Anticorpi monoclonali con bersaglio PCSK9: l’effetto ipocolesterolemizzante di Alirocumab rimane costante nel lungo periodo


Sono stati presentati, durante il Meeting dell’American College of Cardiology ( ACC ) i dati a 18 mesi ( 78 settimane ) di uno studio di fase III condotto con Alirocumab ( Praluent ), che ha arruolato 2.341 pazienti ad alto rischio con ipercolesterolemia.
I risultati sono stati pubblicati su The New England Journal of Medicine ( NEJM ).

Lo studio ODYSSEY LONG TERM ha valutato Alirocumab alla dose di 150 mg ( n=1553 ), ogni due settimane, rispetto al placebo ( n=788 ), in pazienti ad alto rischio cardiovascolare e che stavano assumendo statine alla massima dose tollerata con o senza altro trattamento ipolipidemizzante.
Hanno preso parte allo studio anche pazienti con ipercolesterolemia famigliare eterozigote ( n=276 nel braccio Alirocumab, n=139 nel braccio placebo ).
Tutti i pazienti hanno ricevuto 78 settimane di trattamento, seguiti da 8 settimane di valutazione di sicurezza.
Alirocumab veniva assunto mediante autosomministrazione sottocutanea da parte del paziente.

Alla settimana 24, Alirocumab ha ridotto il colesterolo LDL dal basale di un ulteriore 62% rispetto al placebo ( p inferiore a 0.0001 ) quando aggiunto all’attuale standard di cura, che comprendeva le statine alla massima dose tollerata.

L’efficacia è rimasta costante durante tutto il trattamento, e alla 78.a settimana è stata riscontrata una riduzione del 56% del colesterolo LDL, rispetto al basale, per Alirocumab versus placebo ( p inferiore a 0.0001 ).

Alla settimana 24, l’81% dei pazienti nel gruppo Alirocumab ha raggiunto l’obiettivo prestabilito di colesterolo LDL ( 70 mg/dl [ mg/dL ] o 100 mg/dL sulla base del rischio cardiovascolare al basale ), contro l’8.5% per il gruppo placebo ( p inferiore a 0.0001 ).

Gli eventi avversi si sono verificati nell’81% dei pazienti trattati con Alirocumab e nell’83% dei pazienti trattati con placebo, causando una sospensione della terapia, rispettivamente, nel 7.2% e nel 5.8% dei pazienti.
Gli eventi avversi erano simili tra i gruppi, a parte le differenze di reazioni al sito di iniezione ( 5.9% con Alirocumab, 4.2% con placebo ), mialgia ( 5.4% vs 2.9% ), eventi neurocognitivi ( 1.2% vs 0.5% ), ed eventi oftalmologici ( 2.9% vs 1.9% ).
In un’analisi di sicurezza con dati aggregati su 3759 pazienti da 9 studi con Alirocumab versus placebo, i tassi di eventi neurocognitivi e muscolo-scheletrico correlati erano generalmente bilanciati tra Alirocumab e placebo.

Alla 78.a settimana, gli effetti avversi cardiovascolari prespecificati, aggiustati, si sono presentati nel 4.6% e nel 5.1%, rispettivamente, con Alirocumab e placebo.

In una analisi post hoc condotta utilizzando un endpoint pre-specificato che comprendeva morte per malattia coronarica, infarto miocardico, ictus, o angina instabile richiedente ospedalizzazione, è stato osservato un più basso tasso di eventi avversi cardiaci nel gruppo Alirocumab ( 27 su 1550 pazienti, 1.7% ) rispetto al gruppo placebo ( 26 su 788 pazienti, 3.3%; hazard ratio, HR=0.52; IC 95%, 0.31-0.90; p nominale=0.02 ).
Le curve di incidenza cumulativa divergevano progressivamente nel tempo.

Lo studio ODYSSEY LONG TERM non è stato progettato per valutare gli esiti cardiovascolari.
Il numero di eventi cardiovascolari osservati nella analisi post hoc era relativamente piccolo; questo limita la capacità di trarre conclusioni sugli effetti di Alirocumab sugli eventi cardiovascolari.
Lo studio ODYSSEY OUTCOMES valuterà i benefici cardiovascolari di Alirocumab su approssimativamente 18.000 pazienti nell’arco di 5 anni.

Alirocumab è un anticorpo monoclonale, interamente umano, che ha come bersaglio PCSK9 ( proproteina convertasi subtilisina/kexina di tipo 9 ). ( Xagena2015 )

Fonte: Sanofi, 2015

Endo2015 Farma2015


Indietro

Altri articoli

L'impiego nel breve periodo degli anticorpi monoclonali che legano il peptide correlato al gene della calcitonina ( CGRP ) è...


Le strategie atte a migliorare l'efficacia del sistema immunitario contro la malattia tumorale rappresentano una importante innovazione, con la recente...


L’entrata in commercio degli anticorpi monoclonali anti-PCSK9, Alirocumab ed Evolocumab, per l’ipercolesterolemia non-responder alle statine e per l’ipercolesterolemia familiare rappresenta...


L'incidenza della uveite non-infettiva su una base di malattia psoriasica è stimata essere pari a 7-20%. L'impiego di inibitori del...


Rozrolimupab è una miscela di 25 anticorpi monoclonali ricombinanti, completamente umani RhD-specifica.In uno studio di aumento di dose ( dose...


Sono necessarie nuove terapie per gestire l’aumentata incidenza, gravità e l’alto tasso di ricorrenza dell’infezione da Clostridium difficile. E’...


Fin dalla loro introduzione, gli anticorpi monoclonali hanno presentato un ruolo nel trattamento di un’ampio numero di disordini. Tuttavia, la...


La leucemia linfocitica cronica ( LLC ) a cellule B è un disturbo ematopoietico clonale, caratterizzato da proliferazioni ed accumulo...


Lo studio ha valutato l’effetto dell’inibizione della subunità CD11a a livello delle placche psoriasiche. Hanno partecipato allo studio 39 pazienti...