Neratinib dopo terapia adiuvante a base di Trastuzumab nel cancro al seno HER2-positivo


Lo studio ExteNET ha dimostrato che 1 anno di Neratinib ( Nerlynx ), un pan-inibitore tirosin-chinasico di HER, irreversibile, migliora significativamente la sopravvivenza libera da malattia invasiva a 2 anni dopo la terapia adiuvante basata su Trastuzumab nelle donne con cancro mammario HER2-positivo.

Sono stati riportati i risultati di efficacia aggiornati da un'analisi di sensibilità di follow-up a 5 anni e i risultati di tossicità a lungo termine.

In uno studio di fase 3 randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, sono state arruolate donne di età pari o superiore a 18 anni ( 20 anni o più in Giappone ) con tumore al seno in stadio 1-3c ( modificato a stadio 2-3c nel febbraio 2010 ), operabile, che avevano completato la chemioterapia neoadiuvante e adiuvante più Trastuzumab senza evidenza di recidiva o malattia metastatica all’ingresso nello studio.

Le pazienti eleggibili sono state assegnate casualmente, stratificando in base allo stato del recettore ormonale ( recettore ormonale positivo [ HR+ ] versus recettore ormonale negativo [ HR- ] ), stato linfonodale ( 0 vs 1-3 vs o 4 o più linfonodi positivi ) e regime adiuvante con Trastuzumab ( somministrato sequenzialmente vs in concomitanza con la chemioterapia ), a ricevere 1 anno di Neratinib per via orale 240 mg/die o un placebo.

Il trattamento è stato somministrato ininterrottamente per 1 anno, a meno che non si verificassero recidiva della malattia o nuovo tumore alla mammella, eventi avversi intollerabili o ritiro del consenso.

L'endpoint predefinito dell'analisi a 5 anni era la sopravvivenza libera da malattia invasiva.

Tra il 2009 e il 2011, 2.840 donne idonee con carcinoma mammario HER2-positivo sono state reclutate da istituzioni locali e accademiche in 40 Paesi e assegnate a caso a ricevere Neratinib ( n=1.420 ) oppure placebo ( n=1.420 ).

Dopo un follow-up mediano di 5.2 anni, le pazienti nel gruppo trattato con Neratinib hanno presentato un numero significativamente inferiore di eventi di sopravvivenza libera da malattia invasiva rispetto a quelle del gruppo placebo ( 116 vs 163 eventi; hazard ratio stratificato, HR=0.73, P=0.0083 ).

La sopravvivenza libera da malattia invasiva a 5 anni è stata del 90.2% nel gruppo Neratinib e 87.7% nel gruppo placebo.

Senza profilassi per la diarrea, gli eventi avversi di grado 3-4 più comuni nel gruppo con Neratinib, rispetto al gruppo placebo, sono stati diarrea ( 561, 40%, grado 3 e 1, inferiore a 1%, grado 4 con Neratinib vs 23, 2%, grado 3 con placebo ), vomito ( grado 3: 47, 3%, vs 5, inferiore a 1% ) e nausea ( grado 3: 26, 2%, vs 2, inferiore a 1% ).

Eventi avversi gravi emergenti dal trattamento si sono verificati in 103 donne nel gruppo con Neratinib ( 7% ) e in 85 donne nel gruppo placebo ( 6% ).

Nessuna evidenza di aumento del rischio di tossicità a lungo termine o conseguenze avverse a lungo termine della diarrea associata a Neratinib sono state identificate con Neratinib rispetto al placebo.

Al follow-up a 5 anni, 1 anno di terapia adiuvante prolungata con Neratinib, somministrato dopo chemioterapia e Trastuzumab, ha ridotto significativamente la proporzione di recidive clinicamente rilevanti di cancro al seno, cioè quelle che potrebbero portare alla morte, come le recidive distanti e locoregionali al di fuori del seno conservato, senza aumentare il rischio di tossicità a lungo termine.
Una analisi della sopravvivenza globale è pianificata dopo 248 eventi. ( Xagena2017 )

Eichenauer DA et al, Lancet Oncology 2017; 18: 1680-1687

Gyne2017 Onco2017 Farma2017


Indietro

Altri articoli

Nonostante il diffuso uso di integratori alimentari durante il trattamento del tumore, esistono pochi dati empirici in merito alla loro...


Le pazienti con tumore mammario HER2-positivo che hanno ricevuto due o più terapie precedenti per la malattia avanzata hanno poche...


Tra le donne sottoposte a chemioterapia per carcinoma mammario in fase iniziale, l'esposizione alle statine ha ridotto del 66% il...


Studi di chemioterapia adiuvante ad alte dosi ( HDCT ) non sono riusciti a mostrare un beneficio in termini di...


Alpelisib è un inibitore di PI3K alfa-specifico che ha mostrato efficacia nel trattamento dei carcinomi mammari avanzati positivi al recettore...


Uno studio prospettico ha mostrato che l'impiego di integratori antiossidanti durante la chemioterapia, oltre a Ferro e Vitamina B12,...


Il trattamento endocrino è raccomandato dalle linee guida cliniche come opzione di trattamento preferita per le donne in premenopausa e...


Lo studio WECARE ( Women's Environmental Cancer and Radiation Epidemiology ) ha dimostrato l'importanza della storia familiare di cancro al...


Una analisi secondaria di uno studio randomizzato ha evidenziato che le donne con diagnosi di tumore alla mammella che hanno...


Vi è incertezza sul programma ottimale di trattamento adiuvante del carcinoma mammario con inibitori dell'aromatasi e nessuno studio ha confrontato direttamente i tre inibitori dell'aromatasi Anastrozolo ( Arimidex...