ADHD e disordini in comorbidità in relazione all’ambiente familiare e alla gravità dei sintomi


Ricercatori dell’University of Oulu in Finlandia hanno esaminato la comorbidità dell’ADHD in associazione con l’ambiente familiare e la gravità della malattia.

E’ stato condotto uno screening dei sintomi dell’ADHD tra gli adolescenti nati nel 1986 nel Nord della Finlandia ( n = 6622 ).

Un campione di questi adolescenti ( n = 457 ), età 16-18 anni, con o senza sintomi per l’ADHD sono stati valutati mediante un’intervista diagnostica ( Kiddie-SADS-PL ) e l’ADHD ed i disordini in comorbidità sono stati studiati in associazione alle caratteristiche familiari e al numero dei sintomi per l’ADHD.

Gli adolescenti con ADHD presentavano molto comunemente disordini della condotta ( p < 0.001 ), disturbi opposizionali ( p < 0.001 ), abuso di sostanze ( p < 0.001 ) e lieve depressione ( p < 0.001 ) rispetto agli adolescenti senza ADHD.

Gli adolescenti con ADHD e con disordini in comorbidità presentavano un maggior numero di sintomi ADHD ( p < 0.001 ) rispetto a quelli con solo ADHD.

Rispetto agli adolescenti con solo ADHD, quelli con ADHD e comorbidità vivevano più comunemente in famiglie non intatte, in famiglie a basso reddito, con madri che sono insoddisfatte della vita e con genitori che mostrano poco interesse nelle attività dei loro figli.

Lo studio ha mostrato che gli adolescenti che sviluppano disturbi di esternalizzazione in comorbidità con l’ADHD sembrano soffrire di una grave forma di ADHD, e vivono in un ambiente familiare che probabilmente non fornisce un sufficiente supporto per un ottimale sviluppo di un adolescente con ADHD. ( Xagena2007 )

Hurtig T et al, Eur Child Adolesc Psychiatry 2007, Epub ahead of print

Psyche2007 Pedia2007



Indietro

Altri articoli

È stata esaminata l'importanza relativa del diabete materno preesistente di tipo 1, diabete preesistente di tipo 2 e diabete mellito...


Uno studio ha mostrato che i bambini con epilessia o convulsioni febbrili possono avere un rischio maggiore di sviluppare il...


Gli antidepressivi, in particolare Atomexetina ( Strattera ), assieme agli stimolanti, hanno dimostrato beneficio nel trattamento di ADHD ( disturbo...


La depressione maggiore e la distimia nell’adolescenza sono associate a disabilità sostanziale, necessità di servizi per la salute mentale e...


Gli stimolanti del sistema nervoso centrale nel trattamento del disturbo da deficit di attenzione e iperattività ( ADHD ) possono...


Per meglio comprendere le capacità dei farmaci psicostimolanti di provocare reazioni psichiatriche avverse e per determinare la frequenza di tali...


Uno studio ha trovato che i farmaci stimolanti, impiegati nel trattamento del disturbo da deficit di attenzione e iperattività (...


La sicurezza e l’efficacia dei farmaci impiegati nel trattamento del disturbo da deficit di attenzione e iperattività ( ADHD )...


L’EMEA ( European Medicines Agency ) ha completato una revisione riguardo ai benefici e ai rischi del Metilfenidato ( Ritalin...


I pediatri del Royal Children’s Hospital a Victoria in Australia, hanno segnalato il caso di un ragazzo di 11 anni...