Uso di bifosfonati e rischio di cancro al seno nelle donne in postmenopausa


Si è valutato se l'uso di bifosfonati fosse associato a diminuzione dell'incidenza di tumore al seno in una coorte di donne in postmenopausa.
La popolazione dello studio ha incluso 64.438 donne in post-menopausa che hanno partecipato alla coorte prospettica E3N ( Etude Epidémiologic auprès de femmes de la Mutuelle Générale de l'Education Nationale ); è stata determinata l’esposizione ai bifosfonati e l'uso di altri trattamenti per l’osteoporosi durante il follow-up.

Altre covariate ( fattori di rischio di tumore alla mammella, fattori di rischio clinici per le fratture osteoporotiche e sorveglianza della densità minerale ossea ) sono state derivate da questionari.
Gli hazard ratio ( HR ) di carcinoma mammario sono stati stimati considerando l'esposizione come variabile in base al tempo.

Con una media di 7.2 anni di follow-up ( 2004-2011 ), sono stati identificati 2.407 casi di cancro mammario primario.

L'hazard ratio di cancro al seno associato all'esposizione ai bifosfonati è stato pari a 0.98.

Non sono state riscontrate modificazioni dell'effetto per età, indice di massa corporea ( BMI ), tempo trascorso dalla menopausa, uso di terapia ormonale sostitutiva, uso di integratori di calcio o uso di integratori di vitamina D.

Non vi è stata eterogeneità tra le molecole di bifosfonati e nessuna tendenza in base alla dose cumulativa, alla durata d'uso o al tempo trascorso dall'ultimo utilizzo.

È stata osservata una riduzione del rischio di tumore alla mammella limitata all'anno dopo l'inizio del trattamento ( HR=0.56 ), che è stata probabilmente spiegata da un fattore di confondimento dei soggetti sani sottoposti a screening.

Infine, non sono state riscontrate variazioni di hazard ratio tra i carcinomi mammari definiti dal loro recettore degli estrogeni o dallo stato invasivo o in situ.

In conclusione, nella coorte osservazionale di donne in post-menopausa osservate nel periodo 2004-2011, l'uso dei bifosfonati, probabilmente prescritto per la gestione dell'osteoporosi, non è stato associato a una diminuzione dell'incidenza del cancro alla mammella. ( Xagena2017 )

Fournier A et al, J Clin Oncol 2017; 35: 3230-3239

Gyne2017 Onco2017 Farma2017


Indietro

Altri articoli

Nonostante il diffuso uso di integratori alimentari durante il trattamento del tumore, esistono pochi dati empirici in merito alla loro...


Le pazienti con tumore mammario HER2-positivo che hanno ricevuto due o più terapie precedenti per la malattia avanzata hanno poche...


Tra le donne sottoposte a chemioterapia per carcinoma mammario in fase iniziale, l'esposizione alle statine ha ridotto del 66% il...


Studi di chemioterapia adiuvante ad alte dosi ( HDCT ) non sono riusciti a mostrare un beneficio in termini di...


Alpelisib è un inibitore di PI3K alfa-specifico che ha mostrato efficacia nel trattamento dei carcinomi mammari avanzati positivi al recettore...


Uno studio prospettico ha mostrato che l'impiego di integratori antiossidanti durante la chemioterapia, oltre a Ferro e Vitamina B12,...


Il trattamento endocrino è raccomandato dalle linee guida cliniche come opzione di trattamento preferita per le donne in premenopausa e...


Lo studio WECARE ( Women's Environmental Cancer and Radiation Epidemiology ) ha dimostrato l'importanza della storia familiare di cancro al...


Una analisi secondaria di uno studio randomizzato ha evidenziato che le donne con diagnosi di tumore alla mammella che hanno...


Vi è incertezza sul programma ottimale di trattamento adiuvante del carcinoma mammario con inibitori dell'aromatasi e nessuno studio ha confrontato direttamente i tre inibitori dell'aromatasi Anastrozolo ( Arimidex...