Alpelisib, un inibitore di PI3K alfa-specifico, nel cancro al seno HR+, HER2-, con mutazioni nel gene PIK3CA


Alpelisib è un inibitore di PI3K alfa-specifico che ha mostrato efficacia nel trattamento dei carcinomi mammari avanzati positivi al recettore dell'ormone [ HR+ ], HER2-negativi con mutazioni PIK3CA.

In uno studio clinico di fase III, randomizzato, i ricercatori del Massachusetts General Hospital, del Gustave Roussy Institute e di altri Centri di sperimentazione clinica di SOLAR-1 hanno osservato una sopravvivenza libera da progressione nelle persone con tumori alla mammella con mutazioni PIK3CA, HR-positivi, HER2-negativi trattati con Alpelisib in associazione con Fulvestrant ( Faslodex ).

E' stata presa in esame la sopravvivenza libera da progressione in 572 donne con carcinoma mammario avanzato che sono state randomizzate a ricevere un trattamento con Alpelisib e Fulvestrant oppure placebo e Fulvestrant.
341 casi presentavano tumori con mutazione PIK3CA.
Come risultati secondari, è stata anche considerata la risposta globale e la sicurezza del trattamento con Alpelisib - Fulvestrant negli individui con mutazioni PIK3CA nei loro tumori.

Le pazienti trattate con Alpelisib-Fulvestrant con tumori con mutazioni PIK3CA avevano 11 mesi di sopravvivenza libera da progressione, in media, nell'arco di 20 mesi di tempo medio di follow-up.
La sopravvivenza libera da progressione è stata in media di soli 5.7 mesi nel gruppo con mutazioni PIK3CA trattato con placebo-Fulvestrant.

Anche le pazienti senza mutazioni PIK3CA hanno presentato tempi di sopravvivenza liberi da progressione leggermente più lunghi quando Alpelisib è stato aggiunto al trattamento con Fulvestrant, anche se tale miglioramento non ha raggiunto la significatività clinica.

Il profilo di sicurezza di Alpelisib è apparso essere simile a quello riportato in precedenti studi.
Il farmaco è risultato associato a un aumento degli eventi avversi come iperglicemia, eruzione cutanea e diarrea, rispetto al placebo.

Questi e altri risultati hanno convalidato PIK3CA come un importante bersaglio di trattamento nelle donne con carcinoma mammario avanzato HR-positivo, HER2-negativo, mutato in PIK3CA.
Sono emersi i potenziali benefici dell'integrazione di un inibitore PI3K alfa-specifico nei protocolli di trattamento standard per queste pazienti.
E' stato osservato che il rischio di progressione sembra essere particolarmente ridotto per i tumori PIK3CA, HR-positivi, HER2-negativi che erano progrediti durante o dopo un precedente trattamento. ( Xagena2019 )

Fonte: The New England Journal of Medicine, 2019

Gyne2019 Onco2019 Farma2019


Indietro

Altri articoli

Nonostante il diffuso uso di integratori alimentari durante il trattamento del tumore, esistono pochi dati empirici in merito alla loro...


Le pazienti con tumore mammario HER2-positivo che hanno ricevuto due o più terapie precedenti per la malattia avanzata hanno poche...


Tra le donne sottoposte a chemioterapia per carcinoma mammario in fase iniziale, l'esposizione alle statine ha ridotto del 66% il...


Studi di chemioterapia adiuvante ad alte dosi ( HDCT ) non sono riusciti a mostrare un beneficio in termini di...


Uno studio prospettico ha mostrato che l'impiego di integratori antiossidanti durante la chemioterapia, oltre a Ferro e Vitamina B12,...


Il trattamento endocrino è raccomandato dalle linee guida cliniche come opzione di trattamento preferita per le donne in premenopausa e...


Lo studio WECARE ( Women's Environmental Cancer and Radiation Epidemiology ) ha dimostrato l'importanza della storia familiare di cancro al...


Una analisi secondaria di uno studio randomizzato ha evidenziato che le donne con diagnosi di tumore alla mammella che hanno...


Vi è incertezza sul programma ottimale di trattamento adiuvante del carcinoma mammario con inibitori dell'aromatasi e nessuno studio ha confrontato direttamente i tre inibitori dell'aromatasi Anastrozolo ( Arimidex...