Una dieta a basso contenuto di grassi migliora la sopravvivenza nelle donne con cancro al seno


Una analisi secondaria di uno studio randomizzato ha evidenziato che le donne con diagnosi di tumore alla mammella che hanno assunto una dieta a basso contenuto di grassi hanno presentato una sopravvivenza globale migliore di quelle che si sono nutrite con una dieta tradizionale.
Questa riduzione della mortalità è apparsa in parte a causa dell'aumento della sopravvivenza da altri problemi di salute.

I ricercatori dello studio randomizzato Women's Health Initiative ( WHI ) hanno valutato l'impatto di una dieta povera di grassi sulla prevenzione del tumore al seno.
Durante il follow-up, è stato osservato un numero significativamente inferiore di decessi tra le donne con cancro al seno nel gruppo di intervento dietetico ( hazard ratio, HR=0.82, IC 95%, 0.7-0.96 ).

E' stata effettuata una analisi secondaria dello studio, condotto in 40 Centri negli Stati Uniti dal 1993 al 1998, che ha riguardato 48.835 donne in postmenopausa senza storia di tumore al seno e un consumo di grassi dietetici superiore al 32%.

L'intervento dietetico ( n=19.541; 40% ) ha ridotto l'assunzione di grassi dei partecipanti al 20%, così come un aumento del consumo di frutta, verdura e cereali.
Le donne con diagnosi di cancro al seno durante lo studio hanno continuato l'intervento dietetico.

Le analisi post hoc per la sopravvivenza globale per il carcinoma mammario diagnosticato durante l'intervento, che ha avuto una durata di 8.5 anni ( valore mediano ), sono servite come endpoint principale.
Le analisi sono state effettuate dopo una mediana di 11.5 anni dalla diagnosi.

Un totale di 1.764 donne hanno avuto diagnosi di cancro al seno durante il periodo di intervento. L'età media allo screening era di 62.7 anni e l'età media al momento della diagnosi era di 67.6 anni.
In totale, sono decedute 516 donne.

La sopravvivenza globale del cancro al seno nel gruppo di intervento dietetico è risultata significativamente migliorata rispetto al gruppo dieta tradizionale ( sopravvivenza globale a 10 anni, 82% vs 78%, HR = 0.78, IC 95%, 0.62-0.94 ).

Sessantotto donne nel gruppo dietetico sono morte per carcinoma mammario rispetto a 120 del gruppo dieta tradizionale ( HR=0.86, IC 95%, 0.64-1.17 ).

Meno donne nel gruppo sottoposto a intervento dietetico sono morte di altri tumori ( 36 vs 65; HR = 0.76; IC 95%, 0.5-1.17 ) o di malattia cardiovascolare ( 27 vs 64; HR = 0.62; IC 95%, 0.39-0.99 ).

Nelle donne che hanno ricevuto una diagnosi di cancro alla mammella durante il periodo di intervento dietetico, quelle nel gruppo dietetico hanno presentato un aumento della sopravvivenza globale per carcinoma mammario rispetto a quelli nel gruppo dieta tradizionale.
Questo aumento è probabilmente dovuto, in parte, a una migliore sopravvivenza da diverse cause di mortalità. ( Xagena2018 )

Fonte: JAMA Oncology, 2018

Onco2018 Gyne2018 Nutri2018



Indietro

Altri articoli

Nonostante il diffuso uso di integratori alimentari durante il trattamento del tumore, esistono pochi dati empirici in merito alla loro...


Le pazienti con tumore mammario HER2-positivo che hanno ricevuto due o più terapie precedenti per la malattia avanzata hanno poche...


Tra le donne sottoposte a chemioterapia per carcinoma mammario in fase iniziale, l'esposizione alle statine ha ridotto del 66% il...


Studi di chemioterapia adiuvante ad alte dosi ( HDCT ) non sono riusciti a mostrare un beneficio in termini di...


Alpelisib è un inibitore di PI3K alfa-specifico che ha mostrato efficacia nel trattamento dei carcinomi mammari avanzati positivi al recettore...


Uno studio prospettico ha mostrato che l'impiego di integratori antiossidanti durante la chemioterapia, oltre a Ferro e Vitamina B12,...


Il trattamento endocrino è raccomandato dalle linee guida cliniche come opzione di trattamento preferita per le donne in premenopausa e...


Lo studio WECARE ( Women's Environmental Cancer and Radiation Epidemiology ) ha dimostrato l'importanza della storia familiare di cancro al...


Vi è incertezza sul programma ottimale di trattamento adiuvante del carcinoma mammario con inibitori dell'aromatasi e nessuno studio ha confrontato direttamente i tre inibitori dell'aromatasi Anastrozolo ( Arimidex...