BPCO: effetti proaritmici e proischemici dei farmaci anticolinergici per via inalatoria


La maggior parte dei decessi nella broncopneumopatia cronica ostruttiva ( BPCO ) sono dovute a cause cardiovascolari. Diversi grandi studi randomizzati e controllati hanno dimostrato che gli anticolinergici per via inalatoria Ipratropio ( Atem ) e Tiotropio ( Spiriva ) aumentano il rischio di gravi eventi cardiovascolari, compresa la mortalità cardiovascolare.

Il Tiotropio Respimat ( Spiriva Respimat ) è associato a un rischio di aumento statisticamente significativo di mortalità ( rischio relativo, RR=1.52 ) e di morte cardiovascolare ( RR=2.05 ), rispetto al placebo, in una meta-analisi di studi clinici.

Nello studio di più ampie dimensioni, il sottogruppo di pazienti con BPCO nel gruppo Tiotropio Respimat con noti disturbi del ritmo e con disordini cardiaci al basale ha presentato un rischio particolarmente elevato di mortalità cardiaca ( RR=8.6 ).

Sebbene non sia stato riscontrato un aumento significativo del rischio di mortalità ( hazard ratio, HR=0.89 ) o infarto del miocardio ( RR=0.73 ) con Tiotropio HandiHaler ( Spiriva HandiHaler ) nello studio UPLIFT ( Understanding Potential Long-Term Impacts on Function with Tiotropium ), l'eccesso riportato di angina ( RR=1.44 ), uno squilibrio negli ictus ischemici e il tasso delle tachiaritmie sopraventricolari sono coerenti con gli effetti pro-ischemici e pro-aritmici.

I soggetti a maggior rischio di decesso cardiovascolare, come ad esempio quelli con una storia recente di infarto miocardico, aritmie cardiache instabili o pericolose per la vita, o di ricovero ospedaliero per insufficienza cardiaca, sono stati esclusi dallo studio UPLIFT.

Lo studio POET-COPD ( Prevention of Exacerbations with Tiotropium in COPD ) ha mostrato un eccesso di gravi eventi coronarici ischemici di angina, ischemia miocardica e infarto miocardico con Tiotropio Handihaler, rispetto a Salmeterolo.

E’ necessaria attenzione nella prescrizione dei farmaci anticolinergici per via inalatoria per i pazienti con preesistenti aritmie o disturbi cardiaci. ( Xagena2013 )

Singh S et al, Thorax 2013; 68: 114-116


Pneumo2013 Cardio2013 Farma2013


Indietro

Altri articoli

Un nuovo studio ha fornito la più forte evidenza che i farmaci anticolinergici possono aumentare il rischio di demenza negli...


E’ stata valutata l'efficacia e la sicurezza di OnabotulinumtoxinA ( Botox ) per il trattamento della iperattività detrusoriale neurogena (...


L’Agenzia regolatoria statunitense FDA ( Food and Drug Administration ) ha approvato l'uso di Onabotulinumtoxina A ( Botox ) per...


La maggior parte dei decessi nella BPCO ( broncopneumopatia cronica ostruttiva ) sono dovuti a cause cardiovascolari. Diversi grandi studi...


Una percentuale compresa tra 16% e 45% degli adulti mostra sintomi di vescica iperattiva, urgenza minzionale con incontinenza urinaria da...


Uno studio longitudinale ha trovato un'associazione tra l'uso di farmaci con effetti anticolinergici e significativo declino cognitivo ed aumento della...


La BPCO ( broncopneumopatia cronica ostruttiva ) è sempre stata considerata un disturbo sistemico complesso con varie co-morbidità, soprattutto cardiovascolari,...


Nonostante l’alta assunzione di farmaci con proprietà anticolinergiche da parte delle persone anziane, gli effetti sul declino cognitivo e la...


Pochi studi hanno esaminato la prevalenza degli effetti avversi anticolinergici dei farmaci antipsicotici.Ricercatori del Seacroft Hospital, a Leeds ( Gran...