Efficacia a 4 anni della profilassi con vaccino quadrivalente per il papillomavirus contro neoplasia intraepiteliale cervicale, vulvare e vaginale e verruche ano-genitali


È stata valutata l’efficacia profilattica del vaccino quadrivalente contro il papillomavirus umano ( HPV ) nella prevenzione di neoplasie intraepiteliali cervicali di basso grado, vulvari e vaginali e di verruche anogenitali ( condiloma acuminata ).

Sono stati presi in considerazione i dati di due studi internazionali, in doppio cieco, controllati con placebo e randomizzati, sull’efficacia del vaccino quadrivalente contro HPV ( Gardasil ), protocollo 013 ( FUTURE I ) e protocollo 015 ( FUTURE II ) ).

Gli studi hanno avuto una durata di 4 anni e i risultati riportati derivano dai dati finali dello studio a 42 mesi di follow-up.

Sono state arruolate negli studi tra dicembre 2001 e maggio 2003, 17.622 donne di età compresa tra 16 e 26 anni.
I maggiori criteri di esclusione sono stati il numero di partner sessuali nel corso della vita ( maggiore di 4 ), storia di risultati anomali all’esame dello striscio cervicale, e gravidanza.

Alle donne sono stati somministrati 3 dosi di vaccino quadrivalente contro HPV ( per i sierotipi 6, 11, 16, e 18 ) oppure placebo al giorno 1, mese 2 e mese 6.

Le principali misure di esito erano l’efficacia del vaccino contro la neoplasia intraepiteliale cervicale, vulvare e vaginale di grado I e il condiloma in una popolazione comprendente soggetti trattati con le 3 dosi di vaccino, con test negativi per i tipi di HPV rilevanti del vaccino al giorno 1 e rimasti negativi fino al mese 7, e che non avevano presentato violazioni maggiori del protocollo.

All’analisi per protocollo, l’efficacia del vaccino contro lesioni correlate ai tipi di HPV presenti nel vaccino è stata del 96% per la neoplasia intraepiteliale cervicale di grado I, 100% per la neoplasia intraepiteliale vulvare e vaginale di grado I e 99% per il condiloma.

L’efficacia del vaccino contro qualunque lesione ( indipendentemente dal tipo di HPV ) nella popolazione generalmente naive è stata del 30%, 75% e 48%, rispettivamente, per la neoplasia intraepiteliale cervicale, vulvare e vaginale di grado I, e 83% per il condiloma.

In conclusione, il vaccino quadrivalente contro HPV ha fornito una sostanziale protezione contro lesioni di basso grado attribuibili ai tipi di HPV ( 6, 11, 16 e 18 ) e una riduzione sostanziale nel peso di queste malattie nel corso dei 42 mesi di follow-up. ( Xagena2010 )

FUTURE I/II Study Group, BMJ 2010; 341: c3493


Inf2010 Farma2010 Onco2010


Indietro

Altri articoli

Le opzioni di trattamento tardivo per le pazienti con tumore ovarico sono poche, con la percentuale di pazienti che ottengono...


Gli studenti universitari hanno alti tassi di carriage ( trasporto ) faringeo di Neisseria meningitidis. L’interruzione dell’acquisizione del carriage è...


Il vaccino quadrivalente per il papillomavirus umano ( HPV ) è raccomandato per tutte le ragazze e le donne dai...


E' emersa evidenza che il vaccino anti-HPV ( papillomavirus umano ) previene una infezione respiratoria incurabile nei bambini. L'incidenza di papillomatosi...


Il vaccino ProQuad è indicato per la vaccinazione simultanea contro morbillo, parotite, rosolia e varicella, in soggetti a partire dai...


ProQuad è indicato per la vaccinazione simultanea contro morbillo, parotite, rosolia e varicella, in soggetti a partire dai 12 mesi...


Menveo è un vaccino indicato per l’immunizzazione attiva di bambini ( di età pari o superiore ai 2 anni ),...


Case report hanno suggerito un legame tra vaccinazione per il papillomavirus umano ( HPV ) e lo sviluppo della sclerosi...


I vaccini meningococcici coniugati proteggono gli individui direttamente, ma possono anche conferire protezione di gruppo interrompendo la trasmissione del carriage...


La Commissione Europea ha concesso l’autorizzazione all’immissione in commercio del vaccino quadrivalente anti-HPV Gardasil per la prevenzione delle lesioni anali...