Efficacia e sicurezza del coniugato farmaco-anticorpo anti-Trop-2 Sacituzumab govitecan nelle pazienti fortemente pretrattate con cancro al seno triplo negativo metastatico


Trop-2, espresso nella maggior parte dei tumori della mammella triplo-negativo ( TNBC ), può essere un bersaglio potenziale per i coniugati farmaco-anticorpo.
Sacituzumab govitecan ( IMMU-132 ), un coniugato farmaco-anticorpo, è diretto a Trop-2 per la somministrazione selettiva di SN-38, il metabolita attivo di Irinotecan.

È stato valutato Sacituzumab govitecan in uno studio a singolo braccio multicentrico in pazienti con tumore alla mammella triplo-negativo, recidivato o refrattario, metastatico che hanno ricevuto una dose iniziale di 10 mg/kg nei giorni 1 e 8 di cicli ripetuti di 21 giorni.

Gli endpoint primari erano la sicurezza e il tasso di risposta obiettiva; gli endpoint secondari erano la sopravvivenza libera da progressione e la sopravvivenza complessiva.

In 69 pazienti che avevano ricevuto una mediana di 5 terapie precedenti la diagnosi, il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) confermato è stato del 30% ( risposta parziale [ PR ], n=19, risposta completa [ CR ], n=2 ), la durata mediana della risposta è stata di 8.9 mesi e il tasso di beneficio clinico ( risposta completa + risposta parziale + malattia stabile maggiore o uguale a 6 mesi ) è stato del 46%.

Le risposte sono avvenute precocemente, con un inizio mediano a 1.9 mesi.

La sopravvivenza mediana senza progressione è stata di 6.0 mesi e la sopravvivenza complessiva mediana è stata di 16.6 mesi.

Gli eventi avversi di grado 3 o superiore hanno incluso neutropenia ( 39% ), leucopenia ( 16% ), anemia ( 14% ) e diarrea ( 13% ); l'incidenza della neutropenia febbrile è stata del 7%.

La maggior parte dei campioni di tumore d'archivio ( 88% ) erano da moderatamente a fortemente positivi per Trop-2 all'esame immunoistochimico.

In conclusione, Sacituzumab govitecan è risultato ben tollerato e ha indotto risposte precoci e durevoli nelle pazienti fortemente pretrattate con tumore al seno triplo-negativo metastatico.
Sono necessarie ulteriori ricerche per definire il ruolo di Trop-2 come target terapeutico e biomarcatore predittivo. ( Xagena2017 )

Bardia A et al, J Clin Oncol 2017; 35: 2141-2149

Gyne2017 Onco2017 Farma2017


Indietro

Altri articoli

Nonostante il diffuso uso di integratori alimentari durante il trattamento del tumore, esistono pochi dati empirici in merito alla loro...


Le pazienti con tumore mammario HER2-positivo che hanno ricevuto due o più terapie precedenti per la malattia avanzata hanno poche...


Tra le donne sottoposte a chemioterapia per carcinoma mammario in fase iniziale, l'esposizione alle statine ha ridotto del 66% il...


Studi di chemioterapia adiuvante ad alte dosi ( HDCT ) non sono riusciti a mostrare un beneficio in termini di...


Alpelisib è un inibitore di PI3K alfa-specifico che ha mostrato efficacia nel trattamento dei carcinomi mammari avanzati positivi al recettore...


Uno studio prospettico ha mostrato che l'impiego di integratori antiossidanti durante la chemioterapia, oltre a Ferro e Vitamina B12,...


Il trattamento endocrino è raccomandato dalle linee guida cliniche come opzione di trattamento preferita per le donne in premenopausa e...


Lo studio WECARE ( Women's Environmental Cancer and Radiation Epidemiology ) ha dimostrato l'importanza della storia familiare di cancro al...


Una analisi secondaria di uno studio randomizzato ha evidenziato che le donne con diagnosi di tumore alla mammella che hanno...


Vi è incertezza sul programma ottimale di trattamento adiuvante del carcinoma mammario con inibitori dell'aromatasi e nessuno studio ha confrontato direttamente i tre inibitori dell'aromatasi Anastrozolo ( Arimidex...