Apixaban dopo sindromi coronariche acute in pazienti con precedente ictus: studio APPRAISE-2


I pazienti con precedente ictus sono a maggior rischio di eventi cardiovascolari ricorrenti post-sindromi coronariche acute ( ACS ) e possono avere un profilo rischio / beneficio diverso con la terapia antitrombotica rispetto ai pazienti senza precedente ictus.

Sono stati studiati 7.391 pazienti con sindrome coronarica acuta dallo studio APPRAISE-2, stratificati per la presenza o l'assenza di un precedente ictus.
Le caratteristiche di base e gli esiti di morte cardiovascolare, infarto miocardico o ictus sono stati confrontati tra i gruppi.
Le interazioni tra ictus precedente, assegnazione del trattamento ( Apixaban [ Eliquis ] vs placebo ) ed esiti sono state testate prima e dopo l'aggiustamento secondo variabili.

In totale 902 pazienti ( 12% ) avevano sofferto in precedenza di ictus. Quelli con precedente ictus erano più anziani ( 69 vs 67 anni ), avevano più ipertensione ( 91% vs 77% ), malattia vascolare periferica ( 22% vs 18% ), funzionalità renale compromessa ( 38% vs 30% ) ma meno diabete ( 44% vs 48% ), rispetto a quelli senza ictus precedente.

I pazienti con ictus precedente versus nessun ictus precedente avevano tassi più elevati non-aggiustati di morte cardiovascolare ( 4.8% vs 4.0% ), infarto miocardico ( 11.2% vs 7.1% ) e ictus ischemico ( 3.2% vs 0.9% ).

I pazienti con precedente ictus assegnati ad Apixaban avevano tassi simili del composito di morte cardiovascolare, infarto miocardico o ictus, rispetto a quelli assegnati al placebo ( hazard ratio, HR=1.39 ).

I pazienti senza precedente ictus assegnati ad Apixaban presentavano tassi simili di morte cardiovascolare, infarto miocardico o ictus ischemico, rispetto a quelli assegnati al placebo ( HR=0.87; P interazione=0.041 ).

Il follow-up mediano è stato di 240 giorni.

In conclusione, i pazienti con precedente ictus presentano un rischio più elevato di eventi cardiovascolari ricorrenti post-sindrome coronarica acuta, e presentano un differente profilo rischio / beneficio con anticoagulanti orali. ( Xagena2018 )

Sherwood MW et al, Am Heart J 2018; 197: 1-8

Cardio2018 Neuro2018 Farma2018


Indietro

Altri articoli

Rispetto alla popolazione generale, i pazienti con malattia renale cronica avanzata hanno un carico di fibrillazione atriale di 10 volte...


Le lineeguida mettono in guardia contro l'uso di anticoagulanti orali non-antagonisti della vitamina K in pazienti con peso corporeo estremamente...


Ondexxya è un medicinale usato per fermare il sanguinamento potenzialmente fatale o incontrollato negli adulti che assumono i medicinali anticoagulanti...


Apixaban ( Eliquis ) e Rivaroxaban ( Xarelto ), entrambi anticoagulanti orali ad azione diretta, vengono sempre più utilizzati nella...


Sono stati valutati l'uso e gli esiti della terapia antipiastrinica in pazienti sottoposti a intervento coronarico percutaneo ( PCI )...


I pazienti con malattia renale allo stadio terminale in dialisi sono stati esclusi dagli studi clinici sugli anticoagulanti orali diretti...


Apixaban è risultato superiore a due altri nuovi anticoagulanti orali non-antagonisti-della-vitamina K ( NOAC ) in un'ampia analisi di dati...


Dallo studio EMANATE è emerso che i pazienti con fibrillazione atriale che hanno ricevuto Apixaban ( Eliquis ) prima della...


Nello studio ARISTOTLE ( Apixaban for Reduction of Stroke and Other Thromboembolic Complications in Atrial Fibrillation ), la dose standard...