La Levotiroxina non riduce l'aborto spontaneo nelle donne con positività agli anticorpi anti-tireoperossidasi


Le donne eutiroidee con positività all'anticorpo tiroideo a cui era stata prescritta la Levotiroxina prima e durante la gravidanza non avevano più probabilità di una nascita vitale a 34 settimane di gestazione rispetto alle donne nelle stesse condizione assegnate al trattamento con placebo.

Nello studio TABLET in doppio cieco, controllato con placebo, sono stati analizzati i dati di 952 donne eutiroidee ( età media 33 anni ) con positività all'anticorpo anti-perossidasi tiroidea ( TPOAb ), reclutate da 49 ospedali della Gran Bretagna, che avevano avuto almeno un aborto o erano state sottoposte a trattamento per la fertilità.
Le donne sono state assegnate in modo casuale a ricevere 50 microg di Levotiroxina per os una volta al giorno ( n = 476 ) oppure placebo ( n = 476 ) prima del concepimento fino alla fine della gravidanza.
Una volta incinte, le donne sono state sottoposte a tre visite e a test di funzionalità tiroidea da 6 a 8 settimane, da 16 a 18 settimane e a 28 settimane.

All'interno della coorte, 266 donne nel gruppo Levotiroxina ( 56.6% ) e 274 donne nel gruppo placebo ( 58.3% ) sono rimaste incinte.

L'endpoint primario ( nascita vitale dopo almeno 34 settimane di gestazione ) si è verificato nel 37.4% del gruppo Levotiroxina contro il 37.9% del gruppo placebo, con un rischio relativo ( RR ) di 0.97 ( IC 95%, 0.83-1.14 ).

Non sono state osservate differenze tra i gruppi negli esiti di gravidanza, tra cui perdita della gravidanza, tassi di nascita pretermine o esiti neonatali.

Le donne nel gruppo Levotiroxina hanno presentato più eventi avversi rispetto alle donne assegnate a placebo ( 5.9% vs 3.8%; P = 0.14 ), tra cui un più alto tasso di preeclampsia e di diabete gestazionale.

Le percentuali di donne che hanno interrotto la terapia a causa di risultati anormali ai test di funzionalità tiroidea erano simili nei gruppi Levotiroxina e placebo, rispettivamente 9.8% e 9.6%.

Nell'analisi di sottogruppi pianificate a priori, i risultati sono persistiti per le donne con più alti valori di TSH ( ormone tireostimolante ) superiori a 2.5.

Dallo studio è emerso che la Levotiroxina non offre vantaggi in questa popolazione.( Xagena2019 )

Fonte: The Endocrine Society Annual Meeting, 2019

Gyne2019 Endo2019 Farma2019


Indietro

Altri articoli

Le donne in gravidanza con sindrome dell'ovaio policistico assegnate alla terapia con Metformina per la durata della gravidanza hanno presentato...


La candidosi vaginale è comune durante la gravidanza. Anche se le formulazioni intravaginali di antifungini azolici topici sono il trattamento...


È stata valutata l'associazione tra aborto spontaneo e prescrizione di vaccino per l'influenza con uno studio caso-controllo utilizzando i dati...


Il rischio di recidiva di depressione o di diagnosi di altri disturbi psichiatrici durante la gravidanza richiedono l’utilizzo di farmaci...


Preeclampsia, aborto spontaneo ricorrente e infertilità possono tutti essere in parte causati da alterata placentazione all'inizio della gravidanza.L'obiettivo della presente...


La sicurezza a lungo termine dell’aborto chirurgico nel primo trimestre è ben definita. Nonostante il crescente impiego dell’aborto medico (...


Una ricerca coordinata da Ricercatori del Dipartimento di Immunologia e Malattie Infettive dell’Harvard School of Public Health a Boston, ha...


L’obiettivo dello studio, coordinato dalla Sheffield University in Gran Bretagna, è stato quello di valutare l’impatto dell’obesità sul rischio di...


Una meta-analisi ha valutato l’effetto della vaginosi batterica come un fattore di rischio per il parto pre-termine. ...