Una dieta a basso contenuto di grassi riduce la mortalità da cancro al seno nello studio Women’s Health Initiative


Una dieta a basso contenuto di grassi porta a una minore incidenza di decessi dopo carcinoma mammario.

I risultati dello studio Women’s Health Initiative Dietary Modification hanno suggerito che un regime alimentare a basso contenuto di grassi può ridurre i tumori al seno con una maggiore mortalità.
Pertanto, come analisi primaria correlata ai risultati di uno studio di prevenzione randomizzato, è stata esaminata l'influenza a lungo termine di questo intervento sui decessi dovuti a cancro alla mammella e dopo di esso durante 8.5 anni ( mediana ) di intervento dietetico e cumulativamente per tutti i tumori al seno diagnosticati durante 16.1 anni ( mediana ) di follow-up.

Lo studio ha assegnato a caso 48.835 donne in postmenopausa con mammografia normale e senza precedente cancro al seno dal 1993 al 1998 in 40 Centri clinici statunitensi a un intervento dietetico con obiettivi di riduzione dell'apporto di grassi fino al 20% dell’energia e con un maggiore apporto di frutta, verdura, e cereali ( 40%; n=19.541 ) in confronto alla dieta abituale ( 60%; n=29.294 ).

Nel gruppo dieta, l'assunzione di grassi e il peso corporeo sono diminuiti ( tutti P minore di 0.001 ).

Durante l'intervento dietetico di 8.5 anni, con 1.764 casi di cancro alla mammella, nel gruppo dieta si sono verificati meno decessi a causa di carcinoma mammario, dato che non è risultato statisticamente significativo ( 27 decessi, 0.016% per anno, vs 61 decessi, 0.024% per anno, hazard ratio, HR, 0.67, P=0.08 ).

Nello stesso periodo, i decessi dopo il cancro al seno ( n=134 ) sono risultati significativamente ridotti ( 40 decessi, 0.025% per anno, vs 94 decessi, 0.038% per anno, HR, 0.65, P=0.02 ) dall'intervento dietetico.

Durante il follow-up di 16.1 anni, con 3.030 casi di cancro al seno, anche le morti dopo tumore si sono significativamente ridotte ( 234 decessi, 0.085% per anno, vs 443 decessi, 0.11% per anno; HR, 0.82, P=0.01 ) nel gruppo di intervento dietetico.

In conclusione, rispetto a un gruppo con dieta consueta, una dieta a basso contenuto di grassi ha portato a una minore incidenza di decessi dopo il tumore al seno. ( Xagena2017 )

Chlebowski RT et al, J Clin Oncol 2017; 35: 2919-2926

Gyne2017 Onco2017 Nutri2017



Indietro

Altri articoli

Nonostante il diffuso uso di integratori alimentari durante il trattamento del tumore, esistono pochi dati empirici in merito alla loro...


Le pazienti con tumore mammario HER2-positivo che hanno ricevuto due o più terapie precedenti per la malattia avanzata hanno poche...


Tra le donne sottoposte a chemioterapia per carcinoma mammario in fase iniziale, l'esposizione alle statine ha ridotto del 66% il...


Studi di chemioterapia adiuvante ad alte dosi ( HDCT ) non sono riusciti a mostrare un beneficio in termini di...


Alpelisib è un inibitore di PI3K alfa-specifico che ha mostrato efficacia nel trattamento dei carcinomi mammari avanzati positivi al recettore...


Uno studio prospettico ha mostrato che l'impiego di integratori antiossidanti durante la chemioterapia, oltre a Ferro e Vitamina B12,...


Il trattamento endocrino è raccomandato dalle linee guida cliniche come opzione di trattamento preferita per le donne in premenopausa e...


Lo studio WECARE ( Women's Environmental Cancer and Radiation Epidemiology ) ha dimostrato l'importanza della storia familiare di cancro al...


Una analisi secondaria di uno studio randomizzato ha evidenziato che le donne con diagnosi di tumore alla mammella che hanno...


Vi è incertezza sul programma ottimale di trattamento adiuvante del carcinoma mammario con inibitori dell'aromatasi e nessuno studio ha confrontato direttamente i tre inibitori dell'aromatasi Anastrozolo ( Arimidex...