Uso a lungo termine degli analoghi dell'Insulina a lunga durata d’azione e incidenza del cancro al seno nelle donne con diabete di tipo 2


L'associazione tra analoghi dell'Insulina ad azione prolungata e aumento del rischio di cancro al seno è incerta, in particolare con il breve follow-up dei precedenti studi.
È stato valutato questo rischio a lungo termine nelle donne con diabete mellito di tipo 2.

Una coorte di donne di età pari o superiore a 40 anni, tutte trattate con Insulina a lunga durata d'azione ( Glargine, Detemir ) o Insulina NPH ( Neutral Protamine Hagedorn ) tra il 2002 e il 2012, è stata formata utilizzando il Clinical Practice Research Datalink del Regno Unito.
Le donne sono state seguite fino a febbraio 2015 o a diagnosi di cancro al seno.

Sono stati stimati gli hazard ratio ( HR ) aggiustati di carcinoma mammario incidente, confrontando gli analoghi dell'Insulina ad azione prolungata con NPH globalmente, nonché per durata e dose cumulativa.

La coorte ha compreso 22.395 donne che hanno ricevuto il trattamento con Insulina, con 321 eventi di cancro al seno incidente verificatisi durante 12 anni di follow-up ( tasso di incidenza 3.3 per 1.000 anni-persona ).

Rispetto all'Insulina NPH, l'Insulina glargine è risultata associata a un aumentato rischio di cancro al seno ( HR=1.44 ), in aumento principalmente 5 anni dopo l'inizio della somministrazione dell’Insulina glargine ( HR=2.23 ) e dopo più 30 prescrizioni ( HR=2.29 ).

Il rischio è stato particolarmente elevato tra le precedenti utilizzatrici di Insulina ( HR=1.53 ), ma non tra le nuove utilizzatrici, gruppo che includeva meno pazienti e per le quali non è stato possibile escludere un hazard ratio di 1.81.

Il rischio associato all'Insulina detemir non era significativamente elevato ( HR=1.17 ).

In conclusione, l'uso a lungo termine di Insulina glargine è associato a un aumentato rischio di cancro al seno nelle donne con diabete mellito di tipo 2.
Il rischio associato all'Insulina detemir rimane incerto perché ci sono meno utilizzatrici di questa Insulina. ( Xagena2017 )

Wu JW et al, J Clin Oncol 2017; 35: 3647-3653

Endo2017 Gyne2017 Onco2017 Farma2017


Indietro

Altri articoli

Nonostante il diffuso uso di integratori alimentari durante il trattamento del tumore, esistono pochi dati empirici in merito alla loro...


Le pazienti con tumore mammario HER2-positivo che hanno ricevuto due o più terapie precedenti per la malattia avanzata hanno poche...


Tra le donne sottoposte a chemioterapia per carcinoma mammario in fase iniziale, l'esposizione alle statine ha ridotto del 66% il...


Studi di chemioterapia adiuvante ad alte dosi ( HDCT ) non sono riusciti a mostrare un beneficio in termini di...


Alpelisib è un inibitore di PI3K alfa-specifico che ha mostrato efficacia nel trattamento dei carcinomi mammari avanzati positivi al recettore...


Uno studio prospettico ha mostrato che l'impiego di integratori antiossidanti durante la chemioterapia, oltre a Ferro e Vitamina B12,...


Il trattamento endocrino è raccomandato dalle linee guida cliniche come opzione di trattamento preferita per le donne in premenopausa e...


Lo studio WECARE ( Women's Environmental Cancer and Radiation Epidemiology ) ha dimostrato l'importanza della storia familiare di cancro al...


Una analisi secondaria di uno studio randomizzato ha evidenziato che le donne con diagnosi di tumore alla mammella che hanno...


Vi è incertezza sul programma ottimale di trattamento adiuvante del carcinoma mammario con inibitori dell'aromatasi e nessuno studio ha confrontato direttamente i tre inibitori dell'aromatasi Anastrozolo ( Arimidex...