Chemioterapia ad alto dosaggio con trapianto di cellule staminali ematopoietiche in pazienti con cancro al seno ad alto rischio e 4 o più linfonodi ascellari coinvolti


Studi di chemioterapia adiuvante ad alte dosi ( HDCT ) non sono riusciti a mostrare un beneficio in termini di sopravvivenza nelle pazienti non-selezionate con cancro al seno, ma manca un follow-up a lungo termine.

È stata determinata l'efficacia a 20 anni e gli esiti di sicurezza di un ampio studio di chemioterapia HDCT adiuvante rispetto alla chemioterapia a dose convenzionale ( CDCT ) per pazienti con tumore mammario in stadio III.

Una analisi secondaria ha utilizzato i dati di uno studio clinico multicentrico di fase 3 randomizzato su 885 donne di età inferiore a 56 anni con cancro al seno e 4 o più linfonodi ascellari coinvolti condotto nel periodo 1993-1999.
Ulteriori dati di follow-up sono stati raccolti tra il 2016 e il 2017 da cartelle cliniche, medici generici, ufficio statistico nazionale olandese e registri dei tumori a livello nazionale.

Le partecipanti sono state randomizzate a ricevere 5 cicli di chemioterapia CDCT costituiti da Fluorouracile 500 mg/m2, Epirubicina 90 mg/m2 e Ciclofosfamide 500 mg/m2 oppure chemioterapia HDCT in cui i primi 4 cicli erano identici a chemioterapia CDCT e il quinto ciclo è stato sostituito da Ciclofosfamide 6.000 mg/m2, Tiotepa, 480 mg/m2 e Carboplatino 1.600 mg/m2, seguito da trapianto di cellule staminali ematopoietiche.

Gli endpoint principali erano la sopravvivenza globale ( OS ) e la sicurezza e il rischio di incidenza cumulativa di una seconda neoplasia maligna o di eventi cardiovascolari.

Delle 885 donne nello studio ( età media 44.5 anni ), 442 sono state randomizzate a ricevere chemioterapia HDCT e 443 sono state randomizzate a ricevere chemioterapia CDCT.

Con un follow-up mediano di 20.4 anni, la sopravvivenza globale a 20 anni è stata del 45.3% con la chemioterapia HDCT e del 41.5% con la chemioterapia CDCT ( hazard ratio, HR=0.89 ).

Il miglioramento assoluto della sopravvivenza globale a 20 anni è stato del 14.6% ( HR=0.72 ) per le pazienti con 10 o più linfonodi ascellari coinvolti e del 15.4% ( HR=0.67 ) per le pazienti con tumore mammario triplo negativo.

Il rischio di incidenza cumulativa di una seconda neoplasia maligna a 20 anni o di eventi cardiovascolari maggiori è stato simile in entrambi i gruppi di trattamento ( il rischio di incidenza cumulativa a 20 anni per la seconda neoplasia maligna è stato del 12.1% nel gruppo chemioterapia HDCT versus 16.2% nel gruppo chemioterapia CDCT, P=0.10 ), sebbene le pazienti nel gruppo chemioterapia HDCT presentassero più spesso ipertensione ( 21.7% vs 14.3%, P=0.02 ), ipercolesterolemia ( 15.7% vs 10.6%, P=0.04 ) e aritmie ( 8.6% vs 4.6%, P=0.005 ).

La chemioterapia ad alte dosi non ha fornito alcun beneficio di sopravvivenza a lungo termine nelle pazienti non-selezionate con tumore mammario in stadio III, ma ha fornito una migliore sopravvivenza globale nelle pazienti ad alto rischio ( con 10 o più linfonodi ascellari coinvolti ).
La chemioterapia ad alte dosi non ha influenzato il rischio a lungo termine di una seconda neoplasia maligna o di eventi cardiovascolari maggiori. ( Xagena2020 )

Steenbruggen TG et al, JAMA Oncol 2020; 6: 528-534

Gyne2020 Onco2020 Farma2020


Indietro

Altri articoli

Nonostante il diffuso uso di integratori alimentari durante il trattamento del tumore, esistono pochi dati empirici in merito alla loro...


Le pazienti con tumore mammario HER2-positivo che hanno ricevuto due o più terapie precedenti per la malattia avanzata hanno poche...


Tra le donne sottoposte a chemioterapia per carcinoma mammario in fase iniziale, l'esposizione alle statine ha ridotto del 66% il...


Alpelisib è un inibitore di PI3K alfa-specifico che ha mostrato efficacia nel trattamento dei carcinomi mammari avanzati positivi al recettore...


Uno studio prospettico ha mostrato che l'impiego di integratori antiossidanti durante la chemioterapia, oltre a Ferro e Vitamina B12,...


Il trattamento endocrino è raccomandato dalle linee guida cliniche come opzione di trattamento preferita per le donne in premenopausa e...


Lo studio WECARE ( Women's Environmental Cancer and Radiation Epidemiology ) ha dimostrato l'importanza della storia familiare di cancro al...


Una analisi secondaria di uno studio randomizzato ha evidenziato che le donne con diagnosi di tumore alla mammella che hanno...


Vi è incertezza sul programma ottimale di trattamento adiuvante del carcinoma mammario con inibitori dell'aromatasi e nessuno studio ha confrontato direttamente i tre inibitori dell'aromatasi Anastrozolo ( Arimidex...