Abemaciclib in combinazione con Fulvestrant nelle donne con cancro al seno HR+/HER2- avanzato progredito durante la terapia endocrina: studio MONARCH 2


Lo studio MONARCH 2 ha confrontato l'efficacia e la sicurezza di Abemaciclib ( Verzenio ), un inibitore ciclina-dipendente selettivo delle chinasi 4 e 6, più Fulvestrant con Fulvestrant da solo in pazienti con tumore mammario avanzato.

MONARCH 2 era uno studio globale, in doppio cieco, di fase III condotto su donne con carcinoma mammario in fase avanzata positivo al recettore ormonale ( HR+ ) e negativo al recettore 2 del fattore di crescita epidermico umano ( HER2- ) e che aveva progredito durante il trattamento con terapia endocrina neoadiuvante o adiuvante, a 12 mesi o meno dalla fine della terapia andocrina adiuvante, o durante il trattamento con terapia endocrina di prima linea per malattia metastatica.

Le pazienti sono state assegnate in modo casuale a ricevere Abemaciclib oppure placebo ( 150 mg due volte al giorno ) con un programma continuo e Fulvestrant ( 500 mg ).

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) valutata dallo sperimentatore; gli endpoint secondari includevano sopravvivenza generale, tasso di risposta obiettiva ( ORR ), durata della risposta, tasso di beneficio clinico, qualità di vita e sicurezza.

Tra il 2014 e il 2015, 669 pazienti sono state assegnate in modo casuale a ricevere Abemaciclib più Fulvestrant ( n=446 ) oppure placebo più Fulvestrant ( n=223 ).

Abemaciclib più Fulvestrant ha esteso significativamente la sopravvivenza libera da progressione rispetto a Fulvestrant da solo ( mediana, 16.4 vs 9.3 mesi, hazard ratio, HR=0.553, P minore di 0.001 ).

Nelle pazienti con malattia misurabile, Abemaciclib più Fulvestrant ha raggiunto un tasso di risposta obiettiva ( ORR ) del 48.1% rispetto al 21.3% nel braccio di controllo.

Gli eventi avversi più comuni nel braccio Abemaciclib rispetto al braccio placebo sono stati: diarrea ( 86.4% vs 24.7% ), neutropenia ( 46.5% vs 4.0% ), nausea ( 45.1% vs 22.9% ) e affaticamento ( 39.9% vs 26.9% ).

In conclusione, Abemaciclib 150 mg due volte al giorno più Fulvestrant è stato efficace, migliorando significativamente la sopravvivenza libera da progressione e il tasso di risposta obiettiva, dimostrando un profilo di sicurezza tollerabile nelle donne con cancro al seno avanzato HR-positivo e HER2-negativo, progredito durante il trattamento con terapia endocrina. ( Xagena2017 )

Sledge GW Jr et al, J Clin Oncol 2017 35: 2875-2884

Onco2017 Pneumo2017 Farma2017


Indietro

Altri articoli

Nonostante il diffuso uso di integratori alimentari durante il trattamento del tumore, esistono pochi dati empirici in merito alla loro...


Le pazienti con tumore mammario HER2-positivo che hanno ricevuto due o più terapie precedenti per la malattia avanzata hanno poche...


Tra le donne sottoposte a chemioterapia per carcinoma mammario in fase iniziale, l'esposizione alle statine ha ridotto del 66% il...


Studi di chemioterapia adiuvante ad alte dosi ( HDCT ) non sono riusciti a mostrare un beneficio in termini di...


Alpelisib è un inibitore di PI3K alfa-specifico che ha mostrato efficacia nel trattamento dei carcinomi mammari avanzati positivi al recettore...


Uno studio prospettico ha mostrato che l'impiego di integratori antiossidanti durante la chemioterapia, oltre a Ferro e Vitamina B12,...


Il trattamento endocrino è raccomandato dalle linee guida cliniche come opzione di trattamento preferita per le donne in premenopausa e...


Lo studio WECARE ( Women's Environmental Cancer and Radiation Epidemiology ) ha dimostrato l'importanza della storia familiare di cancro al...


Una analisi secondaria di uno studio randomizzato ha evidenziato che le donne con diagnosi di tumore alla mammella che hanno...


Vi è incertezza sul programma ottimale di trattamento adiuvante del carcinoma mammario con inibitori dell'aromatasi e nessuno studio ha confrontato direttamente i tre inibitori dell'aromatasi Anastrozolo ( Arimidex...