Anastrozolo adiuvante rispetto a Exemestane rispetto a Letrozolo in prima linea o dopo 2 anni di Tamoxifene nel cancro al seno endocrino-sensibile: studio FATA-GIM3


Vi è incertezza sul programma ottimale di trattamento adiuvante del carcinoma mammario con inibitori dell'aromatasi e nessuno studio ha confrontato direttamente i tre inibitori dell'aromatasi Anastrozolo ( Arimidex ) , Exemestano  ( Aromasin ) e Letrozolo ( Femara ).
Sono stati esaminati il programma e il tipo di inibitori dell'aromatasi da utilizzare come trattamento adiuvante per il cancro mammario in fase precoce positivo ai recettori ormonali.

Lo studio FATA-GIM3 multicentrico, in aperto, randomizzato, di fase 3, ha confrontato sei diversi trattamenti nelle donne in postmenopausa con tumore al seno in fase precoce positivo ai recettori ormonali.
I pazienti eleggibili presentavano carcinoma mammario positivo al recettore ormonale, istologicamente confermato, completamente rimosso chirurgicamente, con qualsiasi dimensione del tumore patologico e stato linfonodale ascellare.

I criteri chiave di esclusione erano la terapia ormonale sostitutiva, la malattia ricorrente o metastatica, il precedente trattamento con Tamoxifene e un'altra neoplasia negli ultimi 10 anni. I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a uno dei sei gruppi di trattamento: Anastrozolo orale (1 mg al giorno), Exemestane (25 mg al giorno) o Letrozolo (2.5 mg al giorno) in compresse per 5 anni (strategia iniziale) o Tamoxifene orale (20 mg al giorno) per 2 anni seguito da somministrazione di uno dei tre inibitori dell'aromatasi per 3 anni (strategia cambiata).

La randomizzazione è stata effettuata stratificando per il recettore degli estrogeni, il recettore del progesterone e lo stato di HER2; chemioterapia precedente; e stato linfonodale patologico. L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da malattia.

Si è ipotizzato che il limite minimo per dichiarare la superiorità della strategia iniziale rispetto alla strategia cambiata fosse una differenza del 2% nella sopravvivenza libera da malattia a 5 anni.

Tra il 2007 e il 2012, 3.697 pazienti sono stati arruolati nello studio. Dopo un follow-up mediano di 60 mesi, sono stati segnalati 401 eventi di sopravvivenza libera da malattia, tra cui 211 (11%) su 1.850 pazienti assegnati alla strategia cambiata e 190 (10%) su 1.847 pazienti assegnati al trattamento iniziale.

La sopravvivenza libera da malattia a 5 anni è stata dell'88.5% con la strategia cambiata e dell’89.8% con il trattamento iniziale ( hazard ratio, HR=0.89, P=0.23 ).

La sopravvivenza libera da malattia a 5 anni è stata del 90.0% con Anastrozolo ( 124 eventi ), 88.0% con Exemestane ( 148 eventi ) e 89.4% con Letrozolo ( 129 eventi; P=0.24 ).

Non si sono verificati eventi avversi gravi imprevisti o decessi correlati al trattamento.

Gli effetti collaterali muscoloscheletrici sono stati i più frequenti eventi avversi di grado 3-4, riportati in 130 dei 1.761 pazienti ( 7% ) che hanno ricevuto la strategia cambiata e in 128 dei 1.766 ( 7% ) pazienti che hanno ricevuto il trattamento iniziale.
Gli eventi muscoloscheletrici di grado 1 sono stati più frequenti con il programma iniziale che con il programma cambiato ( 924 su 1.766 pazienti, 52%, vs 745 su 1.761 pazienti, 42% ).
Tutti gli altri eventi avversi di grado 3-4 si sono verificati in meno del 2% dei pazienti in entrambi i gruppi.

5 anni di trattamento con inibitori dell'aromatasi sono stati non-superiori a 2 anni di Tamoxifene seguiti da 3 anni di inibitori dell'aromatasi.
Nessuno dei tre inibitori dell'aromatasi è stato superiore agli altri in termini di efficacia. Pertanto, la scelta del paziente, la tollerabilità e i vincoli finanziari devono essere considerati al momento di decidere l'approccio terapeutico ottimale in questo ambito. ( Xagena2018 )

De Placido S et al, Lancet Oncol 2018; 19: 474-485

Onco2018 Gyne2018 Farma2018


Indietro

Altri articoli

Nonostante il diffuso uso di integratori alimentari durante il trattamento del tumore, esistono pochi dati empirici in merito alla loro...


Le pazienti con tumore mammario HER2-positivo che hanno ricevuto due o più terapie precedenti per la malattia avanzata hanno poche...


Tra le donne sottoposte a chemioterapia per carcinoma mammario in fase iniziale, l'esposizione alle statine ha ridotto del 66% il...


Studi di chemioterapia adiuvante ad alte dosi ( HDCT ) non sono riusciti a mostrare un beneficio in termini di...


Alpelisib è un inibitore di PI3K alfa-specifico che ha mostrato efficacia nel trattamento dei carcinomi mammari avanzati positivi al recettore...


Uno studio prospettico ha mostrato che l'impiego di integratori antiossidanti durante la chemioterapia, oltre a Ferro e Vitamina B12,...


Il trattamento endocrino è raccomandato dalle linee guida cliniche come opzione di trattamento preferita per le donne in premenopausa e...


Lo studio WECARE ( Women's Environmental Cancer and Radiation Epidemiology ) ha dimostrato l'importanza della storia familiare di cancro al...


Una analisi secondaria di uno studio randomizzato ha evidenziato che le donne con diagnosi di tumore alla mammella che hanno...