EMA ha raccomandato di armonizzare le dosi dei medicinali contenenti Metamizolo, un analgesico, e il loro uso durante la gravidanza e l'allattamento


A seguito di una revisione dei medicinali contenenti l'antidolorifico Metamizolo, l'EMA ( European Medicines Agency ) ha raccomandato che la dose massima giornaliera del medicinale e le controindicazioni relative al suo utilizzo durante la gravidanza o nelle donne che allattano al seno siano armonizzate per tutti i prodotti sul mercato dell'Unione Europea.

La raccomandazione affronta le discrepanze nelle informazioni sul prodotto per i medicinali contenenti Metamizolo, che sono commercializzati in molti stati membri dell'Unione Europea per il trattamento del dolore in forma grave e della febbre che non possono essere controllati con altri trattamenti.

La revisione è stata effettuata dal Comitato per i medicinali ad Uso Umano ( CHMP ) dell'EMA su richiesta della Polonia, preoccupata dalle sostanziali differenze nelle raccomandazioni sull'uso del Metamizolo in diversi paesi dell'Unione Europea, dato che è noto che il medicinale può occasionalmente causare gravi effetti indesiderati, come gli effetti ematologici.

L'Agenzia ha esaminato le informazioni disponibili sulla modalità di distribuzione del medicinale nel corpo, sul meccanismo d’azione e i limitati dati sui suoi effetti sul nascituro o sul bambino allattato al seno.

Le raccomandazioni dell'EMA comprendono l'impostazione di una dose singola massima per bocca di 1.000 mg, somministrata fino a 4 volte al giorno ( dose giornaliera massima di 4.000 mg ), in pazienti di età pari o superiore ai 15 anni.
Il trattamento dovrebbe iniziare alla dose minima raccomandata e dovrebbe essere aumentata solo se necessario.
Se somministrato per iniezione, la dose giornaliera totale non deve superare i 5.000 mg.
Le dosi nei pazienti più giovani dovrebbero essere basate sul loro peso corporeo, ma alcuni prodotti potrebbero non essere adatti a causa del loro dosaggio.

Sebbene il Metamizolo sia presente sul mercato da quasi un secolo, le prove dei suoi effetti in gravidanza e allattamento al seno sono scarse.
La revisione ha trovato poche evidenze che possano suggerire problemi all'inizio della gravidanza e le dosi singole nei primi 6 mesi potrebbero essere accettabili se non è possibile utilizzare altri analgesici.
Tuttavia, vi sono alcune prove di effetti sui reni e sulla circolazione del feto se il medicinale viene usato negli ultimi 3 mesi di gravidanza e pertanto il medicinale non deve essere usato in questo periodo.
Come precauzione, il metamizolo non deve essere usato durante l'allattamento perché il bambino può ricevere elevate quantità di medicinale rispetto al peso del bambino attraverso il latte.

Informazioni per i pazienti e gli operatori sanitari

• L'EMA ha completato una revisione dell’antidolorifico Metamizolo, utilizzato in molti Paesi dell'Unione Europea per il trattamento del dolore in forma grave e della febbre che non possono essere controllati con altri trattamenti.

• L'EMA ha raccomandato delle modifiche alle informazioni sul prodotto del Metamizolo, per garantire che le indicazioni sulle dosi massime giornaliere e le avvertenze per non usare il medicinale durante gli ultimi 3 mesi di gravidanza o durante l'allattamento al seno siano coerenti in tutta l'Unione Europea.

Maggiori informazioni sul medicinale

Il Metamizolo ( noto anche come Dipirone ) è un analgesico ( antidolorifico ) che può anche alleviare la febbre e lo spasmo muscolare.
È stato usato per molti decenni nell'Unione Europea per via orale, come supposte o per iniezione, per trattare il dolore in forma grave e la febbre che non possono essere controllati con altri trattamenti.

I medicinali contenenti Metamizolo sono disponibili in Bulgaria, Croazia, Germania, Ungheria, Italia, Lituania, Polonia, Romania, Slovenia e Spagna con diversi nomi compresi Algifen, Algifen Neo, AlgiMabo, Algoblock, Algocalmin, Algopyrin, Algozone, Alindor, Alkagin, Alvotor, Amizolmet, Analgin, Benalgin, Benlek, Berlosin, Buscapina Compositum, Dialgin, Dolocalma, Flamborin, Freshalgin, Gardan, Generalgin, Hexalgin, Litalgin, Locamin, Metagelan, Metalgial, Metamilan, Metamistad, Metapyrin, Metarapid, Nevralgin, Nodoryl, Nolotil, Novalgin, Novalgina, Novalgine, Novaminsulfon, Novocalmin, Panalgorin, Parakofdal, Piafen, Piralgin, Proalgin, Pyralgin, Pyralgina, Quarelin, Scopolan Compositum, Spasmalgon, Spasmoblok, Tempalgin e Tempimet. ( Xagena2018 )

Fonte: EMA, 2018

Gyne2018 Med2018 Farma2018


Indietro

Altri articoli

I risultati di una analisi aggregata hanno mostrato che l'allattamento al seno sembra essere associato a un rischio ridotto...


É stato studiato l'effetto del menarca, delle gravidanze e dell'allattamento al seno sul rischio di sviluppare sclerosi multipla ( MS...


La gestione dei farmaci durante la gravidanza e l'allattamento nei pazienti con sclerosi multipla deve bilanciare i potenziali rischi per...


Non è chiaro se l'integrazione materna di Vitamina-D durante la gravidanza e l'allattamento migliori la crescita fetale e infantile nelle...


L'allattamento al seno per almeno 12 mesi o l'allattamento al seno per almeno 6 mesi riduce il rischio di sviluppare...


I benefici per la salute a breve e lungo termine dell'allattamento al seno sono noti, ma una ricerca ha dimostrato...


Uno studio ha verificato se l'uso dei contraccettivi orali o l'allattamento al seno influenzino il rischio di artrite reumatoide, stratificando...


Controindicazioni L’uso di Ferinject ( Carbossimaltosio ferrico ), un farmaco per via iniettiva nella carenza da ferro, è controindicato in caso...


L'allattamento al seno è associato a una diminuzione del rischio di tumore della mammella, ma i suoi effetti sulla prognosi...