Abemaciclib più Trastuzumab con o senza Fulvestrant rispetto a Trastuzumab più chemioterapia standard nelle donne con cancro al seno avanzato HR-positivo e HER2-positivo: studio monarcHER


Le pazienti con tumore mammario HER2-positivo che hanno ricevuto due o più terapie precedenti per la malattia avanzata hanno poche opzioni di trattamento efficaci.
Lo studio monarcHER ha confrontato l'efficacia di Abemaciclib ( Verzenios ) più Trastuzumab ( Herceptin ) con o senza Fulvestrant ( Faslodex ) con la chemioterapia standard scelta dal medico più Trastuzumab nelle donne con tumore mammario avanzato.

Questo studio di fase 2, in tre gruppi, in aperto, è stato condotto in 75 ospedali, cliniche e centri medici in 14 Paesi.
I pazienti eleggibili erano donne di età pari o superiore a 18 anni, con tumore mammario avanzato HER2-positivo, positivo al recettore ormonale ( HR-positivo ), con malattia non-resecabile, localmente avanzato, ricorrente o metastatico, ECOG performance status pari a 0 o 1 e che avevano precedentemente ricevuto almeno due terapie mirate a HER2 per la malattia avanzata.

Le pazienti sono state assegnate in modo casuale ad Abemaciclib, Trastuzumab e Fulvestrant ( gruppo A ), Abemaciclib e Trastuzumab ( gruppo B ), o chemioterapia standard e Trastuzumab ( gruppo C ).

Abemaciclib orale 150 mg ogni 12 ore è stato somministrato nei giorni 1–21 di un ciclo di 21 giorni, Trastuzumab per via endovenosa 8 mg/kg nel giorno 1 del ciclo 1, seguito da 6 mg/kg nel giorno 1 di ogni successivo ciclo di 21 giorni e Fulvestrant intramuscolare 500 mg nei giorni 1, 15 e 29 e successivamente una volta ogni 4 settimane.
È stata somministrata la chemioterapia standard di cura.

La randomizzazione è stata stratificata in base al numero di precedenti terapie sistemiche per tumore alla mammella avanzato e malattia misurabile rispetto a non-misurabile.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione nella popolazione intention-to-treat ( ITT ), prima testando il gruppo A rispetto al gruppo C e, se questo risultato era significativo, il gruppo B rispetto al gruppo C.
La sicurezza è stata valutata in tutte le pazienti che avevano ricevuto almeno una dose di trattamento in studio.

Tra il 2016 e il 2018 sono state arruolate e assegnate in modo casuale 237 pazienti ai gruppi A ( n=79 ), B ( n=79 ) e C ( n=79 ).
Il follow-up mediano è stato di 19.0 mesi.

Lo studio ha raggiunto il suo endpoint primario, mostrando una differenza significativa al test a due code alfa prespecificato di 0.2 nella sopravvivenza libera da progressione mediana tra il gruppo A ( 8.3 mesi ) e il gruppo C ( 5.7 mesi; HR 0.67; P=0.051 ).

Nessuna differenza è stata osservata tra la sopravvivenza libera da progressione mediana nel gruppo B ( 5.7 mesi ) e nel gruppo C ( HR 0.94; P=0.77 ).

L'evento avverso più comune di grado 3–4 emergente dal trattamento nei gruppi A, B e C è stata la neutropenia ( 21 pazienti su 78, 27%, 17 su 77, 22%, e 19 su 72, 26% ).

Gli eventi avversi gravi più comuni sono stati: nel gruppo A, piressia ( 3, 4% ), diarrea ( 2, 3% ), infezione del tratto urinario ( 2, 3% ) e danno renale acuto ( 2, 3% ); nel gruppo B, diarrea ( 2, 3% ) e polmonite ( 2, 3% ); e nel gruppo C, neutropenia ( 4, 6% ) e versamento pleurico ( 2, 3% ).

Sono stati attribuiti al trattamento due decessi: uno a causa di fibrosi polmonare nel gruppo B e uno a causa di neutropenia febbrile nel gruppo C.

La combinazione di Abemaciclib, Fulvestrant e Trastuzumab ha migliorato significativamente la sopravvivenza libera da progressione rispetto alla chemioterapia standard di cura più Trastuzumab, mostrando un profilo di sicurezza tollerabile.

I risultati suggeriscono che un regime privo di chemioterapia potrebbe essere potenzialmente un'opzione di trattamento alternativa per le pazienti con carcinoma alla mammella avanzato HR-positivo, HER2-positivo. ( Xagena2020 )

Tolaney SM et al, Lancet Oncology 2020; 21: 763-775

Onco2020 Gyne2020 Farma2020


Indietro

Altri articoli

Nonostante il diffuso uso di integratori alimentari durante il trattamento del tumore, esistono pochi dati empirici in merito alla loro...


Tra le donne sottoposte a chemioterapia per carcinoma mammario in fase iniziale, l'esposizione alle statine ha ridotto del 66% il...


Studi di chemioterapia adiuvante ad alte dosi ( HDCT ) non sono riusciti a mostrare un beneficio in termini di...


Alpelisib è un inibitore di PI3K alfa-specifico che ha mostrato efficacia nel trattamento dei carcinomi mammari avanzati positivi al recettore...


Uno studio prospettico ha mostrato che l'impiego di integratori antiossidanti durante la chemioterapia, oltre a Ferro e Vitamina B12,...


Il trattamento endocrino è raccomandato dalle linee guida cliniche come opzione di trattamento preferita per le donne in premenopausa e...


Lo studio WECARE ( Women's Environmental Cancer and Radiation Epidemiology ) ha dimostrato l'importanza della storia familiare di cancro al...


Una analisi secondaria di uno studio randomizzato ha evidenziato che le donne con diagnosi di tumore alla mammella che hanno...


Vi è incertezza sul programma ottimale di trattamento adiuvante del carcinoma mammario con inibitori dell'aromatasi e nessuno studio ha confrontato direttamente i tre inibitori dell'aromatasi Anastrozolo ( Arimidex...