Effetto del vaccino quadrivalente contro il papillomavirus umano nelle donne con malattia cervicale e vulvare


Si è cercato di determinare l'effetto del vaccino quadrivalente per il papillomavirus umano ( HPV ) sul rischio di sviluppare successiva malattia dopo una procedura di escissione per neoplasia intraepiteliale cervicale o diagnosi di verruche genitali, neoplasia intraepiteliale vulvare o neoplasia intraepiteliale vaginale.

Una analisi retrospettiva dei dati provenienti da due studi internazionali, in doppio cieco, controllati con placebo, randomizzati, di efficacia del vaccino quadrivalente HPV ( protocollo 013, FUTURE I, e protocollo 015, FUTURE II ).

Sono state coinvolte da 24 Paesi 17.622 donne di età compresa tra 15 e 26 anni, assegnate mediante randomizzazione 1:1 a vaccino oppure a placebo; 2.054 hanno subito un intervento di chirurgia cervicale o avevano diagnosi di condilomi genitali, neoplasia intraepiteliale vulvare o neoplasia intraepiteliale vaginale.

Sono state somministrate dosi di vaccino quadrivalente anti-HPV oppure placebo al giorno 1, mese 2 e mese 6.

La principale misura di esito era rappresentata dall’incidenza di malattia correlata alla infezione da virus HPV 60 giorni dopo il trattamento o di diagnosi, espressa come numero di donne con un endpoint per 100 anni-persona a rischio.

Un totale di 587 pazienti che hanno ricevuto vaccino e 763 che hanno ricevuto placebo sono state sottoposte a chirurgia del collo dell'utero.

L'incidenza di malattie correlate a infezione da HPV è stata del 6.6 e 12.2, rispettivamente, con vaccino e con placebo (riduzione del 46.2% con la vaccinazione).

La vaccinazione è risultata associata a una significativa riduzione del 64.9% del rischio di successiva malattia di alto grado della cervice.

In totale, a 229 donne vaccinate e a 475 che hanno ricevuto placebo sono stati diagnosticati condilomi genitali, neoplasia intraepiteliale vulvare o neoplasia intraepiteliale vaginale; l'incidenza di qualsiasi malattia correlata a HPV è stata del 20.1 e del 31.0, rispettivamente, con vaccino e placebo (riduzione del 35.2%).

In conclusione, una precedente vaccinazione con vaccino quadrivalente contro il virus HPV tra le donne sottoposte a trattamento chirurgico per malattia correlata a HPV ha ridotto in modo significativo l'incidenza di successive malattie correlate a HPV, tra cui la malattia ad alto grado. ( Xagena2012 )

Joura EA et al, BMJ 2012; 344: e1401

Inf2012 Gyne2012 Farma2012


Indietro

Altri articoli

Le opzioni di trattamento tardivo per le pazienti con tumore ovarico sono poche, con la percentuale di pazienti che ottengono...


Gli studenti universitari hanno alti tassi di carriage ( trasporto ) faringeo di Neisseria meningitidis. L’interruzione dell’acquisizione del carriage è...


Il vaccino quadrivalente per il papillomavirus umano ( HPV ) è raccomandato per tutte le ragazze e le donne dai...


E' emersa evidenza che il vaccino anti-HPV ( papillomavirus umano ) previene una infezione respiratoria incurabile nei bambini. L'incidenza di papillomatosi...


Il vaccino ProQuad è indicato per la vaccinazione simultanea contro morbillo, parotite, rosolia e varicella, in soggetti a partire dai...


ProQuad è indicato per la vaccinazione simultanea contro morbillo, parotite, rosolia e varicella, in soggetti a partire dai 12 mesi...


Menveo è un vaccino indicato per l’immunizzazione attiva di bambini ( di età pari o superiore ai 2 anni ),...


Case report hanno suggerito un legame tra vaccinazione per il papillomavirus umano ( HPV ) e lo sviluppo della sclerosi...


I vaccini meningococcici coniugati proteggono gli individui direttamente, ma possono anche conferire protezione di gruppo interrompendo la trasmissione del carriage...


La Commissione Europea ha concesso l’autorizzazione all’immissione in commercio del vaccino quadrivalente anti-HPV Gardasil per la prevenzione delle lesioni anali...