Prevenzione dell'emicrania episodica: sicurezza degli anticorpi monoclonali leganti CGRP


L'impiego nel breve periodo degli anticorpi monoclonali che legano il peptide correlato al gene della calcitonina ( CGRP ) è risultato ben tollerato e sicuro nella prevenzione dell'emicrania episodica.

Sono stati ricercati studi randomizzati e controllati riguardanti gli anticorpi monoclonali leganti CGRP per la prevenzione dell'emicrania episodica.

Sono stati identificati 10 studi di alta qualità che hanno preso in esame 4 anticorpi monoclonali leganti CGRP ( Galcanezumab [ Emgality ], Erenumab [ Aimovig ], Fremanezumab [ Ajovy ], Eptinezumab ), che hanno coinvolto un totale di 5817 partecipanti.

Gli eventi avversi sono stati riportati nel 2% o più dei partecipanti e solo il dolore al sito di iniezione era significativamente più alto nel gruppo anticorpi monoclonali leganti CGRP rispetto al placebo.

Nel valutare i profili dei singoli anticorpi monoclonali, i ricercatori hanno identificato 6 diverse dosi di Galcanezumab, 4 differenti dosi di Erenumab e 3 differenti dosi di Fremanezumab.

Rispetto al placebo, alcuni dei diversi gruppi di dosaggio erano associati a tassi significativamente più elevati di nasofaringite ( Galcanezumab 5 mg ), eventi avversi gravi ( Galcanezumab 120 mg ), dolore al sito di iniezione ( Galcanezumab 150 mg e 300 mg ), eritema al sito di iniezione ( Galcanezumab 120 mg e 240 mg ), eventi avversi complessivi ( Erenumab 70 mg e 140 mg ) ed eventi avversi correlati al trattamento ( Fremanezumab 225 mg/mese e 675 mg/trimestre ).

Limiti dell'analisi: la focalizzazione era solo sugli effetti collaterali a breve termine degli anticorpi monoclonali leganti CGRP, i criteri di inclusione differivano tra gli studi e il periodo in doppio cieco variava da 3 a 6 mesi.
Alcuni eventi avversi, come la stitichezza, sono stati citati solo in alcuni degli studi e quindi non sono stati inclusi nell'analisi.

Dalla ricerca è emerso che gli anticorpi monoclonali che legano CGRP sono generalmente sicuri e ben tollerati per prevenire l'emicrania episodica.
Il dolore al sito di iniezione può essere l'evento avverso maggiore associato a Galcanezumab nonostante il basso tasso di interruzione.
Studi futuri dovrebbero valutare la sicurezza a lungo termine delle terapie con anticorpi monoclonali leganti CGRP. ( Xagena2019 )

Fonte: Cephalalgia, 2019

Neuro2019 Farma2019


Indietro

Altri articoli

Le strategie atte a migliorare l'efficacia del sistema immunitario contro la malattia tumorale rappresentano una importante innovazione, con la recente...


L’entrata in commercio degli anticorpi monoclonali anti-PCSK9, Alirocumab ed Evolocumab, per l’ipercolesterolemia non-responder alle statine e per l’ipercolesterolemia familiare rappresenta...


Sono stati presentati, durante il Meeting dell’American College of Cardiology ( ACC ) i dati a 18 mesi ( 78...


L'incidenza della uveite non-infettiva su una base di malattia psoriasica è stimata essere pari a 7-20%. L'impiego di inibitori del...


Rozrolimupab è una miscela di 25 anticorpi monoclonali ricombinanti, completamente umani RhD-specifica.In uno studio di aumento di dose ( dose...


Sono necessarie nuove terapie per gestire l’aumentata incidenza, gravità e l’alto tasso di ricorrenza dell’infezione da Clostridium difficile. E’...


Fin dalla loro introduzione, gli anticorpi monoclonali hanno presentato un ruolo nel trattamento di un’ampio numero di disordini. Tuttavia, la...


La leucemia linfocitica cronica ( LLC ) a cellule B è un disturbo ematopoietico clonale, caratterizzato da proliferazioni ed accumulo...


Lo studio ha valutato l’effetto dell’inibizione della subunità CD11a a livello delle placche psoriasiche. Hanno partecipato allo studio 39 pazienti...