Ribociclib più terapia endocrina per donne in pre-menopausa con cancro al seno avanzato positivo ai recettori ormonali: studio MONALEESA-7 


In MONALEESA-2, Ribociclib ( Kisqali ) più Letrozolo ( Femara ) ha mostrato una sopravvivenza libera da progressione migliore rispetto alla monoterapia con Letrozolo come trattamento di prima linea per le pazienti in post-menopausa con tumore mammario avanzato positivo ai recettori ormonali ( HR+ ), HER2-negativo.

MONALEESA-7 ha valutato l'efficacia e la sicurezza di Ribociclib più terapia endocrina in donne in pre-menopausa con tumore al seno avanzato HR-positivo.

Lo studio di fase 3, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo è stato effettuato in 188 Centri in 30 Paesi
I pazienti eleggibili erano donne in pre-menopausa di età compresa tra i 18 e i 59 anni che presentavano un tumore mammario avanzato confermato dal punto di vista istologico o citologico, HR-positivo e HER2-negativo; un ECOG performance status di 0 o 1; malattia misurabile secondo i criteri RECIST di valutazione della risposta nei tumori solidi versione 1.1, o almeno una lesione ossea prevalentemente litica; e che non avevano ricevuto precedenti trattamenti con inibitori delle chinasi dipendenti dalla ciclina 4 e 6 ( CDK4/6 ).

La terapia endocrina e la chemioterapia nel contesto adiuvante o neoadiuvante era consentita, così come lo era fino a una linea di chemioterapia per malattia avanzata
I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere per via orale Ribociclib ( 600 mg/die in uno schema con 3 settimane on e una settimana off ) oppure placebo con Tamoxifene per via orale ( 20 mg al giorno ) o un inibitore dell'aromatasi non-steroideo ( Letrozolo 2.5 mg o Anastrozolo 1 mg, entrambi orali, ogni giorno ), tutti con Goserelin ( 3.6 mg somministrati per via sottocutanea il giorno 1 di ogni ciclo di 28 giorni ).

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione.

Tra il 2014 e il 2016, 672 pazienti sono stati assegnati in modo casuale: 335 al gruppo Ribociclib e 337 al gruppo placebo.

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata pari a 23.8 mesi nel gruppo Ribociclib rispetto a 13.0 mesi nel gruppo placebo ( hazard ratio, HR=0.55; P minore di 0.0001 ).

Gli eventi avversi di grado 3 o 4 riportati in più del 10% dei pazienti in entrambi i gruppi sono stati neutropenia ( 203 su 335 pazienti, 61%, nel gruppo Ribociclib e 12 su 337, 4%, nel gruppo placebo ) e leucopenia ( 48, 14%, e 4, 1% ).
Eventi avversi gravi si sono verificati in 60 pazienti su 335 ( 18% ) nel gruppo Ribociclib e in 39 su 337 ( 12% ) nel gruppo placebo, di cui 15 ( 4% ) e 6 ( 2% ), rispettivamente, sono stati attribuiti al regime di studio.

12 pazienti su 335 ( 4% ) nel gruppo Ribociclib e 10 ( 3% ) su 337 nel gruppo placebo hanno interrotto il trattamento a causa di eventi avversi.

Non si sono verificati decessi correlati al trattamento.
Si sono verificati 11 decessi ( 5, 1%, nel gruppo Ribociclib e 6, 2%, nel gruppo placebo ) durante o entro 30 giorni dopo il trattamento, la maggior parte dei quali erano dovuti alla progressione del carcinoma mammario di base ( 3, 1%, e 6, 2% ).
I rimanenti 2 decessi nel gruppo Ribociclib erano dovuti a una emorragia intracranica in una paziente anticoagulata e a una preesistente emorragia della ferita in un’altra paziente.

Ribociclib più terapia endocrina ha migliorato la sopravvivenza libera da progressione rispetto al placebo più terapia endocrina , e ha mostrato un profilo di sicurezza gestibile nelle pazienti in pre-menopausa, con cancro alla mammella  avanzato HR-positivo, HER2-negativo.
La combinazione potrebbe rappresentare una nuova opzione di trattamento di prima linea per queste pazienti. ( Xagena2018 )

Tripathy D et al, Lancet Oncol 2018; 19: 904-915

Onco2018 Gyne2018 Farma2018


Indietro

Altri articoli

Nonostante il diffuso uso di integratori alimentari durante il trattamento del tumore, esistono pochi dati empirici in merito alla loro...


Le pazienti con tumore mammario HER2-positivo che hanno ricevuto due o più terapie precedenti per la malattia avanzata hanno poche...


Tra le donne sottoposte a chemioterapia per carcinoma mammario in fase iniziale, l'esposizione alle statine ha ridotto del 66% il...


Studi di chemioterapia adiuvante ad alte dosi ( HDCT ) non sono riusciti a mostrare un beneficio in termini di...


Alpelisib è un inibitore di PI3K alfa-specifico che ha mostrato efficacia nel trattamento dei carcinomi mammari avanzati positivi al recettore...


Uno studio prospettico ha mostrato che l'impiego di integratori antiossidanti durante la chemioterapia, oltre a Ferro e Vitamina B12,...


Il trattamento endocrino è raccomandato dalle linee guida cliniche come opzione di trattamento preferita per le donne in premenopausa e...


Lo studio WECARE ( Women's Environmental Cancer and Radiation Epidemiology ) ha dimostrato l'importanza della storia familiare di cancro al...


Una analisi secondaria di uno studio randomizzato ha evidenziato che le donne con diagnosi di tumore alla mammella che hanno...


Vi è incertezza sul programma ottimale di trattamento adiuvante del carcinoma mammario con inibitori dell'aromatasi e nessuno studio ha confrontato direttamente i tre inibitori dell'aromatasi Anastrozolo ( Arimidex...