Regime a base di Docetaxel, Cisplatino, Fluorouracile ( DCF ) modificato più efficace e meno tossico del regime DCF standard nel trattamento dell'adenocarcinoma gastrico metastatico


Il regime chemioterapico a base di Docetaxel, Cisplatino e Fluorouracile ( regime DCF ) rappresenta lo standard terapeutico per il trattamento di prima linea dell'adenocarcinoma gastrico in stadio avanzato e dell'adenocarcinoma della giunzione gastroesofagea, nonostante sia associato a un notevole grado di tossicità.

Uno studio multicentrico di fase II ha valutato il profilo di sicurezza e l'efficacia di un regime chemioterapico basato sugli stessi tre farmaci, somministrati a un dosaggio modificato.

Lo studio ha arruolato un totale di 85 pazienti non-trattati, dall'età media di 58 anni e con performance status Karnofsky del 90%, con diagnosi di adenocarcinoma gastrico in stato metastatico ( n=57 ) o adenocarcinoma della giunzione gastroesofagea ( n=28 ) nel periodo 2006-2010.

I pazienti sono stati randomizzati a ricevere il regime DCF modificato ( 2000 mg/m2 di Fluorouracile mediante infusione endovenosa per almeno 48 ore; 40 mg/m2 di Docetaxel per via endovenosa al giorno 1; 40 mg/m2 di Cisplatino per via endovenosa al giorno 3, somministrati ogni 2 settimane ) o il regime DCF standard ( 75 mg/m2 di Docetaxel; 75 mg/m2 di Cisplatino; 750 mg/m2 per infusione endovenosa dalla durata di 5 giorni, in aggiunta a fattore stimolante le colonie di granulociti ( G-CSF ), somministrati ogni 3 settimane ).

Nel gruppo di pazienti trattati con regime DCF modificato, il 54% dei pazienti ha sviluppato reazioni di tossicità di grado 3 o 4 nei primi 3 mesi di trattamento ( il 22% delle quali ha necessitato di ospedalizzazione ), mentre il 76% dei pazienti ha manifestato reazioni di tossicità durante l'intero corso del trattamento.

Il braccio trattato con regime DCF standard è stato interrotto precocemente in seguito all'elevata tossicità associata al trattamento, con il 71% dei pazienti che ha sviluppato reazioni di tossicità di grado 3 o 4 nei primi 3 mesi di trattamento ( il 52% delle quali ha necessitato di ospedalizzazione ) e il 90% dei pazienti che ha sviluppato reazioni di tossicità nell'intero corso del trattamento.

Il tasso di sopravvivenza libera da progressione è stato del 63% ( intervallo di confidenza [ IC ] 95%: 48-75% ) nel gruppo trattato con regime DCF modificato e del 53% ( IC 95%: 34-69% ) nel gruppo trattato con regime DCF standard.
La sopravvivenza globale mediana è risultata migliorata nel gruppo trattato con regime DCF modificato ( 18.8 vs 12.6 mesi; P = 0.007 ).

In conclusione, il regime DCF modificato si è rivelato meno tossico del regime DCF standard, anche quando addizionato a fattori di crescita, ed è stato associato a una maggiore efficacia.
Il regime DCF modificato dovrebbe essere quindi considerato come la terapia standard di prima linea per i pazienti con adenocarcinoma gastrico metastatico o adenocarcinoma della giunzione gastroesofagea. ( Xagena2015 )

Shah M et al, J Clin Oncol 2015; 33: 3874-3879

Onco2015 Gastro2015 Farma2015


Indietro

Altri articoli

Dal 5% al 9% degli adenocarcinomi del dotto pancreatico ( PDAC ) si sviluppa in pazienti con mutazione BRCA1/2 o...



Le opzioni terapeutiche efficaci sono limitate per i pazienti con tumore esofageo avanzato e metastatico che progredisce dopo due o...


Sia la combinazione Nintedanib e Docetaxel sia le immunoterapie anti-PD-1 / PD-L1 hanno dimostrato efficacia come trattamento di seconda linea...


La chemioterapia e la chirurgia perioperatoria sono uno standard di cura per l'adenocarcinoma gastroesofageo operabile. La terapia anti-HER2 migliora la...


La scoperta delle mutazioni di EGFR nel tessuto tumorale è l'approccio standard per stabilire se un paziente trarrà beneficio dal...


Sebbene i pazienti con adenocarcinoma pancreatico resecato siano ad alto rischio di recidiva della malattia, sono disponibili pochi biomarcatori per...


I dati dello studio KEYNOTE-059 hanno mostrato che Pembrolizumab ( Keytruda ) presenta una promettente attività da solo o in...


La chemioterapia peri-operatoria seguita dalla chirurgia è uno standard di cura per i pazienti con adenocarcinoma esofagogastrico resecabile.  Bevacizumab ( Avastin...


La disregolazione della via di segnalazione della transizione mesenchimale-epiteliale ( MET ) è associata a prognosi infausta nell’adenocarcinoma gastroesofageo. Sono stati...