mesi, rispettivamente, ha interrotto l’assunzione di Imatinib per ragioni diverse dalla ricorrenza di GIST.

In conclusione, rispetto a 12 mesi di terapia adiuvante con Imatinib, il trattamento di 36 mesi ha migliorato la sopravvivenza libera da recidiva e la sopravvivenza generale dei pazienti con GIST ad alto rischio di ricorrenza del tumore. ( Xagena2012 )

Joensuu H et al, JAMA 2012; 307: 1265-1272

Gastro2012 Onco2012 Chiru2012 Farma2012


Indietro

Altri articoli

I sopravvissuti a trapianto di sangue o di midollo ( BMT ) sono a maggior rischio di successive neoplasie maligne...


Le firme genomiche che contribuiscono all'elevato carico mutazionale del tumore ( TMB-H ) indipendentemente dal deficit di riparazione del mismatch...


Rispetto ad altri anticoagulanti orali diretti, Apixaban è risultato associato a tassi più bassi di sanguinamento gastrointestinale ma tassi simili...


Sunitinib ( Sutent ), un inibitore multitarget della tirosin-chinasi ( TKI ), è approvato per il tumore stromale gastrointestinale (...


Tra gli anticoagulanti orali diretti ( DOAC ) per la fibrillazione atriale, Apixaban ( Eliquis ) può comportare un minor...


Ayvakyt, il cui principio attivo è Avapritinib, è un medicinale antitumorale usato per il trattamento del tumore stromale del tratto...


L'obiettivo di una ricerca è stato quello di studiare l'incidenza di cancro gastrico attribuito a metaplasia intestinale gastrica, e convalidare...


Qinlock, il cui principio attivo è Ripretinib, è un medicinale antitumorale usato per il trattamento del tumore stromale gastrointestinale (...


Mutazioni primarie o secondarie in KIT o nel recettore alfa del fattore di crescita derivato dalle piastrine ( PDGFRA )...


I tassi di sanguinamento gastrointestinale per anticoagulanti orali diretti ( DOAC ) e Warfarin ( Coumadin ) sono stati ampiamente...